Marshall John Fisher: Terribile splendore. La più bella partita di tennis di tutti i tempi

Ho sentito parlare per la prima volta di Terribile splendore. La più bella partita di tennis di tutti i tempi di Marshall John Fisher da Gianni Clerici, quando ancora del libro non esisteva una traduzione italiana. Quante partite commentate da Clerici, magari in coppia con Rino Tommasi, ho guardato? E Clerici è l’autore di 500 anni di tennis, libro meraviglioso per testo e immagini che ho comprato alla prima occasione utile, nella ristampa del 2007. Certo, poi è stato aggiornato con l’aggiunta di, mi pare, un paio di capitoli dedicati ai campioni più recenti, ma se il tennis contemporaneo si segue facilmente dalle cronache, leggere di quel che è successo in passato è molto più raro. Non c’è l’attualità da inseguire, quindi i giornali non ne parlano, e se i giornali non parlano di qualcosa dobbiamo essere noi a fare ricerche se vogliamo approfondire le nostre conoscenze.

La più bella partita di tennis di tutti i tempi. Davvero? La definizione è impegnativa, come erano state impegnative le parole di Clerici, che aveva definito questo il più bel libro sul tennis che lui avesse mai letto. La partita è la finale interzone di Coppa Davis disputata nel 1937 fra la Germania del barone Gottfried von Cramm e lo statunitense Donad Budge, con la presenza incombente di Big Bill Tilden ad animare lo scontro. Non avevo bisogno di fare ricerche o consultare annali per sapere come sarebbe finito l’incontro, ricordando quali nazioni hanno vinto la Coppa David fino al 1973, e quali sono state le prime a inserirsi in questo regno per pochi, la conclusione per me era ovvia. 500 anni di tennis l’ho letto davvero, e ho consultato abbastanza volte gli almanacchi del tennis, per dimenticare certi dati. Però un conto sono i record, i risultati, e un conto gli avvenimenti. L’anno successivo Budge sarebbe diventato il primo tennista capace di completare il Grande Slam, Tilden non è certo stato soprannominato Big senza motivo e vin Cramm è stato il più forte tennista tedesco prima di tal Boris Becker. Cos’è successo quando i tre si sono incontrati? Ovvio, sul campo sono scesi in due, von Cramm e Budge, ma Tilden era lì, statunitense che tifava per il tedesco, presenza troppo importante perché potesse passare inosservata. 1937, con la Germania saldamente nelle mani di Hitler. Quella partita di tennis non è stata solo una partita di tennis.

Fisher racconta alcuni colpi, gli scambi determinanti, l’atmosfera che si respirava in campo, ma soprattutto allarga il suo sguardo oltre, alla vita dei protagonisti e all’atmosfera dell’epoca. Quella partita di tennis non è stata solo una partita di tennis. I giocatori erano fortissimi, e secondo le cronache hanno giocato un incontro superbo, ma alle spalle c’era lo scontro fra due mondi, ed è questo scontro ciò che emerge con forza da queste pagine. A volte lo sport non è solo sport, e l’importanza di ciò che avviene entro le righe del rettangolo di gioco trascende il rettangolo stesso. Terribile splendore è il racconto del cambiamento di un’epoca, del declino di una civiltà e di un crollo che avrebbe trascinato con sé numerose vittime innocenti. Clerici aveva ragione: il libro è davvero bello, e per quando il nucleo fondamentale sia legato a una partita di tennis lo sguardo di Fisher è talmente ampio da rendere il libro affascinante anche per chi nel tennis ha solo un interesse limitato.

Un estratto: https://www.66thand2nd.com/public/pdf_libri/fisher_splendore_incipit.pdf.

Questa voce è stata pubblicata in anteprima, impressioni di lettura, sport e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.