Novità di novembre 2022 – quinta parte

Lloyd Alexander, Le cronache di Prydain, Mondadori, 28,00 €

Milioni di giovani lettori si sono divertiti con le avventure di Taron e dei suoi allegri amici in viaggio per la magica terra di Prydain. Pubblicati originariamente tra 1963 e 1968, i cinque romanzi sono stati tradotti in decine di lingue e costituiscono ancora oggi un punto di riferimento nel fantasy per ragazzi. Questo volume consente di leggerli tutti (oltre a un inedito volume di racconti) e farsi trasportare in un mondo assolutamente fantastico, che ha ispirato il celebre lungometraggio Disney Taron e la pentola magica.

Cassandra Clare, The Mortal Instruments. Shadowhunters. Prima trilogia: Città di ossa-Città di cenere-Città di vetro, Mondadori, 28,00 €

Quando Clary entra al Pandemonium, a New York, è convinta di essere una normale quindicenne che va a ballare in un locale alla moda. Non sa che il mondo è popolato di Demoni, di Nascosti e di Nephilim, gli Shadowhunters, i Cacciatori di Demoni. Non sa, soprattutto, di essere una di loro. Ma lo scoprirà presto. Prima di quanto pensi. E la sua vita ne sarà sconvolta. I primi tre titoli della prima saga Shadowhunters, in un unico volume.

Cassandra Clare, The Mortal Instruments. Seconda trilogia. Città degli angeli caduti-Città delle anime perdute-Città del fuoco celeste, Mondadori, 28,00 €

La guerra contro i demoni è conclusa e Clary è tornata a New York, intenzionata a diventare una Nephilim a tutti gli effetti. Ma qualcuno si diverte a uccidere gli Shadowhunters, e ciò causa fra loro e i Nascosti tensioni che potrebbero portare a una seconda, sanguinosa guerra. La posta in gioco non è mai stata così alta e Simon, Clary e Jace si trovano ad affrontare il più grande pericolo che la società dei Nephilim abbia mai affrontato: Sebastian, il fratello di Clary. Il traditore, colui che ha scelto il male e che non si fermerà davanti a nulla pur di far trionfare l’oscurità. Il prezzo da pagare sarà altissimo e molte vite saranno perdute per sempre, l’amore sacrificato per un bene più grande: scongiurare la distruzione definitiva di un mondo che non potrà mai più essere lo stesso. Perché la fine degli Shadowhunters è anche il loro inizio.

Philip K. Dick, Gli androidi sognano pecore elettriche?, Mondadori, 13,50 €

San Francisco 1992. La Terra è un pianeta desolato, devastato dalle guerre nucleari; gli esseri umani sono in gran parte emigrati nelle colonie esterne e numerose specie animali si sono estinte, tanto che possedere un animale domestico vivente è diventato un ambito status symbol . Per chi non può permettersi un cucciolo “vero”, come il cacciatore di taglie Rick Deckard, ci sono le pecore elettriche… L’umanità vive infatti affiancata da diversi modelli di robot, dalle semplici macchine-utensili ai vicini di casa artificiali, fino a sofisticati modelli di androidi assolutamente indistinguibili dagli esseri umani, anzi persino più intelligenti, come i Nexus-6. Quando alcuni esemplari di questi replicanti perfetti fuggono da una colonia marziana per vivere liberi, Rick è incaricato di “congedarli”. Prima, però, dovrà riuscire a individuarli… Cos’è reale e cosa no? Cos’è umano e cosa no? E poi le droghe, i difficili rapporti tra i sessi, la repressione dello Stato: i grandi temi della narrativa di Philip K. Dick animano questo celebre romanzo di fantascienza, tragico e grottesco, un capolavoro che esce dai confini del genere letterario, «un trattato di teologia cibernetica assolutamente vertiginoso, di una ricchezza narrativa impressionante» (Carrère).

Shirley Jackson, Un giorno come un altro, Adelphi, 19,00 €

Quando Shirley Jackson arrivò in ospedale per la nascita del terzo figlio, l’impiegata all’accettazione le chiese quale professione svolgesse. E alla risposta «Scrittrice», replicò imperturbabile: «Io metterei casalinga». Senza volerlo, quell’impiegata aveva toccato un nervo scoperto – e colto nel segno. L’autrice di uno dei più celebri e disturbanti racconti della letteratura americana moderna era anche, come emerge dagli irriverenti aneddoti familiari, un’eccentrica donna di casa e una madre spassosa e piena d’inventiva. Ed è impossibile non riconoscere qualcosa di lei nelle stravaganti Mary Poppins che popolano questa raccolta, accompagnate da gatti parlanti e in grado di confezionare abiti con le coccinelle e i denti di leone del giardino. Quanto al lato più macabro – quello che la spinge ad affrontare tormenti, aberrazioni, crudeltà, a sondare normalità, follia, soprannaturale e sordido, o ancora a rendere sottilmente inquietante la banalità di «un giorno come un altro», appunto -, il lettore non avrà che l’imbarazzo della scelta. Nessuno meglio di Shirley Jackson conosce «il male incontrollato» che si cela sotto la più linda e ordinata delle superfici. E solo lei sa mescolare assurdo, comico e spaventevole – avvelenata mistura -, portandoli alle estreme conseguenze con un’economia del dettato e un’acutezza del dettaglio del tutto inconfondibili.

Seanan McGuire, Tra tuoni e fulmini, Mondadori, 16,00 €

Il prequel della serie Bambini Irrequieti di Eleanor West, vincitrice dei Premi Hugo, Nebula e Locus.
A diciassette anni le gemelle Jack e Jill hanno capito come tornare nel loro mondo e sono state spedite alla Casa per Bambini Irrequieti di Eleanor West. Questa è la storia di quanto successo prima… Jacqueline è la figlia che tutte le madri vorrebbero: tranquilla, educata, sempre vestita come una principessa. Se la madre ogni tanto è un po’ severa, è solo perché crescere la bambina perfetta richiede disciplina. Jillian è la figlia che tutti i padri vorrebbero: audace, avventurosa, pronta a tutto. Il padre avrebbe preferito un maschio, ma insomma, ci si adatta. A cinque anni le bambine capiscono che non ci si può fidare degli adulti. A dodici scendono delle scale impossibili e scoprono che un finto amore non prepara a vivere in un mondo magico pieno di scienziati pazzi, morte e scelte da compiere. E che il lieto fine non attende proprio tutti.

Theodore Sturgeon, I gioielli sognanti e altri gioielli, Mondadori, 28,00 €

Il volume raccoglie The Dreaming Jewels, il capolavoro di Sturgeon, in una nuova traduzione, insieme ad altri romanzi e romanzi brevi ed è arricchito da uno scritto di Nicoletta Vallorani.

Nei suoi otto anni di vita Horty Bluett non ha mai conosciuto l’amore: i genitori adottivi sono violenti, i compagni di scuola crudeli. Così decide di scappare di casa, e si unisce a un luna park. Ma neppure lì è al sicuro, perché Horty non è un bambino come gli altri, ha delle facoltà speciali, e qualcuno vuole approfittarne.

Questa voce è stata pubblicata in freschi di stampa. Contrassegna il permalink.

3 risposte a Novità di novembre 2022 – quinta parte

  1. Mattyss ha detto:

    Mi piacerebbe recuperare prydain ma non ho inquadrato il tipo di fantasy.
    È un po’ che non leggo fantasy classico ed ho paura di incappare in un tipo di lettura che ormai è lontana da me.
    Tu Martina hai qualche info a riguardo?

    "Mi piace"

    • Ho letto uno dei romanzi che compongono la saga… quanto? Trent’anni fa? Può darsi. Come puoi immaginare, ricordo ben poco. E, avendo preso il libro in prestito in biblioteca, non posso neanche riguardarlo. Per questo devi prendere quello che scrivo con una certa cautela, magari se rileggessi il libro ora ne avrei tutt’altra impressione.
      Probabilmente ora lo definiremmo uno young adult (ma senza tutte le connotazioni romantiche e sdolcinate di un buon numero di young adult). All’inizio mi trascinavo, poi mi ha gradualmente coinvolta e alla fine la lettura mi è piaciuta. Ma mi è piaciuta da dire che il libro era carino, che nel complesso era stato un piacere leggerlo, ma che non era memorabile. Infatti non ho mai cercato gli altri libri della saga. E avrei potuto farlo: sono sicura che con il prestito interbibliotecario, in un sistema che comprendeva una trentina di biblioteche, qualcuno che aveva i romanzi c’era. Ho letto Un lupo nell’ombra di David Gemmell grazie al prestito interbibliotecario, perché volevo leggerlo. Non ho mai pensato di fare la stessa richiesta per questa saga.
      Ora probabilmente lo sentiremmo un po’ datato, con una storia troppo lineare e personaggi semplici. E ovviamente non ci sono scene forti, il grimdark non lo avevano ancora inventato, anche se il finale ha il suo climax. Un climax stile anni ’60, e se io devo aver letto il romanzo nei primi anni ’90, non so che effetto possa fare ora. Ricordo troppo poco per poter dire qualcosa di più.

      "Mi piace"

  2. francesco ha detto:

    Io ricordo che lo lessi a suo tempo e mi piacque, e poi rilessi 10 anni fa entrambi i libri pubblicati dalla Nord. Fantasy datato, certo, ma ancora godibile (molto più del cartone Disney). Direi che è sul genere della saga dei Belgariad di David Eddings

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.