J.R.R. Tolkien a scuola

La storia del fantasy

Gli inventori

Padre riconosciuto del genere fantasy è lo scrittore inglese John Ronald Reuel Tolkien, autore di due grandi classici: Lo Hobbit (1937) e Il signore degli anelli (1955). Nel primo si narrano le avventura di Bilbo, uno gobbi che in compagnia di un gruppo di nani si mette in viaggio per recuperare un tesoro situato nel cuore di una montagna e sorvegliato da un feroce drago; Il signore degli anelli, invece, è una storia più complessa, che idealmente continua quella dello Hobbit. Il protagonista è Frodo, nipote di Bilbo, che si mette in viaggio insieme a un gruppo di compagni per salvare il mondo dalla minaccia di Sauron, potente spirito del Male.

Dopo aver proposto diversi brani, e aver spiegato le caratteristiche del fantasy, gli autori di Lettori senza frontiere, l’antologia usata da mia figlia in seconda Media, provano a narrare la storia del fantasy in due sole pagine. Impresa impossibile per chiunque, il che significa che si limitano a indicare una manciata di nomi, magari con qualche frase di presentazione, lasciando l’approfondimento alla buona volontà di ciascuno. Non sorprendentemente il primo nome che fanno è quello di Tolkien, e le parole sono accompagnate dalla foto dello Hobbit, copertina Bompiani con il bellissimo drago di Alan Lee che domina la pagina. Non che loro abbiano citato Alan Lee, dubito che sappiano persino chi è: gli autori dell’antologia devono parlare di letteratura, ed è la letteratura che devono conoscere. Per loro gli illustratori sono un di più, per me no e quindi li cito. A proposito, in questo momento i libri Bompiani sono in vendita con lo sconto del 25%, perciò se vi interessa qualcosa vi conviene approfittarne.

Torniamo a noi. Per una storia della narrativa fantasy vi consiglio la lettura del saggio di Farah Mendlesohn e Edward James A Short History of Fantasy. Ha il piccolo difetto di essere in inglese, perciò se avete problemi con la lingua la lettura può essere complicata. Forse dovrei scrivere qualcosa io, ma temo di essere più lenta di George R.R. Martin

Che gli autori del sussidiario, con il loro poco spazio, siano partiti da Tolkien ci sta, basta che non pensiamo che lui sia spuntato fuori dal nulla perché di autori che lo hanno preceduto ce ne sono parecchi. È un peccato però che non ci sia stato lo spazio per qualcosa di più, per dire che le storie sono ricche di momenti mozzafiato, con pericoli mortali, episodi di coraggio, dubbi sulla strada da seguire (e non solo sul sentiero da prendere, ma proprio sul percorso di vita), creature meravigliose, combattimenti… se vogliamo far appassionare i ragazzi bisogna parlargli della meraviglia della lettura, meglio ancora fargliela provare. Se invece siete interessati voi ad approfondire la conoscenza della Terra di Mezzo, delle creature che la abitano e di colui che l’ha inventata, vi segnalo una serie di saggi che io ho già letto:

A cura di Claudio Bonvecchio, La filosofia del Signore degli anelli

Huphrey Carpenter, J.R.R. Tolkien. La biografia

Verlin Flieger, Schegge di luce

Paolo Gulisano, La mappa della Terra di Mezzo di Tolkien

Paul H. Kocher, Il maestro della Terra di Mezzo

A cura di Marina Lenti e Paolo Gulisano, Hobbitologia

Visto che sono parte in causa di questo libro vi propongo la sinossi e il sommario:

Dopo il grande successo di Potterologia, Marina Lenti, affiancata da Paolo Gulisano, propone una nuova antologia di saggi brevi su “Lo Hobbit”, il primo romanzo tolkieniano, tornato recentemente in auge con la trilogia diretta da Peter Jackson.

Saggi agili ma approfonditi, scritti da un dream-team di esperti del genere Fantastico, l’analisi del romanzo d’esordio di Tolkien da dieci diverse angolazioni.

  • Lo Hobbit come romanzo di formazione Paolo Gulisano
  • Lo Hobbit e le spadeCristina Donati
  • Bilbo Baggins: dal libro al filmChiara Codecà
  • Le avventure di Bilbo Baggins, Scassinatore, Esperto Cacciatore di Tesori: l’oro e la menzogna nello HobbitSilvana De Mari
  • Oltre Smaug: gli animali nello Hobbit Martina Frammartino
  • Lo Hobbit e Tauriel: una prospettiva femminista? – Pia Ferrara
  • Essere o non essere… un libro per bambini? Livia Rocchi
  • La presenza del cibo nello Hobbit Marina Lenti
  • Lo Hobbit dal libro al film: missione impossibile?Paola Cartoceti
  • Lo Hobbit fra di noi: quando letteratura e realtà si compenetranoChiara Valentina Segré
  • Bibliografia

 

Emanuele Terzuoli, Il signore degli anelli da J.R.R. Tolkien a Peter Jackson

J.R.R. Tolkien, Il medioevo e il fantastico

J.R.R. Tolkien, Lo Hobbit annotato da Douglas A. Anderson

J.R.R. Tolkien, La realtà in trasparenza

Wu Ming 4, Difendere la Terra di Mezzo

Ho già comprato, ma devo ancora leggere, Gli Inklings di Humphrey Carpenter.

Questa voce è stata pubblicata in fantasy, Hobbitologia, scuola e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.