Brandon Sanderson: The Eleventh Metal e Allomancer Jack

Da lunedì sarà la volta di The Bands of Mourning, per due settimane. Cioè, la suddivisione è in due settimane, ma se l’accordo è di leggere fino al capitolo 16 la prima settimana e dal 17 all’epilogo la seconda, non è che io debba esattamente impiegare due settimane per leggere il romanzo. Basta non sforare dai capitoli indicati. The Bands of Mourning è lungo 450 pagine, secondo voi io posso impiegare sette giorni per leggere poco più di 200 pagine di Brandon Sanderson, anche se sono in inglese?

Ecco, appunto.

Infatti questa settimana dovevamo finire Shadows of Self, e io ho completato la lettura martedì. Ho impiegato così tanto perché ho letto anche altro. Mistborn: Secret History è in programma dopo la fine di The Bands of Mourning, ma non abbiamo stabilito nulla riguardo agli altri testi legati a Mistborn, non li abbiamo neppure considerati, e io questa settimana ho già finito (da troppi giorni) la tappa fissata dal gruppo di lettura. Però fra i libri che ho comprato c’è Arcanum Unbounded, raccolta di tutte le storie brevi ambientate nel Comoverso.

Una di queste storie è The Eleventh Metal.

Si tratta di un racconto breve scritto da Sanderson per un videogioco. Il protagonista è Kelsier, all’epoca un Mistborn inesperto fuggito da poco dalle Fosse di Hathsin. Vediamo un po’ del suo addestramento e la sua scoperta dell’esistenza di un undicesimo metallo. Non vi dico in che modo si svolge la prima cosa e come si verifica la seconda, questo dovete scoprirlo con la lettura. Il racconto è rapido, cosa inevitabile vista la sua brevità, ma è interessante perché consente di dare uno sguardo nell’animo di Kelsier. Per tutti, in Mistborn. L’Ultimo Impero, è il Sopravvissuto di Hathsin, una figura quasi mitica (anche grazie alla propaganda dello stesso Kelsier). Qui è un uomo, ferito, in cerca della sua strada e ha in sé il seme della grandezza. Deve solo scoprire come nutrirlo e farlo diventare una magnifica pianta.

L’inizio del racconto è disponibile sul sito di Sanderson: https://brandonsanderson.com/mistborn-the-eleventh-metal/

Allomancer Jack and the Pits of Eltania è un altro racconto creato da Sanderson per un gioco, anche se viene presentato come una storia vera pubblicata a puntate su The Elendel Daily e poi riunita in una serie di volumi.

Jack l’allomante è un avventuriero sbruffone che viaggia nelle Lande, s’imbatte, a suo dire, in pericoli incredibili e ne viene sempre fuori grazie a un misto di coraggio, intelligenza, abilita e fortuna. Alcuni brani delle sue avventure si trovano nelle pagine di giornale inserite nei romanzi di Wax e Wayne, questa però è un’avventura completamente nuova in cui Jack deve sopravvivere dopo essere stato catturato da una tribù di koloss. Ovvio che tutto è inverosimile, anche se è raccontato da Jack in tono serio e annotato dal suo assistente con tono particolarmente incredulo. Io sono più propensa a credere all’assistente che a Jack, ma ciascuno è libero di attribuire al racconto la veridicità che preferisce.

L’inizio del racconto si trova qui: https://brandonsanderson.com/allomancer-jak-and-the-pits-of-eltania/.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in anteprima, Brandon Sanderson, impressioni di lettura e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.