Il portale delle tenebre di George R.R. Martin. Capitolo 18: Jon

Con l’altissimo tasso di mortalità fra i Guardiani della notte, proprio Alliser Thorne e Janos Slynt dovevano restare in vita? Lo so, senza qualcuno che metta alla prova i protagonisti non c’è storia, ma questi due sono davvero meschini e falsi. Per fortuna mastro Aemon nonostante l’età ha le idee chiare, e con una semplice lettera blocca i piani di Thorne e Slynt. I quali, da persone oneste quali sono, pensano davvero di trasformare Jon Snow in un traditore facendogli assassinare Mance Rayder. Se pensavamo che al gioco della politica si giocasse solo ad Approdo del Re, scopriamo di esserci sbagliati. Di intrighi ce ne sono anche sulla Barriera, e un errore si paga con la vita.

Jon, ovviamente, non ha nessuna voglia di trasformarsi in assassino, anche se Thorne e Slynt non gli hanno lasciato alternative. I Bruti sono il nemico… davvero? Lui è stato addestrato sapendo che loro sono il nemico, ma ha anche imparato a conoscerli, in qualche caso a rispettarli, e ha scoperto chi è il vero nemico. Con Tormund è possibile discutere, e con Mance pure, anche se si trovano su fronti contrapposti, perché, come ben sanno gli Stark, l’inverno sta arrivando. Mance ha il Corno di Joramun, suppongo che prima o poi scopriremo se davvero può far crollare quella Barriera realizzata con la magia e che cela chissà cosa. Intanto che Mance e Jon discutono arriva un esercito e si inizia a combattere. Avevamo visto Davos Seaworth turbato, parecchi capitoli fa, nel leggere la lettera arrivata dalla Barriera, avevamo visto che Stannis era sparito, e nonostante tutto ritrovarmelo qui è stata un’enorme, e piacevole, sorpresa. Le cose si fanno interessanti.

Questa voce è stata pubblicata in George R.R. Martin rilettura e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.