Azor Ahai

Chi è Azor Ahai? Il passato, ne Le cronache del ghiaccio e del fuoco di George R.R. Martin, è importantissimo. Io ne ho parlato brevemente (mica tanto brevemente, in realtà sono 8 pagine, ma per sviscerare davvero l’argomento servirebbe un libro intero) nel sesto numero di Effemme. Il passato… può essere passato da un diverso numero di anni, ma essere ugualmente forte. Se non ci credete provate a leggere Ysabel di Guy Gavriel Kay, con una storia costruita sull’importanza del passato e sulla sua influenza sul presente, che i fatti siano trascorsi da venticinque secoli o da venticinque anni.

Il passato di Martin è quello della guerra che ha portato sul trono Robert Baratheon quindici anni prima ma anche quello leggendario della Lunga Notte di ottomila anni prima. In entrambi i casi, e in tutti gli avvenimenti che Martin ci narra, c’è un margine d’incertezza, noi non sappiamo davvero cosa è avvenuto e ci dobbiamo basare su informazioni incomplete e frammentarie, magari integrate da nuove informazioni incomplete e frammentarie fornite qualche centinaio di pagine più avanti.

Il drago ha tre teste, questo lo sappiamo. Rhaegar parlava del principe che fu promesso. E Azor Ahai? Non è detto che il principe che fu promesso e Azor Ahai siano la stessa persona, non sappiamo neppure chi sarà importante e chi no. Intanto diamo uno sguardo al simpaticone che ha combattuto gli Estranei con le parole dello stesso George R.R. Martin. La foto accanto a ogni brano è un’indicazione del libro da cui sto facendo uno spoiler, e qua dentro ce ne sono parecchi. Arrivo fino a La danza dei draghi, libro e serie televisiva, e forse pure oltre. In fondo David Benioff si è lavato le mani dichiarando che l’idea non è sua.

.

Melisandre era vestita in satin scarlatto e velluto rosso sangue e i suoi occhi parevano essere avvolti dalle fiamme come il rubino rosso che scintillava alla sua gola. «Negli antichi libri di Asshai sta scritto che verrà il giorno, dopo la lunga estate, in cui le stelle sanguineranno e il respiro gelido delle tenebre scenderà a incombere sul mondo. In questa ora terribile, un guerriero estrarrà dal fuoco una spada fiammeggiante. Quella spada sarà la Portatrice di luce, la Spada rossa degli eroi, e colui il quale la impugnerà sarà Azor Ahai reincarnato. E di fronte a lei le tenebre fuggiranno.» La Donna Rossa parlò a voce più alta, facendosi udire da tutti. «Azor Ahai, prediletto di R’hllor! Guerriero della Luce, Figlio del Fuoco! Vieni avanti, la tua spada ti attende! Vieni avanti e sollevala in pugno!»

Stannis Baratheon avanzò come un soldato che marci in battaglia. I suoi scudieri andarono a mettersi ai suoi lati. Davos rimase a guardare suo figlio Devan che faceva scivolare un lungo guanto imbottito sulla mano destra del re. Il ragazzo indossava un farsetto color crema con un cuore fiammeggiante ricamato sul pettorale sinistro. Bryen Farring, l’altro scudiero, addobbato nello stesso modo, annodò i lacci di una rigida cappa di pelle attorno alla gola del sovrano. Alle proprie spalle, Davos udì un vago suono di campanelle: cling-a-dang, bong-dong, ring-a-ling.

«Sotto il mare, il fumo sale a bolle. E le fiamme ardono nere e verdi e blu.» Era Macchia che cantava da qualche parte. «Lo so io, oh-oh-oh.»

Re Stannis andò a immergersi nel fuoco, mascella serrata e cappa di cuoio stretta al petto per tenere lontane le fiamme. Puntò dritto verso il simulacro della Madre, afferrò la spada con la mano guantata e la estrasse dal legno che bruciava con un unico, deciso strattone. Poi si ritirò, la spada alta sopra la testa, fiamme color verde giada che si attorcigliavano sulla lama incandescente. Le guardie si precipitarono a soffocare i piccoli focolai d’incendio che avevano cominciato a fumare sugli abiti del re.

«Una spada di fuoco!» gridò la regina Selyse. Ser Axell Florent e gli altri uomini della sovrana si unirono al suo grido. «Una spada di fuoco! Brucia, brucia! Una spada di fuoco!»

Melisandre alzò le mani sopra la testa, gridando: «Guardate! Un segno era stato promesso e noi ora abbiamo assistito al suo realizzarsi. Guardate la Portatrice di luce! Azor Ahai è risorto! Salutiamo tutti il Guerriero della Luce, salutiamo tutti il Figlio del Fuoco!».

Quelle parole furono seguite da urla caotiche. Proprio in quel momento, il guanto di Stannis si mise a fumare, generando corte lingue di fuoco. Imprecando, il re conficcò la spada nella terra umida e picchiò furiosamente il guanto contro la gamba, soffocando le fiamme.

«Signore, fa’ scendere la tua luce su di noi!» invocò Melisandre.

«Perché la notte è oscura e piena di terrori» fecero eco Selyse e i suoi cortigiani.

“Devo pronunciarle anch’io queste parole?” si domandò Davos. “Devo davvero tanto a Stannis? E questo dio di fuoco, è davvero il suo nuovo, vero dio?” Sentì le sue dita mutilate che formicolavano.

George R.R. Martin, Il regno dei lupi, pagine 153-154.

.

«Quella spada, amico mio, non è la Portatrice di luce.»

«Spada?» L’improvviso cambio di argomento mise Davos a disagio. «Quale spada?»

«Quella estratta dalle fiamme, ricordi? Gli uomini mi raccontano tutto, forse sarà per il mio sorriso accattivante! In che modo una spada bruciata aiuterà l’ascesa di Stannis?»

«Non una spada bruciata, Salladhor» lo corresse Davos. «Una spada che brucia.»

«Bruciata» insistette Salladhor Saan. «E tu, mio buon amico, sii grato che sia così. Conosci la storia di come venne forgiata la Portatrice di luce? Permetti che t’illumini. Era un’epoca il cui il mondo era avvolto in profonde tenebre. Per opporsi all’oscurità, un eroe deve avere una spada degna di un eroe, oh sì, una spada come non ne è mai esistita l’eguale. E così, per trenta giorni e trenta notti, Azor Ahai si sfinì nella forgia del suo tempio, creando dai fuochi sacri una lama prodigiosa. Calore e martello e piegatura, calore e martello e piegatura, oh sì, fino a quando la spada non fu finalmente pronta. Eppure, quando Azor Ahai immerse l’acciaio nell’acqua per temprarlo, questo si spezzò in mille frammenti.

«Essendo lui un eroe, non era certo tipo da lasciar perdere e andare alla ricerca di ottima uva come questa. Per cui ricominciò tutto dal principio. La seconda volta, gli ci vollero cinquanta giorni e cinquanta notti, e la nuova spada sembrava addirittura più prodigiosa dell’altra. Azor Ahai catturò un leone: intendeva temprare la lama immergendola nel cuore della fiera, ma ancora una volta l’acciaio andò in mille pezzi. Grande fu il suo disappunto e altrettanto grande fu il dolore, perché ora Azor Ahai aveva capito ciò che andava fatto.

«Per cento giorni e cento notti lui rimase curvo sulla terza lama, e quando i fuochi sacri l’ebbero portata al calor bianco, Azor Ahai chiamò sua moglie. “Nissa Nissa” le ordinò, perché quello era il suo nome. “Scopriti il seno, e sappi che ti amo più di qualsiasi altra creatura a questo mondo.” E lei obbedì. Perché lo fece non saprei dire, e Azor Ahai affondò la spada incandescente nel suo cuore pulsante. Si racconta che il grido di Nissa Nissa, un grido di angoscia e di estasi a un tempo, fu talmente terribile da aprire una crepa sulla faccia della luna. Ma il sangue di Nissa Nissa, e la sua anima e la sua forza e il suo coraggio, tutto questo penetrò nell’acciaio. Tale è la storia di come venne forgiata la Portatrice di luce, la Spada rossa degli eroi.

«E ora, mio cavaliere, comprendi ciò che intendo? Sii grato due volte che è solo una spada bruciata quella che sua maestà ha estratto dalle fiamme. Troppa luce fa male agli occhi, amico mio, e il fuoco brucia.»

George R.R. Martin, Il regno dei lupi, pagine 159-160.

.

«Il vecchio maestro guardava Stannis, ma tutto quello che vedeva era un uomo. Tu vedi un re. Entrambi vi sbagliate. Lui è il prescelto del Signore della Luce, lui è il guerriero del fuoco. Io l’ho visto guidare la lotta contro l’oscurità, l’ho visto nelle fiamme. E le fiamme non mentono, diversamente tu non ti troveresti qui dentro.

«Quando la stella rossa sanguinerà e le tenebre si faranno più fitte, Azor Ahai nascerà di nuovo dal fumo e dal sale, per risvegliare i draghi dalla pietra. La stella che sanguina è arrivata ed è andata, e la Roccia del Drago è il luogo del fumo e del sale. Stannis Baratheon è Azor Ahai nato di nuovo!»

George R.R. Martin, Tempesta di spade, pagina 388.

.

Nella mente di Davos era tornata la storia che gli aveva raccontato Salladhor Saan, di come Azor Ahai aveva temperato la lama di Portatrice di luce affondandola nel cuore di Nissa Nissa, la moglie che amava. “Ha ucciso la moglie per combattere le tenebre. Se, come sostiene Melisandre, Stannis è Azor Ahai risorto, che questo possa significare che Edric Storm dovrà giocare il ruolo di Nissa Nissa?”

George R.R. Martin, I fiumi della guerra, pagina 386.

 .

«Tu sei l’eroe che dovrà affrontare il dio Estraneo. Tu sei l’uomo la cui venuta venne profetizzata cinquemila anni fa. La cometa rossa era il tuo araldo. Tu sei il principe che venne promesso al mondo, e se tu dovessi fallire, il mondo fallirebbe con te.» Melisandre era a faccia a faccia con Stannis, le labbra dischiuse, il rubino rosso alla gola che mandava lampi. «Dammi il ragazzo» sussurrò «e io ti darò il regno.»

«Non può darti il ragazzo, Melisandre» intervenne Davos. «Edric Storm è partito.»

«Partito?» Stannis si girò. «Che cosa stai dicendo?»

(…)

«Il ragazzo si trova dove io non posso più raggiungerlo» disse Davos. «E nemmeno tu, mia lady.»

«Avrei dovuto abbandonarti nelle tenebre di quella segreta, ser.» Gli occhi rossi di Melisandre gli fecero entrare il gelo nelle ossa. «Ti rendi conto di quello che hai fatto?»

«Il mio dovere.»

«C’è chi lo chiamerebbe tradimento.»

(…)

«Maestà, tu mi hai fatto giurare di darti onesto consiglio e rapida obbedienza, di difendere il reame contro i tuoi avversari, di proteggere la tua gente. Forse che Edric Storm non fa parte della tua gente? Non è forse uno di coloro che ho giurato di proteggere? Io ho solo mantenuto la mia promessa. Per quale motivo questo sarebbe tradimento?»

Stannis digrignò nuovamente i denti. «Io non ho mai chiesto la corona dei Sette Regni. Sul capo, l’oro è freddo e pesante. Ma fino a quando io sono il re, ho anch’io un dovere da compiere… E se dovrò sacrificare un ragazzo alle fiamme pur di salvarne un milione dalle tenebre… Il sacrificio… non è mai una cosa facile, Davos. Altrimenti, non sarebbe un vero sacrificio. Diglielo, mia signora.»

«Azor Ahai temprò la lama di Portatrice di luce nel sangue sgorgato dal cuore della sua amata moglie Nissa» dichiarò Melisandre. «Se un uomo che possiede mille vacche ne dona una a dio, questo non ha nessun significato. Ma l’uomo che dona a dio l’unica vacca che possiede…»

«La Donna Rossa parla di vacche» disse Davos al re. «Io parlo di un ragazzo, amico di tua figlia, figlio di tuo fratello.»

«Figlio di un re, con il potere del regno nelle vene.» Il rubino alla gola di Melisandre era una rossa stella brillante. «Credi davvero di aver salvato questo ragazzo, Cavaliere delle Cipolle? Quando la lunga notte cadrà, Edric Storm morirà assieme a tutti gli altri, dovunque sarà andato a nascondersi. E anche i tuoi figli moriranno. Le tenebre e il gelo ricopriranno tutta la terra. Tu ti stai immischiando in cose che non comprendi.»

«C’è molto che non comprendo, è vero» ammise Davos. «Ma non ho mai preteso il contrario. Conosco i mari e i fiumi, la forma delle coste, la posizione degli scogli e delle secche. Conosco insenature nascoste in cui uno scafo può approdare senza essere visto. E conosco anche un’altra cosa: un re che non protegge la sua gente non fa il suo dovere di re.»

George R.R. Martin, Il portale delle tenebre, pagine 125-127

.

Ci sono altre menzioni di Azor Ahai ne Il portale delle tenebre, alle pagine 330 e 349, ma sono meno significative, se non come promemoria del fatto che Azor Ahai è necessario nella battaglia contro gli Estranei e che Melisandre è convinta che il guerriero del fuoco sia Stannis. Stesso discorso per la citazione a pagina 185 di I guerrieri del ghiaccio, mentre a pagina 198 torna il racconto relativo a Nissa Nissa. In Essos qualcuno pensa che Azor Ahai sia Daenerys (pagina 369) anche perché le profezie non sono particolarmente chiare sul sesso del salvatore, ma non è la prima volta che un medesimo segno è interpretato in modi diversi. Andando avanti nel capitolo di Melisandre la Donna Rossa è impegnata nel cercare risposte dalle sue visioni.

.

Molti sacerdoti e sacerdotesse prima di lei erano stati rovinati da false visioni, perché vedevano ciò che desideravano vedere anziché ciò che il Signore della Luce aveva inviato. Stannis stava marciando a sud, verso il pericolo, il re che portava sulle spalle il destino del mondo, Azor Ahai che ritorna. Di sicuro R’hllor le avrebbe concesso una visione fugace di ciò a cui il re stava andando incontro. “Mostrami Stannis, Signore” pregò Melisandre. “Mostrami il tuo re, il tuo strumento.”

George R.R. Martin, I fuochi di Valyria, pag. 119.

 .

I fuochi però sono sfuggenti:

 .

Eppure, adesso le pareva di non riuscire a trovare il suo re. “Prego di avere un’apparizione di Azor Ahai, e R’hllor mi mostra solo Snow.”

George R.R. Martin, I fuochi di Valyria, pag. 121.

«Lo sapresti, se il re fosse morto?» chiese Jon alla sacerdotessa rossa.

«Non è morto. Stannis è il prescelto del Signore, destinato a guidare la lotta contro le tenebre. L’ho visto nelle fiamme, ho letto di lui nell’antica profezia. Quando la rossa stella sanguinerà e le tenebre s’addenseranno, Azor Ahai rinascerà tra il fumo e il sale per risvegliare i draghi dalla pietra. La Roccia del Drago è un luogo di fumo e di sale.»

Jon aveva già ascoltato quella profezia. «Stannis Baratheon era il lord di Roccia del Drago, ma non è nato lì. È nato a Capo Tempesta, come i suoi fratelli.» Corrugò la fronte. «E che cosa mi dici di Mance? Che cosa mostrano i tuoi fuochi?»

«Lo stesso, purtroppo. Solo neve.»

George R.R. Martin, La danza dei draghi, pagine 35-36.

.

Questa, almeno al momento, è l’ultima menzione di Azor Ahai (a meno che non mi sono persa qualcosa, ipotesi da non escludere mai totalmente). Melisandre, che sbaglia e che prende Alys Karstark per Arya Stark, è convinta che Azor Ahai sia Stannis, anche se al momento tutto quello che Stannis ha non è una spada che brucia ma una spada bruciata. Certo, ha sbagliato, ma la Donna Rossa ha anche potere. Dov’è la verità? Quante volte è stata posta questa domanda? E quante volte siamo in grado di rispondere? Per Melisandre Stannis è Azor Ahai, ma Azor Ahai pur essendo per ora solo un personaggio leggendario non è privo di quelle ombre che hanno tutti i personaggi di Martin. Dovrei cercare le frasi relative alla luce e all’ombra, ma mica posso citare qui le intere Cronache del ghiaccio e del fuoco, altrimenti Mondadori si arrabbia per violazione dei diritti d’autore e ha pure ragione. E poi serve tempo per cercare ogni singolo episodio che mi viene in mente. Mi limito solo a ricordare che non può esistere l’ombra senza la luce, e che tutte le luci proiettano un’ombra. Per David Benioff

“It’s obviously the hardest choice he’s had in his life, and what it comes down to is just ambition versus familial love. And for Stannis, sadly, that choice is ambition. When George first told us about this, it was one of those moments where I remember looking at Dan and was just like, “God that’s so horrible and so good in the story sense because it all comes together.” From the beginning, from the very first time we saw Stannis and Melisandre, they were sacrificing people, they were burning people alive on the beaches of Dragonstone.” (da 1’25”).

https://www.youtube.com/watch?t=11&v=NfLScJVXBHQ

Il problema, per me, è che ancora una volta Benioff e Weiss hanno sbagliato mira. Benioff parla di ambizione, e questa sarebbe una colpa gravissima. Ma se le cose stessero in un altro modo?

.

È vero, avrei dovuto venire prima. E se non fosse stato per il mio Primo Cavaliere, forse non sarei venuto affatto. Un uomo di umili natali, lord Davos Seaworth, ma quando tutto quello cui riuscivo a pensare era il mio retaggio, lui mi ha ricordato qual è il mio dovere. Stavo cercando di conquistare il trono per salvare il regno, mentre avrei dovuto cercare di salvare il regno per conquistare il trono. Là…» Stannis indicò verso nord. «È là che troverò il nemico che sono nato per combattere.»

«Il nome di questo nemico non può essere pronunciato» intervenne Melisandre a bassa voce. «È il Dio della Notte e del Terrore, Jon Snow. E quelle forme che vagano nella neve sono le sue creature.»

George R.R. Martin, Il portale delle tenebre, pagine 327-328.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in George R.R. Martin e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

8 risposte a Azor Ahai

  1. daniele ha detto:

    Solo per giocare a indovinare: Jon Snow nel ruolo di Azor Ahai e Arya Stark in quello di Nissa Nissa.
    Un tema forse interessante è quello dell’amore di Martin per le simmetrie e l’eleganza strutturale che si celano al di sotto del mare di dettagli, per poche idee semplici che percorrono tutta l’opera come fiumi sotterranei fino a emergere travolgenti nello sbocco finale.
    Non sono in grado di dimostrarlo, ma ne sospetto la presenza. E Martin potrebbe anche rivelarsi molto più sentimentale di quello che sembra.
    Una simmetria e un “fiume sotterraneo” potrebbe essere l’amore invincibile che scorre tra Rhaegar e Lyanna e continua tra Jon e Arya e alla fine potrebbe sfociare nella distruzione degli Estranei.
    Ma chi lo sa…

    • Prima propendevo più per una cantonata della Donna Rossa e pensavo che Jon potesse essere Azor Ahai, ma è anche vero che non davo molto peso alla vicenda di Nissa Nissa pur sapendo che dettagli come questo non vanno trascurati. Ora ho cambiato idea, ma un conto è uccidere qualcuno che si ama per ambizione, e un conto è farlo perché lo si reputa l’unico modo per salvare il mondo.
      In Martin ci sono un’infinità di dettagli, strutture, informazioni, elementi, nascosti, e il divertimento nella rilettura è legato anche al piacere di scoprire tutte queste cose.
      Io comunque Arya come Nissa Nissa non ce la vedo proprio.

  2. PPP ha detto:

    Nel caso in cui Lightbringer non fosse da riforgiare, e quindi fosse ancora in circolazione, penso che scommetterei su ‘Dawn’, la spada di casa Dayne.

    • Il primo pensiero al tuo commento è stato “sì, ci sta. Sono molte le cose che ignoriamo su Alba ma quel poco che conosciamo è sufficiente a incuriosire”. Il secondo è stato “siamo proprio malati se andiamo a perderci dietro pure alle spade, e per di più spade che si sono viste così poco…”
      Va bene, siamo malati e spero che prima o poi Alba venga fuori da qualche parte.

  3. Tevez03 ha detto:

    Secondo me Jon Snow è Azor Ahai “Quando la rossa stella sanguinerà e le tenebre s’addenseranno, Azor Ahai rinascerà tra il fumo e il sale per risvegliare i draghi dalla pietra.” si potrebbe evincere che prima di risorgere deve morire, quindi può essere lui. E sinceramente, anche se non c’entra nulla, nell’episodio 8 della quinta serie lo scambio di sguardi con il capo degli Estranei sembra molto profetico, però è la serie ed è difficile dividere tra spoiler o invenzione degli autori. Comunque rimangono troppi dubbi, per me tutte le frasi di Macchia sono riconducibili a profezie sugli estranei/azor ahai. Cosa sono questi draghi di pietra?! che intende per fumo e sale? è Alba la spada?! mancano troppe informazioni.
    p.s: Jon Snow brucia il corpo di Ygritte?! non ricordo…

    • Forse Martin non lo dice nemmeno se Jon brucia il corpo di Ygritte, l’ultimo capitolo in cui la vediamo finisce con lui che la tiene fra le braccia e lei che gli dice che lui non sa niente e poi muore. La scena è perfetta così, sbarazzarsi dei cadaveri è lavoro necessario ma noioso da fare, da raccontare e da leggere, a meno che non capiti qualche imprevisto. Jon mi sembra il tipo da aver voluto bruciare tutti, anche perché ormai conoscono il pericolo dato dai morti che tornano in vita, ma onestamente non ricordo se Martin dice qualcosa a riguardo.
      Al di là del fatto che non ho visto la quinta stagione e quindi non posso interpretare quello sguardo ho comunque deciso di considerare davvero poco ciò che fanno Benioff e Weiss. Nulla da ridire su immagini, effetti speciali, scenografie, attori e quant’altro, ma la caratterizzazione dei personaggi è tutta sbagliata. Fanno un mucchio di cose che non hanno senso, e anche quando fanno le cose giuste spesso le fanno per i motivi sbagliati. Probabilmente Stannis darà davvero fuoco alla figlia, ma in ballo ci sarà la guerra contro gli Estranei, non un semplice nemico umano come il bastardo di Bolton.
      Non so se tutte le frasi di Macchia siano profetiche, alcune certamente sì, ma le profezie hanno la brutta abitudine di essere chiarissime quando sono viste con senno di poi. Vedremo. Io su molte cose sono abbastanza filosofica: aspetto di scoprire cosa mi racconterà Martin.
      Jon è Azor Ahai? Forse, io una risposta non ce l’ho. Melisandre è convinta che sia Stannis, se non altro il suo punto di vista ci ha fatto capire che nel suo fanatismo è sincera e non è un’imbrogliona. Ha ragione? Chi lo sa? Anche lei prende cantonate. Jon? Sono convinta che abbia ancora cose importanti da fare, il che non garantisce ma non esclude neppure il fatto che sia Azor Ahai. Però se prendiamo per vera – e necessaria alla rinascita del personaggio – la storia di Nissa Nissa preferirei che Azor Ahai fosse Stannis e non Jon.

  4. PPP ha detto:

    Premetto di avere una particolare predilezione per casa Dayne, Gerold compreso: sospetto che la Dark Star nasconda parecchio dietro quegli occhietti scuri, viola scuro.
    Ma è solo un sentore, una cosa da sesto senso e mezzo di Dylan Dog!
    Più oggettivamente, per Alba, confido nella “pistola di Cechov”, a differenza di quelli della HBO (scena di Ditocorto e Sansa nelle cripte di Winterfell di questa stagione TV, anche se so che non la segui) se lo Zio mette in scena una roba del genere è perché, al momento opportuno, conta di servirsene…letterariamente poi siamo la conseguenza delle sue azioni, è lui che ci ha costretto al ruolo dei detective: se troviamo Lightbringer, facile che AA sia nei dintorni!
    D’altronde una delle poche cose che sappiamo, dopo che Maestro Aemon ce l’ha certificata, è che quella di Stannis non sia la spada che cerchiamo.
    🙂

    • Io adoro le pistole di Cechov, e Martin è bravissimo a piazzarne una valanga in scena, anche nei posti più impensati. Probabilmente la spada sarà importante, ma potrebbe anche essere solo un elemento della costruzione di un mondo realistico e coerente. Quella di Stannis al momento è solo una spada bruciata, su questo non ci piove, ma se Shireen ricoprisse il ruolo di Nissa Nissa la spada di Stannis potrebbe in qualche modo trasformarsi, o Stannis potrebbe procurarsi in qualche modo una spada nuova. Secondo me ancora ne sappiamo troppo poco per sapere davvero cosa combinerà Martin, e a questo punto le mie ipotesi valgono quanto le tue e quelle di chiunque ci stia leggendo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...