Date di pubblicazione

Qualche giorno fa sulla pagina Facebook di Oscar Vault è stato pubblicato quest’annuncio:

L’avevamo annunciato nei fuochi d’artificio di fine anno.
L’avevamo ribadito nel calendario delle uscite di febbraio.
Non ci abbiamo capito granché neanche noi fino a pochi minuti fa.
Ma adesso abbiamo avuto la conferma che il testo che è andato in stampa per errore non è una versione definitiva: ci sono alcune cose che avremmo fatto diversamente, e poiché questo è un libro per noi davvero importante, non vogliamo che sia neppure marginalmente meno che perfetto.
Abbiamo quindi chiesto alle librerie, dapprima cautelativamente ma da adesso definitivamente, di sospenderne la vendita. La tiratura sarà macerata.
Nel frattempo sostituiamo il testo e prepariamo la nuova versione.
Per coloro che avessero nonostante tutto trovato e acquistato in queste ore il libro: ci scusiamo molto per l’intoppo; per favore, mandateci via email una foto del libro con il vostro indirizzo e un numero di cellulare per il corriere. Vi manderemo a casa noi una copia della nuova versione appena sarà stampata. Davvero, scusateci. Facciamo tanti libri e anche degli errori, però ci teniamo a fare il meglio, o almeno il meglio che riusciamo, e soprattutto ci teniamo a rimediare mandandovi il libro in sostituzione.
Ci vorranno più o meno un paio di mesi perché il nuovo libro arrivi nelle librerie: vi terremo aggiornatз e approfitteremo di questo tempo per raccontarvelo un po’, per raccontarvi perché per noi è così importante.
Eh ma come lo distinguiamo il libro giusto da quello sbagliato?
* il codice della edizione da sostituire è 9788804734260;
* il codice della futura edizione modificata sarà 9788804742531.
Scusate l’incomodo e grazie, ragazzз: aspettiamo le foto per preparare le eventuali sostituzioni.

Non è la prima volta che vedo ritirare un libro già pubblicato, è la prima volta che leggo un annuncio di questo tipo. Un libro di cui era stata annunciata la data di pubblicazione, che era effettivamente arrivato nelle librerie, è stato ritirato.

Cos’è successo? L’editore non entra nei dettagli, e tutto sommato non deve neppure farlo, è una questione interna fra la casa editrice e le persone coinvolte. Può esserci stato un problema tecnico nella stampa. Non so quante volte un cliente è tornato in negozio con un libro a cui mancavano un paio di pagine, o anche un intero fascicolo, o in cui qualche pagina era capovolta, o bianca, o parzialmente bianca (se la pagina si piega prima della stampa, ne viene stampata solo una parte)… i problemi possono essere un’infinità. O possono riguardare la rilegatura, con copertina o pagine che si scollano, o può essere l’inchiostro che sbiadisce. A volte il problema è su una copia sola, che viene prontamente sostituita (se è chiaramente un difetto di stampa anche senza scontrino, purché sia un’edizione fisicamente presente nella libreria), a volte è su un’intera tiratura. Ricordo un caso su un volume delle Vite Parallele di Plutarco: tutte le nostre copie erano prive di una determinata pagina, e quando abbiamo telefonato agli altri negozi del gruppo per sapere se le loro copie erano integre, abbiamo scoperto che anche quelle copie avevano lo stesso problema.

Possono esserci problemi di refusi, con l’invio del file non della versione corretta alla stamperia, ma di un file non revisionato. Può essere lo stesso scrittore a crear problemi, inviando correzioni all’editore all’ultimo istante, come so che ha fatto almeno in un’occasione in passato Cassandra Clare. Se la stamperia riceve il file sbagliato, il libro che va in stampa non è esattamente nella sua versione migliore. Possono esserci errori di altro genere, l’autore che si accorge di aver scritto una cavolata e richiama il libro per correggere il suo testo.

Di fatto di libri ritirati ne ho visti parecchi. Nessuno ne è felice, per tutti si tratta di lavoro in più e, per qualcuno, di una perdita economica. Se il libro è già stato stampato e distribuito, o la stamperia o l’editore, a seconda di chi ha fatto l’errore, ci rimettono i soldi, e i corrieri vanno comunque pagati. Per il cliente che era curioso di leggere quel libro l’attesa diventa più lunga, e magari la curiosità svanisce, orientata su altri libri. Trovare altri libri interessanti va bene, io ho una coda di lettura talmente lunga che so che non ne verrò mai fuori, ma il libro in ritardo merita comunque considerazione. Il ritardo è legato al fatto che sì, c’è stato un errore, ma qualcuno a quel libro ci tiene e vuole che arrivi in libreria nelle migliori condizioni possibili.

Pubblicato in editoria | Lascia un commento

Novità di febbraio 2021 – quarta parte

Lauren Beukes, Un mondo di donne, Fanucci, 16,00 €

La sinossi:

La maggior parte degli uomini è morta. Tre anni dopo la pandemia nota come Manfall, i governi resistono ancora e la vita continua, ma un mondo gestito da donne non è sempre un posto migliore. Il dodicenne Miles è uno degli ultimi ragazzi in vita e sua madre, Cole, lo proteggerà a tutti i costi. In fuga dopo un orribile atto di violenza – e perseguitata dalla sua stessa sorella spietata, Billie – tutto ciò che Cole vuole è crescere suo figlio da qualche parte in cui non sarà una semplice risorsa riproduttiva o un oggetto sessuale. Un posto chiamato casa. Per arrivarci, Cole e Miles dovranno attraversare un’America profondamente diversa, travestiti da madre e figlia. Da una base militare a un bunker di lusso, da una comune anarchica a Salt Lake City ai seguaci di un culto pronto a riconoscere Miles come risposta alle loro preghiere, i due saranno costretti a muoversi velocemente perché Billie e il suo sinistro equipaggio saranno sempre più vicini. Un romanzo fortemente femminista, “Un mondo di donne” fonde suspense psicologica, noir e fantascienza.

.

Guido Catalano, Fiabe per adulti consenzienti, Rizzoli, 16,00 €

La sinossi:

C’erano una volta un principe azzurro che si spezzò il collo, un re che organizzò una sontuosa festa a cui non venne nessuno, una famiglia poverissima che un giorno, per vincere la fame, meditò di mangiarsi il cane. E poi un uomo che tentò di suicidarsi con riso patate e cozze, un cecchino che non voleva sparare, un gelato e un ascensore travolti da un tragico amore impossibile. Spesso la vita non somiglia alle favole: è una cosa che tutti, crescendo, dobbiamo imparare. Un drago può spuntare dal nulla e, quando meno te l’aspetti, mandare il tuo universo a gambe all’aria. Ma non è il caso di abbattersi, perché proprio nei momenti più disperati, quando ci sembra che gli orchi e i draghi abbiano vinto e non ci sia più nulla da fare, in realtà una cosa da fare c’è sempre: possiamo riderci sopra, possibilmente insieme. Con queste Fiabe per adulti consenzienti, Guido Catalano regala ai lettori un piccolo rimedio per esorcizzare la tristezza e la paura, perché non c’è disastro da cui non ci si possa salvare grazie a una bella risata. E perché vivere felici e contenti in fondo è possibile: magari non per sempre, ma almeno per un po’.

.

Sarah J. Maas, La corte di fiamme e argento. Una corte di rose e spine. Vol. 4, Mondadori, 22,00 €

La sinossi:

Nesta Archeron non è quel che si dice un tipo facile: fiera del suo carattere spigoloso, è particolarmente facile alla rabbia e poco incline al perdono. E da quando è stata costretta a entrare nel Calderone ed è diventata una Fae contro la sua volontà, ha cercato in ogni modo di allontanarsi dalla sorella e dalla corte della Notte per trovare un posto per sé all’interno dello strano mondo in cui è costretta a vivere. Quel che è peggio è che non sembra essere ancora riuscita a superare l’orrore della guerra con Hybern. Di certo non ha dimenticato tutto ciò che ha perso per colpa sua. A rendere ancora più irritante la sua situazione, poi, ci pensa Cassian, apparentemente dotato di una naturale predisposizione a farle perdere il controllo. Ogni occasione è buona per stuzzicarla e provocarla, rendendo però allo stesso tempo evidente la natura del focoso legame che, loro malgrado, li unisce. Nel frattempo, le quattro infide regine, che durante l’ultima guerra si erano rifugiate sul Continente, hanno siglato una nuova e pericolosa alleanza, una grave minaccia alla pace stabilita tra i regni. E la chiave per arrestare le loro mire potrebbe risiedere nella capacità di Cassian e Nesta di affrontare una volta per tutte il loro passato. Sullo sfondo di un mondo marchiato dalla guerra e afflitto dall’incertezza, i due Fae tenteranno di venire a patti con i loro personali mostri, con la certezza di trovare, l’uno nell’altra, quel qualcuno che li accetta così come sono e che li può aiutare a lenire tutte le ferite.

.

Rory Power, Wilder girls, Mondadori, 17,90 €

La sinossi:

Da quando il loro collegio è stato messo in quarantena, Hetty, Byatt e Reese, e le loro compagne di scuola, sono barricate nell’istituto, su un’isola al largo della costa americana. Un’epidemia sconosciuta, infatti, ha incominciato a diffondersi. Tutto è incominciato piano piano. Prima sono morte le insegnanti, una dopo l’altra. Poi sono state infettate le studentesse, che hanno visto trasformare i loro corpi in qualcosa di strano e alieno. Da allora è passato un anno e mezzo e le ragazze, tagliate fuori dal resto del mondo e costrette a badare a loro stesse, non osano spingersi oltre le cancellate del collegio, dato che l’epidemia si è propagata nella foresta circostante rendendola un luogo pericoloso e inospitale. Quel che sanno è che devono cercare di restare vive il più a lungo possibile, in attesa della cura che è stata loro promessa. Ma quando Byatt sparisce, Hetty decide di tentare il tutto per tutto pur di trovarla, anche se questo significa violare la quarantena e andare incontro agli orrori che potrebbero esserci oltre il cancello. Dopotutto la ragazza non ha altra scelta: Byatt è la sua più cara amica e gli amici si proteggono sempre l’un l’altro. Ma quando mette in atto il suo piano, Hetty scopre che dietro a ciò che sta sconvolgendo le loro vite c’è molto di più, più di quello che avrebbe mai potuto immaginare.

.

Licia Troisi, Il destino di Adhara. Leggende del Mondo Emerso. Vol. 1, Mondadori, 14,00 €

Nuova edizione. La sinossi:

Una ragazza si risveglia in un prato. Non ricorda come sia arrivata in quel luogo, non ricorda il proprio nome, ma sul corpo porta le tracce di un passato che la richiama con forza a sé e che le manifesta i segni di un immenso, inquietante potere. Sarà l’incontro con Amhal, giovane apprendista Cavaliere di Drago, ad aiutarla nel lungo viaggio alla scoperta della propria identità e a darle un nome: Adhara.

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Sui prequel

Quanti prequel abbiamo letto? Io so di aver iniziato con Il primo re di Shannara di Terry Brooks, prequel alla Trilogia di Shannara, e in seguito ne ho letti un’infinità. Recentemente ho visto diversi articoli dedicati al prossimo adattamento televisivo dei racconti di George R.R. Martin incentrati su Dunk ed Egg. Racconti bellissimi secondo me, e prequel alle Cronache del ghiaccio e del fuoco. In entrambi i casi, con Brooks e con Martin, si tratta di prologhi lontani nel tempo, i cui personaggi non compaiono, se non come persone già morte prima dell’inizio della storia, nella saga principale. In questo caso la difficoltà principale per lo scrittore è narrare una storia che valga la pena di essere narrata senza contraddire il mondo che ha già presentato (il mondo, non la percezione del mondo. Le persone possono anche credere che le cose si siano svolte in modo diverso rispetto a come si sono effettivamente svolte perché nel tempo la verità si è persa, ma la struttura del mondo deve rimanere coerente con quanto narrato in precedenza) e mantenendo il lettore inchiodato alla storia, anche se entro certi limiti sa già cosa avverrà. Molti prequel invece narrano del passato di personaggi già presenti nella saga principale, prequel come Nuova primavera di Robert Jordan o Debito di ossa di Terry Goodkind. Qui il problema riguarda anche lo sviluppo del personaggio, quello che era prima rispetto a come lo abbiamo conosciuto.

Nel caso delle Cronache di Narnia di C.S. Lewis io non ho letto il prequel conoscendo già la vicenda. Io ho letto le storie nell’ordine in cui sono pubblicate nel volume che le riunisce tutte, il che significa che prima ho letto Il nipote del mago, e poi Il leone, la strega e l’armadio, anche se l’ordine di scrittura di Lewis è stato inverso. Per inciso, io non amo Le cronache di Narnia, ma questi sono stati i due libri che ho apprezzato di più, e ho trovato interessante il modo in cui elementi dell’uno sono confluiti nell’altro. Ho letto prima Il nipote del mago, ma sapevo perfettamente che il primo a essere stato scritto era Il leone, la strega e l’armadio, e visto che a livello emotivo il mio coinvolgimento era relativo sono stata capace di osservare con maggiore curiosità il passaggio di determinati dettagli da una storia all’altra.

Ora ho trovato un interessante articolo sui prequel, e sul perché Il nipote del mago è un ottimo prequel. Se conoscete l’inglese, vale la pena leggerlo: Is There Such a Thing as a Necessary Prequel? | Tor.com.

Pubblicato in fantasy | Contrassegnato | Lascia un commento

Novità di febbraio 2021 – terza parte

Soman Chainani, Un solo vero re. L’accademia del bene e del male. Vol. 6, Mondadori, 18,00 €

La sinossi:

La prima prova venne superata, Excalibur fu estratta dalla roccia e venne designato il nuovo re. Ora ben due pretendenti hanno la corona. La spada ritorna nella roccia poiché soltanto uno è il vero re. Quale? Il futuro che vedo ha molte vie… Dunque, per mio volere, nessuno avrà la corona fino al completamento del torneo. Il Torneo dei Re. Tre prove. Tre risposte da scoprire. Una corsa al traguardo. Ultima prova per la corona. Excalibur la consegnerà al vincitore e reclamerà la testa del vinto. La prima prova si avvicina. Preparatevi… Re Artù. Oltre il Bene e il Male. Oltre i Mai e i Sempre. La storia di Agatha e Sophie sta per concludersi. Sarà la Fine delle Fini?

.

Philip K. Dick, In senso inverso, Fanucci, 16,00 €

Nuova edizione. La sinossi:

Nella California del 1998 il tempo scorre in senso inverso. A causa di un bizzarro fenomeno scientifico chiamato “Fase Hobart”, i morti risorgono dalle tombe, diventano adulti, giovani, adolescenti, infanti, per poi tornare nel grembo da cui provengono. Le sigarette si fumano a partire dalle cicche, si saluta il prossimo con un “addio” e ci si congeda con un “ciao”, a tavola si dà di stomaco invece di mangiare. Alcune ditte specializzate, i “vitarium”, si occupano di prelevare dai cimiteri i defunti che ritornano al mondo. Tra questi, è giunto il momento di un potente leader nero, fondatore di un culto popolarissimo, e la più temuta organizzazione del mondo, la Biblioteca, che ha il compito di cancellare le testimonianze scritte degli eventi che non sono più accaduti, si accinge a eliminarlo prima che una nuova ondata di violenze razziali dilani il paese. Pubblicato nel 1967, “In senso inverso” tratteggia alcuni dei temi tipici di Dick: dall’ambiguità del potere alla dimensione mistica e metafisica del vivere quotidiano, contaminando il tutto con una forte dose di ironia e di gusto pulp. Introduzione di Carlo Pagetti. Postfazione di Emanuele Ronchetti.

.

Philip K. Dick, Labirinto di morte, Fanucci, 16,00 €

Nuova edizione. La sinossi:

Quattordici persone, nevrotiche e alienate nel loro rapporto con il lavoro e con il mondo esterno, decidono di lasciare una Terra disumana e oppressiva e di partire per il pianeta Delmak-0. Per Ben Tallchief, dopo una vita fallimentare, sembra aprirsi un futuro di euforica comunione con gli altri; e così è anche per Seth Morley, insoddisfatto del suo lavoro. Ma all’improvviso il satellite delle comunicazioni viene distrutto e i quattordici umani si ritrovano da soli sul pianeta, in un crescendo di misteri, terrore e morte. La realtà oggettiva vacilla, e l’intero paesaggio sembra solo un inganno dei sensi, un fondale di cartapesta dove gli uomini si agitano come marionette mosse a caso da una divinità folle e imperscrutabile. Scritto nel 1968, “Labirinto di morte” affronta uno dei temi più cari a Philip K. Dick: cosa è reale e cosa non lo è. Postfazione di Umberto Rossi.

.

Philip K. Dick, Noi marziani, Fanucci, 16,00 €

Nuova edizione. La sinossi.

Negli anni Novanta, i grandiosi progetti di colonizzazione interplanetaria sono stati dimenticati e Marte è ancora pressoché disabitato. Il lungo periodo di disinteresse ha favorito lo sviluppo di ogni sorta di traffici, dal contrabbando alla speculazione sulle aree che costeggiano la preistorica rete di canali, e la vita sul pianeta rosso è dura, come sempre è stata sulla Terra. L’avido Arnie Kott, il Membro Supremo del potente Sindacato degli Idraulici, è uno spietato affarista, determinato a sfruttare a proprio vantaggio ogni risorsa che il pianeta può ancora offrire. E chi potrebbe fermare il suo disegno? Forse le antichissime tradizioni dei Bleekmen, gli aborigeni marziani superstiti, o una realtà molto più sottile e sconvolgente: l’abisso spalancato negli occhi di Manfred, il ragazzo autistico che scivola avanti e indietro nel tempo, nei regni dell’entropia e della morte. Scritto nel 1962 e pubblicato nel 1964, “Noi marziani” racconta il cinico sfruttamento di una colonia, di una terra, di una cultura, trasformando in incubo il sogno americano della conquista degli spazi. Introduzione di Carlo Pagetti. Postfazione di Nicoletta Vallorani.

.

Cory Doctorow, Radicalized. Quattro storie del futuro, Mondadori, 15,00 €

La sinossi:

Cory Doctorow è uno dei grandi narratori del nostro prossimo futuro. Spietati e pieni di compassione, i quattro racconti che compongono Radicalized gettano uno sguardo implacabile sulle contraddizioni laceranti di quella stessa umanità che, nonostante tutto, potrebbe ancora salvarci. Per esempio. Insegnare ai figli dei vicini come hackerare i loro elettrodomestici andati in blocco dopo il fallimento della casa produttrice può farti rischiare decine di anni di carcere. Oppure. L’American Eagle, il supereroe campione di verità e giustizia, si è accorto che la polizia ha l’abitudine di commettere abusi su persone innocenti, nascondere le prove e mentire al riguardo. E ancora. L’assicurazione sanitaria della moglie di Joe si rifiuta di pagarle nuove terapie. Joe comincia a passare sempre più tempo su un forum online e poco dopo iniziano gli attentati. Infine. Una fortezza nel deserto, attrezzata con cibo, armi e antibiotici. Trenta eletti che sopravvivranno al grande crollo e ne usciranno pronti a ricostruire. Perché loro sono quelli intelligenti. E niente può andare storto.

.

Karen Wynn Fonstad, L’atlante della Terra di Mezzo di Tolkien, Bompiani, 25,00 €

Nuova edizione. La sinossi:

L’Atlante della Terra di Mezzo di Tolkien è il compendio essenziale per non perdersi nelle terre misteriose descritte da J.R.R Tolkien in tutte le sue opere e in particolare ne Il SimarillionLo Hobbit e Il Signore degli anelli. Dalla Contea a Isengard, da Moria ai luoghi delle battaglie del Beleriand, questo libro conduce il lettore in un’esperienza unica di immersione nell’immaginario tolkieniano. Solo una appassionata ammiratrice del genio di Tolkien quale Karen Wynn Fonstad poteva pensare di applicare la rigorosa competenza di cartografa per fissare su carta – in centinaia di diagrammi e cartine a due colori – i viaggi di Bilbo Baggins e della Compagnia dell’anello ma più in generale ogni angolo della Terra di Mezzo senza trascurare nessuna battaglia, nessuna foresta, nessuna regione estrema, ma descrivendo anzi climi e popoli come fossero realmente esistenti nel nostro pianeta. Un omaggio all’inventiva dell’autore ma anche una bussola preziosa per i lettori che potranno passare dalle mappe ai romanzi e ancora dai romanzi a questo Atlante continuando a sognare e scoprire più di quanto non conoscano già.

.

John Garth, I mondi di Tolkien. I luoghi che hanno ispirato la Terra di Mezzo, Mondadori, 30,00 €

La sinossi:

Questo libro, scritto da uno dei massimi studiosi tolkieniani, è un vero e proprio tour de force visivo alla scoperta dei luoghi che hanno ispirato l’autore del Signore degli Anelli nella creazione dell’universo narrativo della Terra di Mezzo. Le centinaia di illustrazioni contenute comprendono disegni dello stesso Tolkien, contributi di altri artisti, immagini d’archivio e spettacolari fotografie di paesaggi realizzate al giorno d’oggi. La ricognizione degli ambienti che hanno influenzato l’ispirazione tolkieniana spazia in tutte le direzioni attraverso la Gran Bretagna, soffermandosi soprattutto presso le Midlands Occidentali e presso Oxford, autentici archetipi dell’immaginario di Tolkien. Garth identifica gli “originali” dai quali hanno preso vita Hobbiton, l’elfica valle di Valforra, le Caverne Sfavillanti del Fosso di Helm, e ogni altro elemento che compone la Terra di Mezzo: montagne, foreste, umi, laghi e scogliere. Il volume rivela le interconnessioni tra i viaggi di Tolkien, le sue letture e la sua immensa cultura come professore oxoniense. Garth attinge alla profonda conoscenza della vita e dell’opera tolkieniane per gettare luce sul suo straordinario processo creativo, confutare alcuni frequenti luoghi comuni relativi alle fonti di ispirazione della Terra di Mezzo, e portare invece prove a sostegno delle proprie tesi.

.

Lois H. Gresh, Sherlock Holmes e l’orrore di Cthulhu. Vol. 2, Fanucci, 16,90 €

La sinossi:

La mostruosa nidiata di Amelia Scarcliffe, messaggera di Cthulhu, presto deporrà le uova. Le sue litanie incantano e portano alla follia, alla morte ma anche a una ricchezza illimitata. E Moriarty farà di tutto per mettere le mani su quell’oro, anche a costo di abbattere i muri tra questo mondo e il regno degli orrori. Nel frattempo, dopo l’ultimo scontro di Sherlock Holmes con l’Ordine di Dagon, mostri orribili infestano il Tamigi e la follia si aggira per le strade di Whitechapel. La guerra tra gang tra i teppisti di Moriarty e il potente culto può solo portare ancora più terrore, a meno che Holmes e il dottor Watson non riescano a impedirlo. Ma saranno in grado di trovare il motivo della psicosi neurale che sconvolge Londra prima che lo stesso Watson soccomba?

.

James Islington, L’ombra del tempo passato. Licanius Trilogy.Vol. 1, Fanucci, 25,00 €

La sinossi:

Sono passati vent’anni da quando gli Augurs, considerati alla stregua di divinità, sono stati spodestati e uccisi. Ora, chi una volta li serviva – i Talenti – sono stati risparmiati solo perché hanno accettato i Quattro Canoni della ribellione, limitando enormemente i propri poteri. Come giovane Talento, Davian soffre le conseguenze di una guerra persa prima che nascesse. Lui e i suoi amici sono disprezzati dai più al di fuori delle mura della scuola per i magici poteri che non possono più esercitare… poteri che Davian, anche con i migliori sforzi, non riesce a controllare. Peggio ancora, con l’avvicinarsi del test finale e delle gravose conseguenze nel caso dovesse fallire, il tempo per superare le sua paure si sta esaurendo rapidamente. Quando però scopre di essere in grado di gestire i poteri proibiti degli Augurs, mette in moto involontariamente una catena di eventi che cambieranno la sua vita e scuoteranno il mondo per sempre…

.

James Islington, L’eco del tempo futuro. Licanius Trilogy. Vol 2, Fanucci, 25,00 €

La sinossi:

Come le ombre si allungano, l’oscurità si risveglia… Dopo un attacco senza precedenti, è stata concessa un’amnistia a tutti gli Augurs, permettendo loro finalmente di emergere allo scoperto e di opporsi apertamente alle forze oscure che si stanno ammassando contro la terra di Andarra. Mentre Davian e i suoi nuovi alleati procedono in fretta verso il Confine sempre più indebolito, a nord, nuovi orrori che incontrano lungo la strada suggeriscono che l’amnistia possa essere giunta troppo tardi. Nel frattempo, Caeden continua a lottare con il peso inesorabile passato. E man mano che i ricordi si fanno sempre più nitidi, inizia a rendersi conto che le ragioni delle due parti in questa antica guerra potrebbero non essere così vera come sembravano in principio…

.

James Islington, La luce del tempo presente. Licanius Trilogy. Vol. 3. Fanucci, 25,00 €

La sinossi:

Il Confine è di nuovo unito, ma potrebbe essere comunque troppo tardi. Banes ora insegue Andarra, mentre in Ilin Illan, le macchinazioni politiche di una generazione arrivano al culmine così come la nuova abilità di Wirr costringe i vecchi nemici della sua famiglia ad agire. Incarcerato e solo in una terra straniera, Davian si contrappone ai Venerati mentre lavorano instancabilmente per annullare il sacrificio di Asha, e lotta con quello che ha scoperto sull’amico che ha deciso di liberare. E Caeden, che ora affronta le conseguenze del suo piano secolare, deve finalmente confrontarsi con la sua realtà – il cuore spezzato per come tutto è iniziato e devastato per come potrà finire…

.

Stephen King, L’ombra dello scorpione, Bompiani, 20,00 €

Nuova edizione. La sinossi:

La visione apocalittica di Stephen King ci restituisce un mondo completamente trasformato dal virus, con città vuote e spettrali percorse da poche persone allo sbando. L’ombra dello scorpione è ancor più affascinante e spaventoso oggi di quando è stato pubblicato per la prima volta. È il morbo sfuggito a un segretissimo laboratorio a seminare morte in tutto il mondo: il novantanove per cento della popolazione della terra non sopravvive all’apocalittica epidemia. I pochi sopravvissuti si trovano intrappolati in uno scontro più grande di loro, quella lotta eterna tra forze della natura nella quale si può solo decidere di perseguire il Bene e appoggiarsi alle fragili spalle di Mother Abagail, la veggente ultracentenaria, o seguire le orme dello spaventoso Randall Flagg, il Senza Volto, il Signore delle Tenebre. L’umanità di fronte alla pandemia sbanda tra paura e voglia di sopravvivere a qualsiasi costo: emergono i lati più oscuri dell’animo umano ma anche il coraggio di affrontare le tenebre.

.

Robin LaFevers, Cuore mortale, Fanucci, 18,00 €

La sinossi:

Annith, la più brillante delle giovani donne cresciute nel convento di Saint Mortain, sta aspettando pazientemente il suo momento per servire la Morte. Nonostante non abbia eguali con arco e coltelli, le è stato rifiutato dalla badessa l’incarico di assassina mentre le sue amiche più intime, Sybella e Ismae, hanno già fatto le loro prime uccisioni. Quando una ragazza molto più giovane e impreparata viene inviata al suo posto, probabilmente verso la morte, Annith si ribella fuggendo dal convento. Spera di aiutare la duchessa di Bretagna prima che soccomba, e le cui scarse forze devono proteggere il loro Paese da un’invasione francese. Sulla sua strada, tuttavia, Annith incontra Balthazaar, un hellequin, una delle anime dannate incaricate di portare i “nuovi” defunti a Mortain, “bello da togliere il fiato, in un modo oscuro, quasi cattivo”. In quel momento la sua vita cambierà per sempre.

.

Terry Pratchett, Tempi interessanti, Salani, 16,90 €

La sinossi:

«Che tu possa vivere in tempi interessanti» è quanto di peggio si possa augurare a un cittadino di Mondo Disco, soprattutto al decisamente poco magico mago Scuotivento, la cui vita è stata già abbastanza ricca di emozioni pericolose. Ma quando dal remoto Continente Contrappeso giunge ad Ankh-Morpork, via albatros viaggiatore, la richiesta di un “Grande Maggo”, è proprio lui il prescelto. La minaccia del Caos incombe sull’imminente successione al trono dell’Impero Agateo. E, per qualche incomprensibile ragione, qualcuno crede che Scuotivento avrà un leggendario ruolo nella guerra e nel bagno di sangue indiscriminato che sicuramente seguirà. (La carneficina è pressoché scontata, dato che Cohen il Barbaro e la sua assai attempata Orda d’Argento stanno alacremente formulando il loro piano per saccheggiare, depredare e, ehm, guardare con malinconia le ragazze). Ad ogni modo, Scuotivento crede fermamente che ci siano già fin troppi eroi al mondo, ma un solo Scuotivento. E che il suo dovere verso l’umanità sia tenerlo in vita il più a lungo possibile.

.

Robert Pyle, Re Artù e i suoi cavalieri. Vol. 1, Fanucci, 18,00 €

La sinossi:

In questo romanzo, il narratore e illustratore Howard Pyle ci porta nell’incantevole mondo di re Artù e della sua Tavola Rotonda. Il libro racconta le avventure di Artù mentre estrae la spada Excalibur dall’incudine, dimostrando il suo diritto al trono, e mentre corteggia e conquista il cuore di Ginevra. Successivamente subisce il tradimento della malvagia fata Morgana e assiste al tragico destino del mago Merlino. Nella classica rivisitazione di Howard Pyle, le leggende prendono vita con una vivacità insuperabile. Più potente di qualsiasi incantesimo di Merlino, Re Artù e i suoi cavalieri ha conquistato e deliziato generazioni di lettori, affascinati dai personaggi realmente esistiti, dalla magia dei luoghi e dall’indimenticabile affresco del Medioevo.

Pubblicato in freschi di stampa | Lascia un commento

Il dominio della regina di George R.R. Martin. Capitolo 22: Arya

Arya è finalmente arrivata dove doveva arrivare. Non Grande Inverno, la sua prima meta quando è fuggita da Approdo del Re. Non Delta delle Acque, dove ha iniziato a dirigersi quando le cose hanno preso una brutta piega. Non da sua madre, che ormai è morta, o da sua zia, morta pure lei. No, nell’unico posto dove può imparare come vendicarsi, anche se per chi dirige la Casa del Bianco e del Nero loro non decidono chi deve morire ma si limitano a uccidere a pagamento. Certo, c’è una motivazione dietro questo modo di agire, ma di fatto questo è ciò che fanno. E Arya, da quella maschiaccia che è, e dopo averne viste troppe, impara.

Noto un dettaglio, un piccolo Easter egg inserito nel capitolo. Quando Arya guarda le sculture degli dei, vede anche quella di Bakkalon, il Bambino pallido. Qui George R.R. Martin si sta riferendo a sé stesso, perché Bakkalon è una divinità citata in tanti suoi racconti giovanili di fantascienza. Il capitolo comprende una breve storia della Casa del Bianco e del Nero e un accenno al passato e ai lunghi inverni. Mentre Arya impara nel presente, Martin ne approfitta per insegnarci qualcosa sul passato.

L’addestramento comporta, per Arya, una perdita di sé stessa. Per tanto tempo ha finto di essere qualcun altro, qui le chiedono di fare un passo ulteriore, di convincersi di essere nessuno. Sono contenta che abbia nascosto Ago, anche se mi stupisce che i suoi insegnanti non se ne siano accorti. Entro breve, ha imparato abbastanza sulle menzogne da poter essere inviata all’esterno per una nuova fase dell’addestramento.

Pubblicato in George R.R. Martin rilettura | Contrassegnato | Lascia un commento

Novità di febbraio 2021 – seconda parte

Ngozi Chimamanda Adichie, Dovremmo essere tutti femministi, Einaudi, 12,00 €

Edizione illustrata. La sinossi:

I maschi e le femmine sono indiscutibilmente diversi sul piano biologico, ma la socializzazione accentua le differenze. Prendiamo l’esempio della cucina. In generale, è più probabile che siano le donne a sbrigare le faccende di casa: cucinare e pulire. Ma qual è il motivo? È perché le donne nascono con il gene della cucina o perché sono state educate a credere che cucinare sia un loro compito? Il problema del genere è che prescrive come dovremmo essere, invece di riconoscere come siamo. Passiamo troppo tempo a insegnare alle ragazze a preoccuparsi di cosa pensano i ragazzi, a essere ambiziose ma non troppo, a puntare al successo ma non troppo, altrimenti saranno una minaccia per gli uomini. Allo stesso tempo facciamo un grave torto ai maschi educandoli a aver paura della debolezza, della vulnerabilità. Spingendoli a credere di dover essere dei duri, li rendiamo fragili. In questo modo il genere ci inchioda a dei ruoli prefissati che spesso non ci rispecchiano. E se ci concentrassimo sulle capacità e sugli interessi invece che sul genere? Quanto saremmo più felici, quanto ci sentiremmo più liberi di essere chi siamo veramente?

.

William Gibson, Bruce Sterling, Neal Stephenson, Cyberpunk. Antologia assoluta, Mondadori, 35,00 €

La sinossi:

Cos’è il cyberpunk? Per scoprirlo, niente di meglio di questo volume che contiene i romanzi di culto dei tre più acclamati autori del genere (Neuromante di William Gibson, Snow Crash di Neal Stephenson e La matrice spezzata di Bruce Sterling) oltre alla più leggendaria antologia Mirrorshades, vera pietra miliare nella storia della letteratura sci-fi. Il tutto accompagnato da una introduzione di Sterling.

.

Lyon, Le storie del quartiere, Magazzini Salani, 15,90 €

La sinossi:

Lyon e i suoi amici hanno perso tutti i soldi che avevano guadagnato per colpa di un investimento molto azzardato! Ecco perché ora sono costretti a dormire in un sacco a pelo nel bel mezzo della foresta, in attesa di farsi venire una delle loro idee. Qual è il modo migliore per tirare su un bel gruzzoletto? Meglio organizzare una battaglia di yo-yo oppure una gara di barzellette? Sono tutte ottime trovate, ma potrebbero non bastare. Stavolta, infatti, ai ragazzi serviranno un piano geniale e una dose extra di coraggio, perché un misterioso sconosciuto li ha presi di mira. Si fa chiamare il Killer e non ha per niente buone intenzioni. Chi si nasconde dietro la maschera? E perché ce l’ha tanto con loro? Per fortuna in questa avventura Lyon, Anna e gli altri non sono soli: ad accompagnarli c’è Nonno Tombaldo, un vecchietto un po’ svitato con un’insana passione per i fagioli magici. Dopo averci conquistato con Le storie del mistero, Lyon ci riaccompagna nel suo mondo, fatto di personaggi bizzarri, sfide accanite e segreti da svelare.

.

David Mitchell, Nove gradi di libertà, Mondadori, 14,50 €

Edizione economica. La sinossi:

Il fanatico adepto di una setta apocalittica sull’isola di Okinawa. Un giovane musicista innamorato tra i tentacoli di Tokyo. Un avvocato inglese a Hong Kong. Un’anziana donna che vive alle falde del Monte Emei, la montagna sacra cinese. Uno spirito della Mongolia. Una ladra d’arte a San Pietroburgo. Un ghost-writer londinese. Una scienziata irlandese inseguita dalla CIA. Un eccentrico dj newyorkese. Nove storie, nove località, nove personaggi, nove stili letterari diversi. Cosa accomuna i protagonisti dei diversi capitoli? Sono solo dettagli fortuiti, o c’è un disegno dietro quanto ci accade? Lo straordinario libro d’esordio di David Mitchell, ricco di echi letterari e di suggestioni filosofiche, un seducente gioco che fonde eventi, paesaggi, sentimenti in un unicum magmatico e interconnesso, come la vita.

.

Crystal Smith, Greythorne, Mondadori, 17,90 €

La sinossi:

La vita della principessa Aurelia è di nuovo sconvolta quando il regno che pensava di aver salvato si avvia inesorabile alla rovina, una persona amata muore tragicamente in un naufragio e la sua patria d’origine si rifiuta di riconoscere il legittimo diritto al trono del fratello Conrad. Con la certezza che non esista più un luogo in cui possa sentirsi davvero a casa, Aurelia fa ritorno a Greythorne, il maniero della famiglia del suo migliore amico, giusto in tempo per essere travolta da un colpo di Stato la notte dell’incoronazione di Conrad. Disprezzata da tutti e con i nemici sempre più vicini, la ragazza sa di non avere più nulla da perdere. Può e deve fare solo una cosa, tentare tutto ciò che è in suo potere per proteggere le uniche persone che le sono rimaste, la sua famiglia. Ma proprio nel momento di maggiore difficoltà, quando tutto sembra irrimediabilmente perduto, un amore che pensava di avere perso per sempre le riaccenderà la speranza…

Pubblicato in freschi di stampa | Lascia un commento

Brandon Sanderson: Il ritmo della guerra

***** deve morire male, ma male davvero.

Va bene, facciamo un passo indietro. Ho impiegato molto più del solito a leggere Il ritmo della guerra di Brandon Sanderson, e non per colpa del libro. Sono io a essere temporaneamente distratta, e so che sarà così ancora per un po’. Ne prendo atto e vado avanti.

Questo è il quarto romanzo delle Cronache della Folgoluce. Visto che secondo quanto affermato da Sanderson la saga sarà composta da dieci romanzi, divisibili in due miniserie di cinque, siamo poco oltre la parte centrale della storia. Immaginiamo un unico romanzo mooolto lungo. Le novità le abbiamo superate da un pezzo, sappiamo quanto sia strano Roshar, conosciamo l’autodistruttività di Kaladin, la personalità scissa di Shallan, l’interesse per la moda di Adolin… Di fatto ci sono ancora tanti dettagli da chiarire, tante cose da scoprire, ma abbiamo un’idea abbastanza precisa del mondo, perciò non proviamo più quel senso di meraviglia di La via dei re. E qui non c’è neppure un finale paragonabile a quello degli altri romanzi. Intendiamoci, non è che non ci siano crisi, pericoli mortali, lotte all’ultimo sangue. Però non c’è quella conclusione epica che hanno avuto gli altri romanzi. Ci sono alcuni climax, ma non sono unitari, e non c’è quel senso di compimento. Per certi versi la nostra visione del mondo si ribalta, ma non con la stessa intensità. Questo romanzo mette le basi per la conclusione, che arriverà nel prossimo.

Ci sono lati positivi, al di là dell’assenza di Shadesmar? Va bene, Shadesmar c’è anche nel Ritmo della guerra, ma non è logorante come in Giuramento, anche se a volte viene voglia di inculcare un po’ di buon senso nella testa degli spren con l’aiuto di un martello. Di fatto il rimo del romanzo è lento. La storia progredisce, ma lo fa con calma. Intanto però noi abbiamo modo di crescere con i personaggi. Viaggio prima della destinazione, avete presente? Ecco, questo libro è un viaggio. Fatto con calma, che non dona le intense emozioni di alcuni momenti degli altri romanzi, ma che è necessario. Qual è il passo più importante che un uomo possa compiere? Il prossimo. Questo è importante, e queste pagine sono sono come le gemme, che a volte brillano e a volte hanno perso la loro luminosità. Sta a noi accorgerci della loro presenza e infonderle di nuovo.

Il ritmo della guerra è il più pacato dei quattro romanzi, ma è necessario e, nonostante il tempo che ho impiegato a leggerlo, mi è piaciuto molto. Comunque ***** deve morire male, ma male davvero.

Pubblicato in Brandon Sanderson, impressioni di lettura | Contrassegnato , | 6 commenti

2020: Il miracolo dei libri

Una conversazione sui libri, sull’editoria, sul mercato e sulle biblioteche:

Pubblicato in editoria | Lascia un commento

Novità di febbraio 2021 – prima parte

Ray Bradbuy, La fine del principio, Mondadori, 24,00 €

La sinossi:

Un faro solitario arroccato lungo la costa. Una nave spaziale in viaggio verso il sole. Strani funghi cresciuti in una cantina umida. Un innocente desiderio capace di spopolare il pianeta. Una famiglia di coloni terrestri su Marte. Un meraviglioso abito color gelato alla panna che cambia la personalità di chi lo indossa… Ray Bradbury è un pittore che usa le parole al posto dei pennelli, e le immagini che crea sono vive come se fossero dipinte a colori sotto gli occhi del lettore. Ciò che accomuna i sessantaquattro racconti compresi in questo volume – che accorpa tre raccolte uscite in Italia negli anni Sessanta e mai più ripubblicate, Le auree mele del sole , Le macchine della felicità e La fine del principio – è la ricerca del “fattore umano”, la descrizione di emozioni e reazioni di fronte a circostanze e avvenimenti fantastici. Nella moltitudine di immagini e di temi che Bradbury tocca, spiccano il sentimento di solitudine ma anche di profondo amore e comprensione, la nostalgia per un mondo perduto, irrimediabilmente perduto perché forse mai esistito. Soave, crudele, poetico, l’autore di Fahrenheit 451 e di Cronache marziane è capace come nessun altro di trasportare il meraviglioso nella banalità quotidiana e allo stesso tempo di colorare di assurdo e di fantastico quella banalità.

.

Susanna Clarke, Piranesi, Fazi, 16,50 €

La sinossi:

Piranesi vive nella Casa. Forse da sempre. Giorno dopo giorno ne esplora gli infiniti saloni, mentre nei suoi diari tiene traccia di tutte le meraviglie e i misteri che questo mondo labirintico custodisce. I corridoi abbandonati conducono in un vestibolo dopo l’altro, dove sono esposte migliaia di bellissime statue di marmo. Imponenti scalinate in rovina portano invece ai piani dove è troppo rischioso addentrarsi: fitte coltri di nubi nascondono allo sguardo il livello superiore, mentre delle maree imprevedibili che risalgono da chissà quali abissi sommergono i saloni inferiori. Ogni martedì e venerdì Piranesi si incontra con l’Altro per raccontargli le sue ultime scoperte. Quest’uomo enigmatico è l’unica persona con cui parla, perché i pochi che sono stati nella Casa prima di lui sono ora soltanto scheletri che si confondono tra il marmo. Improvvisamente appaiono dei messaggi misteriosi: qualcuno è arrivato nella Casa e sta cercando di mettersi in contatto proprio con Piranesi. Di chi si tratta? Lo studioso spera in un nuovo amico, mentre per l’Altro è solo una terribile minaccia. Piranesi legge e rilegge i suoi diari ma i ricordi non combaciano, il tempo sembra scorrere per conto proprio e l’Altro gli confonde solo le idee con le sue risposte sfuggenti. Piranesi adora la Casa, è la sua divinità protettrice e l’unica realtà di cui ha memoria. È disposto a tutto per proteggerla, ma il mondo che credeva di conoscere nasconde ancora troppi segreti e sta diventando, suo malgrado, pericoloso.

.

Patrick K. Dewdney, Il bambino di polvere, Mondadori, 22,00€

La sinossi:

Monelli selvaggi, costretti a lottare e a ingegnarsi in mille modi per sopravvivere, a modo loro sono felici. Fino a un soleggiato giorno d’estate dell’anno 621, quando a Corna-Brune giunge la notizia della morte del re Bai Solistero, primo e ultimo sovrano del Regno-Unificato. Ai quattro ragazzini sembra un evento lontano, che non potrà influire sulle loro vite. Ma anche loro si rendono presto conto che l’atmosfera in città si è fatta più cupa e violenta. È in questo clima che Syffo, sorpreso a rubare una frittella, per salvarsi si trova costretto a lavorare per il temutissimo Hesse, prima-lama dell’Alto-Brune. Sarà di volta in volta servitore, spia, apprendista chirurgo, conoscerà il carcere, la fuga, il tradimento. Accusato ingiustamente di stregoneria e di omicidio, non avrà che una scelta: abbracciare la dura vita del guerriero.

.

Robert E. Howard, Il ciclo celta, G.M. Libri, 16,00 €

La sinossi:

Ritorna dopo 25 anni Il Ciclo Celta, capolavoro dell’autore di Conan e Kull di Valusia! Il Ciclo Celta è una raccolta di otto racconti incentrata sui condottieri celti Bran Mak Morn e Turlogh O’Brien.

Il primo re dei pitti, il secondo indomito guerriero, affrontano avventure e pericoli secoli dopo la caduta di Atlantide. Tra lotte contro romani invasori, mostri aberranti, norreni conquistatori e divinità dimenticate, il popolo dei celti è messo a dura prova, ma l’aiuto inaspettato di eroi del passato sarà l’ago della bilancia tra la vittoria o l’annientamento.

.

N.K. Jemisin, Il cielo di pietra. La terra spezzata. Vol. 3, Mondadori, 15,00 €

La sinossi:

La Luna sta per sfiorare di nuovo l’Immoto. Se porterà la salvezza o la distruzione dell’umanità dipende da due donne. Essun ha ereditato il potere di Alabaster Diecianelli. Vuole usarlo per ritrovare la figlia Nassun e tentare di costruire un mondo migliore, dando una seconda occasione all’umanità. Ma aprire il Portale degli Obelischi non basta. Bisogna far tornare la Luna. Nassun ha sperimentato tutto il male possibile ed è giunta a una conclusione che sua madre non accetta: il mondo è troppo guasto per poterlo riparare. Meglio distruggerlo per sempre. Madre e figlia si ritroveranno l’una contro l’altra nell’ultima, decisiva lotta per la sopravvivenza o la fine dell’Immoto.

.

Marie Lu, Il regno capovolto, Mondadori, 17,00 €

La sinossi:

Nata con uno straordinario dono musicale musicale, la piccola Nannerl Mozart ha un solo desiderio: essere ricordata per sempre. Ma, anche se incanta le platee con le sue straordinarie interpretazioni, ha poche speranze di diventare una celebre compositrice. È una ragazza nell’Europa del Diciottesimo secolo, e ciò significa che comporre per lei è proibito. Suonerà fino a quando avrà raggiunto l’età da marito: su questo il suo tirannico padre è stato ben chiaro. Ogni anno che passa le speranze di Nannerl si fanno più sottili, mentre il talento del suo amato fratellino Wolfgang diventa sempre più brillante, e finisce per oscurarla. Ma un giorno giunge un misterioso straniero da una terra magica, con un’offerta irresistibile: può far diventare il sogno di Nannerl realtà. Ma il prezzo da pagare potrebbe essere altissimo.

.

Tracy Wolff, Crave, Sperling & Kupfer, 14,90 €

La sinossi:

In seguito alla morte improvvisa dei genitori, Grace è costretta a lasciare la sua amata San Diego e trasferirsi in Alaska, terra di cui non conosce praticamente nulla. Il primo impatto non è dei migliori: un atterraggio da panico su una pista ghiacciata e un viaggio rocambolesco a bordo di un gatto delle nevi, a temperature polari. Tuttavia, quando arriva alla Katmere Academy, la scuola esclusiva di cui suo zio è preside, la ragazza non può che rimanere a bocca aperta alla vista della sua nuova casa: un maestoso castello con le torri che svettano nel cielo nero. Ma l’incanto svanisce in fretta. Tempo un quarto d’ora e Jaxon Vega, il leader indiscusso della scuola, la minaccia e le intima di tornarsene da dove è venuta. Benché indignata e confusa dalle sue parole, Grace è affascinata da quel ragazzo misterioso, con il volto solcato da una cicatrice e gli occhi scuri che celano a stento una grande sofferenza. E decide di scoprirne ogni segreto. Più indaga, però, più si rende conto che Jaxon e i suoi compagni sono tutto fuorché comuni studenti e che alla Katmere Academy niente è come sembra. Quando il soprannaturale fa irruzione con prepotenza nella sua vita, Grace si aggrappa disperatamente all’unica cosa che considera reale: i sentimenti che prova per Jaxon. Saranno sufficienti a permetterle di sopravvivere in un mondo in cui i mostri esistono e non si nascondono sotto il letto?

Pubblicato in freschi di stampa | Lascia un commento

Historical Dictionary of Science Fiction

Non so quante volte, scrivendo un articolo, mi sono interrogata su ciò che stavo scrivendo, al di là di quello che potevo vedere a un primo sguardo. Il personaggio X compie l’azione Y e Z ne è la conseguenza. Ok, e poi? C’è un archetipo dietro quel personaggio? Quel tipo di azione è stato ispirato da qualcosa? Quello che succede rimanda a qualcos’altro? Lo scrittore si inserisce in un dialogo nato prima di lui e che prosegue dopo di lui? Non sono domande necessarie per apprezzare un romanzo,, e per certi versi possono persino disturbare. Si può leggere un romanzo calandosi completamente nella trama e non pensando ad altro, e si può leggerlo cercando di fare collegamenti. Nel primo caso probabilmente ci si diverte di più, nel secondo si capisce di più. Io passo dall’uno all’altro caso senza problemi, durante la prima lettura che durante le eventuali letture successive. Solo quando sto scrivendo la mia mente è focalizzata sul secondo tipo di lettura (anche se a volte rileggo un passaggio per verificare un dettaglio, mi lascio catturare dalle pagine e ne riemergo solo parecchio tempo dopo).

Ora ho scoperto che per aiutarmi a orientarmi nelle varie opere c’è uno strumento che si chiama Historical Dictionary of Science Fiction. Purtroppo è specializzato in fantascienza, il fantasy ne rimane fuori, ma anche uno strumento che aiuta solo in parte è meglio di niente, anche perché non avevo idea che potesse essere realizzato qualcosa di questo tipo. Al suo interno sono elencate le parole che fanno parte del mondo della fantascienza e, per ciascuna di esse, viene indicato l’utilizzo nel tempo. Un caso famoso che conoscevo è l’utilizzo della parola robot da parte di Karel Capec e la creazione, in modo del tutto inconsapevole, della parola robotica da parte di Isaac Asimov. Partendo dalle parole gli spunti di riflessione possono essere tantissimi, e possono aiutarci a comprendere meglio il genere. Se qualcuno ha voglia di partire per un’esplorazione che potrà portare in mondi e tempi lontanissimi, il dizionario si trova qui: https://sfdictionary.com/.

Pubblicato in fantascienza, saggi | Lascia un commento