Il portale delle tenebre di George R.R. Martin. Capitolo 19: Arya

Le nozze Rosse non hanno solo provocato la morte di Catelyn, Robb e un buon numero di uomini del Nord. Hanno anche privato Arya e il Mastino di una direzione. Se lui non può più cercare un riscatto, dove può andare? E se lei non ha più una famiglia, quale direzione deve prendere? Vagano, e si ritrovano in una locanda. All’interno ci sono Polliver e Messer Sottile, due dei nomi dell’odio di Arya. È difficile provare odio quando si è svuotati, la morte di Robb impedisce ad Arya di provare davvero gioia per la notizia della morte di Jeoffrey, mentre la sua incredulità riguardo al matrimonio di Sansa ci mostra come anche le notizie vere possano essere ritenute false. Quello delle notizie false, imprecise, insufficienti o inattendibili, e della loro ricezione, è uno dei temi che guidano Le cronache del ghiaccio e del fuoco di George R.R. Martin, e in più casi hanno provocato disastri. Qui è solo una nota di colore, Arya che nonostante tutto quello che ha passato è troppo ingenua, e troppo giovane, per immaginare come Sansa possa non avere voce in capitolo su certe decisioni, ma è anche un piccolo mattoncino che costruisce il mondo.

Abbiamo notizie dei Bravi Camerati, del Pesce Nero sotto assedio, ma anche la notizia falsa – ma da tutti creduta vera – dell’imminente matrimonio di Arya con il Bastardo di Bolton. Se Arya sente notizie false su di lei, come può credere a qualcosa? Come ci si può muovere in un mondo così? Un mondo dove chi sbaglia muore…

Come prevedibile la conversazione sfocia in una rissa, che termina solo quando i membri di una delle due parti finiscono morti ammazzati. Arya può depennare un paio di nomi e riprendersi Ago. Non è più un topo ora, che deve nascondersi da tutti, ma una belvetta a cui bisogna prestare attenzione.

Anche se hanno vinto il Mastino è stato ferito e finalmente Arya riesce a lasciarlo indietro. In teoria dovrebbe morire, ma una vecchia regola del fantasy ci dice che non dobbiamo mai dare per morto qualcuno di cui non vediamo il cadavere riconoscibile, e anche il quel caso qualche dubbio ci può essere. Se il tentativo di comprare un viaggio fino alla Barriera e a Jon finisce male, Arya scopre che dopotutto la moneta che le ha dato Jaqen H’ghar ha un valore, perché le fa guadagnare un passaggio fino a Braavos. Valar morghulis.

Questa voce è stata pubblicata in George R.R. Martin rilettura e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Il portale delle tenebre di George R.R. Martin. Capitolo 19: Arya

  1. sircliges ha detto:

    «Quello delle notizie false, imprecise, insufficienti o inattendibili, e della loro ricezione, è uno dei temi che guidano Le cronache del ghiaccio e del fuoco di George R.R. Martin, e in più casi hanno provocato disastri. »

    Purtroppo la serie tv trascura completamente questo elemento.

    "Mi piace"

    • Io ho abbandonato la serie perché non mi piaceva la caratterizzazione dei personaggi, molto diversa da quella dei romanzi, ma inevitabilmente in televisione sono molte altre le cose che vanno perse, e di solito sono quelle più profonde. Una battaglia è spettacolare, sullo schermo rende benissimo se si hanno i soldi per girarla, ma le macchinazioni? I piccoli problemi di cui ci si rende conto solo a distanza di tempo? Le contraddizioni? La percezione che ciascuno ha degli eventi, percepibile con i punti di vista e non con un narratore esterno? Per me si è perso troppo.

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.