Rilettura di Le torri di mezzanotte di Robert Jordan e Brandon Sanderson. Dal capitolo 36 al capitolo 50

Rilettura di Le torri di mezzanotte di Robert Jordan e Brandon Sanderson. Avviso per tutti i membri del gruppo Facebook nato di recente La Ruota del Tempo – Italia. Questi sono commenti fatti durante la rilettura, il che significa che io so già cosa è avvenuto in quello che per me è il passato ma anche avverrà in futuro nella saga. I commenti sul futuro li segnalo in anticipo con la dicitura spoiler, ma solo quelli. I commenti sul passato no. Questo articolo un certo numero di capitoli di Le torri di mezzanotte, è ovvio che contiene tutti gli spoiler che mi pare su quello che è avvenuto prima. Se parlo di un libro, con l’eccezione delle recensioni, dovete dare per scontato che potrebbero esserci spoiler fino a quel libro compreso, anche senza preavviso. Se non facessi spoiler come potrei parlarne? L’eccezione sono le recensioni perché quelle le scrivo pensando a persone che non hanno ancora letto il libro e devono decidere se possono essere interessate o meno alla lettura senza che la lettura possa essere rovinata da rivelazioni anticipate.

36: Un invito

Egwene organizza un incontro fra Aes Sedai, Sapienti Aiel e Cercavento nel Mondo dei sogni. Mesaana e le Nere attaccano.

Perrin, inseguito dall’Assassino, arriva a Tar Valon.

37: Oscurità della Torre

Gawyn arriva finalmente ad accettare il suo ruolo e va a salutare Elayne. Quando Birgitte non lo fa entrare perché lei è – dovrebbe essere, ma ha qualche piccolo problema a incanalare – nel Mondo dei sogni, lui capisce che Egwene è in pericolo e corre da lei.

Gawyn non riconosceva la donna dai capelli scuri, ma lei parve riconoscere lui.

Sbadigliò e aprì un passaggio su sua richiesta. Lui lo attraversò di corsa, ritrovandosi sul terreno di Viaggio della Torre Bianca. Il passaggio scomparve proprio dietro di lui. Gawyn trasalì, girandosi con un’imprecazione. Si era quasi chiuso su di lui! Perché mai la donna della Famiglia lo aveva lasciato svanire in modo così brusco e pericoloso? Un attimo prima e gli avrebbe tagliato il piede, o peggio.

Non è colpa della donna, Perrin è appena arrivato con l’onirichiodo e ogni possibilità di Viaggiare è sparita. La conferma dell’arrivo di Perrin è data dalla cupola viola che vede Egwene. Nello scontro sono già morte Shevan (Adunante per le Marroni) e Carlinya (Bianca), il conto dei morti lo faccio a fine capitolo. I morti comunque non sono solo fra le Aes Sedai, nella Torre si svolgono contemporaneamente tre scontri: Egwene e la sua squadra contro Mesaana e le Nere, Perrin e Hopper contro Isam/Luc, e Gawyn contro i Seanchan:

Mazone e Celark si arrestarono. Gli ex Cuccioli indossavano uniformi della Guardia della Torre ora. Avrebbero cercato di fermarlo? Chi sapeva che genere di ordini Egwene aveva lasciato?

Quelli gli rivolsero il saluto.

«Uomini?» disse Gawyn. «Cosa state facendo?»

«Signore» disse Celark, il volto magro in ombra nella luce discontinua. «Quando un ufficiale corre con un’espressione come quella in faccia, non chiedi se ha bisogno di aiuto. Lo segui e basta!»

Una sola frase, e Celark si è guadagnato tutte le mie simpatie. Peccato che entrambi i soldati non durino lo spazio di un capitolo. Ci sono un po’ di figure con la spada, ma stavolta vi sorprenderò non citandole.

L’Assassino si riprende il suo tesssoro, altrimenti detto onirichiodo. In mezzo alla concitazione del momento Egwene e Perrin riescono pure a incontrarsi e a scambiare qualche parola, con lui che riesce a sorprendere lei su come sfruttare le proprietà del Mondo dei sogni.

Gawyn capisce che con quegli assassini l’oscurità è più utile della luce, amo quando è possibile parlare di luce in senso fisico e avere richiami filosofici. Comunque vista la situazione disperata lui sceglie di non parare un colpo mortale pur di infliggere a sua volta un colpo mortale. Ho letto per la prima volta una scena di questo tipo in Il sentiero della notte di Guy Gavriel Kay, ed è stata dura andare avanti. Lo stesso scherzetto lo ha fatto Brandon Sanderson in uno dei suoi romanzi, e ora me lo sono ritrovato qui. Anche solo da leggere fa male.

Mentre Mesaana pianifica l’Assassino uccide Hopper e Perrin, in mancanza di una soluzione, si tuffa con lui dentro un incubo. Oh, Hopper!

L’uomo verde, l’ultimo dei Nym, alla fine di L’Occhio del Mondo. 1.

Changu e Nidau, guardie a Fal Dara. Dena, la donna di cui è innamorato Thom. Ingtar Shinowa in La grande caccia. 2, 3, 4 e 5.

Leya la Calderaia che ha portato un messaggio a Moiraine. Dailin, la Fanciulla della Lancia guarita da Nynaeve in Il Drago rinato. 6 e 7.

La bambina che Rand prova a riportare in vita scoprendo che non può realmente fare tutto. La donna che Egwene vede sgozzare che con la sua morte le fa capire gli orrori della guerra. I genitori, il fratello, le sorelle, gli zii, i cugini e la prozia di Perrin uccisi da Padan Fain. Owein, custode di Alanna. Colly Garren, Jared Aydaer, Dael al’Taron, Ren Chandin, Kenley, Bili al’Dai, Hu, Tim, Teven, Haral, Had, e altri sedici ragazzi della banda di Perrin. La madre di Aram. Alric, custode di Siuan. Hammar e Coulin, maestri d’armi alla Torre Bianca uccisi da Gawyn durante il colpo di stato di Elaida. Seana, Sapiente e camminatrice dei sogni in L’ascesa dell’Ombra. 8, 9, 10, 11, 12, 13, 14, 15, 16, 17, 18, 19, 20, 21, 22, 23, 24, 25, 26, 27, 28, 29, 30, 31, 32, 33, 34, 35, 36, 37, 38, 39, 40, 41, 42, 43, 44, 45, 46, 47, 48, 49, 50, 51, 52, 53, 54, 55 e 56.

Teodora, sorella di Kadere. Jolien, una delle Fanciulle che si erano recate alla Pietra di Tear, morta nel crollo della torre. Ilyena, moglie di Lews Therin Telamon, morta all’inizio di L’Occhio del Mondo e il cui nome è appena entrato nella lista di Rand. Melidhra, Fanciulla della Lancia Amica delle Tenebre uccisa da Mat. Un Aiel precipitato per l’eternità dove durante il viaggio di Rand a Caemlyn. Lamelle, Fanciulla della Lancia uccisa da un Trolloc a Caemlyn. Pevin, il portabandiera di Rand, ucciso da un Trolloc a Caemlyn in I fuochi del cielo. 57, 58, 59, 60, 61, 62 e 63.

Cabriana Mecandes e il suo Custode, uccisi da Semirhage. Mangin, impiccato da Rand perché ha infranto la legge per motivi di Toh. Desora, Fanciulla della Lancia uccisa da una freccia destinata a Rand. Una donna di mezz’età uccisa in un’imboscata solo perché si è trovata vicino a Rand nel momento sbagliato. Herid Fel, bibliotecario, ucciso da un gholam in Il Signore del Caos. 64, 65 66, 67, 68 e 69.

Isan, della setta Jarra degli Aiel Chareen, 69. Chuonde dei Miagoma della Dorsale, 70. Agirin, degli Shelan Daryne, 71. E altre 148 Fanciulle della Lancia, morte ai Pozzi di Dumai. Totale: 220.

Lawtin e Belvyn, uomini di Mat uccisi da Moghedien nel tentativo di assassinare Nynaeve. Janira e Melore, membri della Famiglia, e Nalesean, Corevin, Mendair, Tad Kandel, Wat e altri due membri della Banda della Mano rossa uccisi dal gholam al momento del ritrovamento della Scodella dei Venti. Liah, Fanciulla della Lancia uccisa da Rand con il Fuoco Malefico per evitare che fosse consumata da Shadar Logoth in La corona di spade. 221, 222, 223, 224, 225, 226, 227, 228, 229, 230, 231 e 232.

Gille la damane, uccisa nello scontro fra Rand e i Seanchan. Jonan Adley, Asha’man ucciso da Rand quando perde il controllo di Callandor. Adeleas Namelle, Aes Sedai dell’Ajah Marrone uccisa dalla Nera Careane Fransi (insieme a Ispan) durante il viaggio di Elayne e Nynaeve verso Caemlyn. Somara dei Daryne Cima Piegata, Jendhilin, una Fanciulla dei Miagoma di Cimafredda, e altre quattro Fanciulle della lancia, uccise dagli Asha’man traditori quando hanno provato ad ammazzare Rand. Fedwin Morr, avvelenato per pietà da Rand dopo che la contaminazione di saidin gli ha portato via il cervello in Il sentiero dei pugnali. 233, 234, 235, 236, 237, 238, 239, 240, 241 e 242.

Kumira, Aes Sedai dell’Ajah Verde e Eben Hopwill, Asha’man e Custode di Daigian, uccisi rispettivamente da Graendal e Aran’gar (Halima) durante la pulizia di saidin in Il cuore dell’inverno. 243 e 244.

Tylin, regina di Ebou Dar, uccisa dal gholam. Anayia dell’Ajah Azzurra e il suo custode Setagana, e Kairen Stang, uccisi con l’Unico Potere da Halima. Renna la sul’dam, uccisa da Harnan su ordine di Mat in Crocevia del crepuscolo. 245, 246, 247, 248 e 249

L’ambulante visto da Mat sprofondare sotto terra in un villaggio nello Shiota. Il Seanchan visto da Perrin morire vomitando scarafaggi. Reanne Corly, Mirane Larinen e altri otto membri della Famiglia assassinati da Careane a Caemlyn. Aram, ammazzato da uno Shaido mentre sta duellando con Perrin a Malden. Rolan, ammazzato da Perrin dopo che lui ha salvato Faile. Kinhuin e Jhoradin, due Mera’din uccisi da Faile e Lacile nel momento in cui vengono liberate da Malden. Vandene e Sareitha, assassinate da Chesmal Emry subito dopo la scoperta della vera Ajah di appartenenza di Careane (a sua volta ammazzata da Vandene prima di morire). Cieryl Arjuna e Tavan Shandare, Custodi di Careane (a differenza del terzo Custode, Venr Kosaan, che ovviamente non conto, loro non sono Amici delle Tenebre), Jaem, Custode di Vandene e Ned Yaran, Custode di Sareitha, entrati nella casa in cui sono state ammazzate le loro Aes Sedai da un gruppo di Nere in La lama dei sogni. 250, 251, 252, 253, 254, 255, 256, 257, 258, 259, 260, 261, 262, 263, 264, 265, 266, 267, 268, 269 e 270.

Adrin, arso vivo dal tocco del Tenebroso. Marthea, Fanciulla della Lancia Shaido che ha protetto Arrela ed è morta nella battaglia di Malden. Verin, Aes Sedai dell’Ajah Marrone forzatamente vincolata al Tenebroso e morta suicida pur di poter aiutare Egwene a ricostruire la Torre Bianca. Il suo custode Tomas, già servo del Tenebroso in cerca di riscatto, in Presagi di tempesta. 271, 272, 273 e 274.

Malenarin Rai e suo figlio Keemlin, uccisi dai Trolloc nell’attacco alla Torre Heeth in Kandor in Le torri di mezzanotte. 275 e 276.

Lopin il servitore, le Braccia Rosse Gorderan, Fergin e Riddem e Will Reeve e il soldato Derry, uccisi dal gholam. 277, 278, 279, 280, 281, 282.

Rajabi, ufficiale al servizio di Ituralde, ucciso dalla Progenie dell’Ombra davanti a Maradon. 283.

Luce del Mattino e Bisbigliante, uccisi da Isam/Luc nel sogno dei lupi. 284 e 285.

Yoeli, Ankaer, Rossin e Wakeda, uccisi dai Trolloc a Maradon. 286, 287, 288 e 289.

Danza Quercia, uccisa da Isam/Luc nel sogno dei lupi. 290.

Shevan e Carlinya, Aes Sedai uccise da Mesaana e dalle Nere nel Mondo dei sogni. 291 e 292.

Mazone e Celark, guardie della Torre uccise dai Pugnali del sangue che volevano assassinare Egwene. 203 e 294.

Hopper, ucciso da Isam/Luc nel sogno dei lupi. 295.

38: Ferite

Nicola, che non è mai stata capace di farsi i fatti suoi, si immischia nella battaglia e finisce con l’essere uccisa. Lei è la numero 296.

Egwene uccide Katerine Alruddin, almeno una Nera che ha rotto le scatole a lungo sparisce dalla circolazione, e subito dopo viene catturata da Mesaana. Questo è un altro dei momenti in cui la ragazza dimostra la sua grandezza domando il terrore che prova per l’a’dam e schiacciando Mesaana sotto il peso della Torre.

Perrin riesce a buttare il tesssoro dell’Assassino dentro Monte Fato facendo crollare i piani di Sauron. Cosa? Ho confuso qualche dettaglio? Comunque l’onirichiodo, come l’Anello, fa un bel tuffo nella lava, anche se questa lava è stata solo sognata, e smette di essere un problema per tutti. Il riferimento tolkieniano secondo me non è affatto casuale.

Al risveglio Egwene trova un Gawyn moribondo e lo lega a sé come Custode. A differenza di Elayne con Birgitte lei riesce a chiedere il suo consenso, anche se io continuo a stupirmi dell’efficacia come medicina del flusso per legare i Custodi.

Perrin si sveglia e scopre che si può di nuovo Viaggiare e che i suoi uomini sono già andati via.

39: Nella Terra delle Tre Piegature

Nel suo viaggio verso il Rhuidean Aviandha incontra un’anziana Aiel di nome Nakomi che la spinge a interrogarsi sul futuro degli Aiel. Prima che qualcuno me lo chieda, non ho idea di chi sia Nakomi. Ho persino consultato il The Wheel of Time Companion, ma anche lì non c’è scritto nulla di più di quel che c’è scritto nei romanzi.

40: Una creazione

Eccola qui l’immagine che compare sulla copertina dell’ebook. Perrin riflette, e per lui il modo migliore per farlo è mettersi alla forgia. E visto che lì vicino ci sono un paio di Asha’man spunta fuori una nuova riscoperta, il modo per creare armi con l’Unico Potere. Il nuovo martello di Perrin si chiama Colui che si libra, o Mah’alleinir, nome che, apostrofo a parte, ricorda molto da vicino Mjolnir, il nome del martello di Thor. Se Mat è Odino, come avremmo potuto lasciare fuori il dio del tuono? Perrin si convince finalmente di dover guidare gli uomini e fa ritirare fuori lo stendardo con la testa di lupo.

Con i preparativi della battaglia la tensione cresce, anche perché Sanderson mostra le preoccupazioni di Berelain, che una volta tanto non ha capito nulla, e quelle di Galad, che non sa nulla, e spiega ben poco le azioni di Perrin. Ora sono ovvie, ma prima nonostante tutti gli indizi è solo tensione che cresce. Le pietre portali tornano nella storia, dopo essere sparite fin dai tempi di L’ascesa dell’Ombra, con un esercito di Trolloc che sbuca dalla nebbia.

41: Un alleato inatteso

Battaglia, vista alternativamente con gli occhi di Perrin e con quelli di Galad. Alla fine Galad assegna a Perrin una punizione che tutti tranne Byar possono accettare, Byar prova a contestarla con la spada ma Bornhald è più svelto di lui e lo ammazza.

Byar comunque non era solo un fanatico, o se lo era si era affidato ai consigli delle persone sbagliate che, chissà per quanto tempo, hanno accentuato il suo fanatismo. Un nome per tutti? Graendal. Questo è l’epilogo di questo stesso romanzo:

Perrin Aybara era sfuggito. Si sentiva stordita. I suoi piani perfetti erano andati al loro posto, uno dopo l’altro. E poi… lui era sfuggito. Come? La profezia… aveva detto…

Quello sciocco di Isam, pensò Graendal, ficcando i fogli nel suo zaino. E quel Manto Bianco idiota!

42: Più forte del sangue

Anche l’ultimo Pugnale del Sangue viene scoperto ed eliminato, e all’insaputa di tutti Gawyn si impadronisce di tre anelli ter’angreal. Mesaana, scopriamo, aveva preso l’identità di Danelle. Perché lei? Danelle era una Marrone priva di Custode e molto solitaria, che era stata a lungo lontana dalla Torre. Impersonando lei Mesaana non aveva problemi di qualcuno che potesse notare eventuali stranezze nel suo comportamento, perché nessuno conosceva abbastanza bene la Marrone. Danelle è stata a lungo fuori dalla Torre, quando vi è tornata ormai era Mesaana. La prima volta che incontriamo il suo nome non ci facciamo caso perché siamo preoccupati da altre questioni. In L’ascesa dell’Ombra Siuan legge un rapporto strano:

Dal canto suo Danelle, la giovane sorella Marrone che in teoria doveva controllare Mastro Jovarin, il muratore, molto probabilmente lasciava che i libri che il tizio continuava a procurarle la distraessero. Solo così poteva spiegarsi il fatto che non avesse fatto domande sul numero di aiutanti che Jovarin sosteneva di aver assunto, con il primo carico di pietre appena arrivate al molo nord da Kandor. Con tutti quegli uomini avrebbe potuto ricostruire l’intera biblioteca. Danelle sognava troppo, anche per una Marrone.

In realtà gli aiutanti sono soldati che svolgono una parte importante nella deposizione di Siuan, cosa che avverrà nel giro di poche pagine. Danelle, fra l’altro, è una delle Aes Sedai che sostengono Elaida. Siuan è stata deposta dal numero minimo di Adunanti richiesto dalla legge e fra loro c’erano Danelle/Mesaana (Reietta), Alviarin (Bianca/Nera), Evanellein Lorn (Grigia/Nera) e Talene Minly (Verde/Nera). Non male…

Danelle è sempre rimasta abbastanza nell’ombra, la si era vista presente in qualche incontro con Elaida e poco più, l’ideale per ricordarci della sua esistenza e non farla apparire dal nulla nel momento della rivelazione della sua vera identità, ma facendo in modo che fossero in pochi a intuire la verità.

Comunque… perché? Perché dobbiamo sempre avere a che fare con traduzioni errate? Prima o poi finirà che leggerò frase per frase i libri nelle due lingue e correggerò le mie edizioni italiane. Questo è il testo di Le torri di mezzanotte:

Lanciò un’occhiata di lato, verso dove gli assassini erano stesi sotto altri lenzuoli separati, con i piedi ricoperti di nero che spuntavano dal fondo. Due uomini e una donna.

E questo è quello di Towers of Midnight:

Two women and a man.

Non credo servano altri commenti…

Dopo Perrin anche Lan arriva ad accettare l’inevitabile e consente d’innalzare la sua bandiera.

Lord Mandragoran» disse il giovane, trotterellando verso di lui. «Sei venuto! Quando ho sentito che la Gru Dorata era stata innalzata…»

«Io non l’ho innalzata, principe Kaisel. Il mio piano era di cavalcare da solo.»

«Ma certo. Mi piacerebbe cavalcare da solo con te. Posso?»

Grande! Amo come i personaggi dicano “ok, se sei fissato con queste sciocchezze io non mi metterò a discutere con te, ciò non toglie che farò comunque a modo mio” senza dire nulla di tutto ciò. La Gru Dorata viene finalmente innalzata.

43: Del tè

Assestamenti nel campo di Perrin, con tanto di inedito punto di vista per Alliandre.

44: Una richiesta ambigua

Perrin sposa Morgase e Tallanvor con la cerimonia meno cerimonia che possa esistere, ha decisamente bisogno di qualche lezione sull’argomento. Mat arriva con un tasso.

«Mat?» chiese Perrin, quasi troppo stupefatto per parlare. «Cosa ci fai qui?»

«Acchiappo tassi» disse Mat, scuotendo il sacco. «Dannatamente difficile, sai, in particolare con poco preavviso.»

Il sacco frusciò e Perrin udì un debole brontolio dall’interno. Poteva fiutare che c’era in effetti qualcosa di vivo lì dentro. «Ne hai davvero preso uno?»

«Chiamami nostalgico.»

Nei primi due romanzi è difficile da immaginare, ma La Ruota del Tempo aveva davvero bisogno di un personaggio come Mat.

Ho letto un commento che collega questo tasso alla locanda di Illian Il tasso alleggerito, quella in cui in Il Drago rinato per la prima volta Moiraine e gli altri sentono parlare di lord Brend (Sammael) e il gruppo viene attaccato dagli uomini grigi, e che di mezzo ci sarebbe anche qualche scherzo privato fra Robert ed Harriet, ma non so altro.

45: Una rimpatriata

Morgase e Galad vanno da Elayne, che fa progetti per Caemlyn e Cairhien.

Aviendha medita nel Rhuidean.

46: Lavorare il cuoio

Avevamo intravisto brevemente Androl nel prologo di Il cuore dell’inverno, nono romanzo della saga, quindi il personaggio lo ha creato Jordan e lo ha creato con sufficiente anticipo da non farci sembrare strano il vedere ora le cose dal suo punto di vista. Però non lo conoscevamo davvero. Notevole come un personaggio che conosciamo così poco possa farci interessare a lui e alla sua trama in un tempo tanto breve. Siamo sulle soglie dell’Ultima battaglia e c’è ancora spazio per espandere lievemente il mondo e i suoi protagonisti.

Androl ha il talento per creare Passaggi, è notevole come qui vediamo l’uso improprio di un flusso, ci viene da sorridere per questo, e non abbiamo idea di come questo flusso possa essere utilizzato con effetti devastanti. Un Passaggio piccolo per tagliare una striscia di cuoio, certo!

La Torre Nera è evidentemente divisa in due fazioni. Di quella di Androl fa parte Emarin.

Emarin rimase da un lato, guardando divertito; era l’altro Soldato nel gruppo, privo di spille. Era un uomo anziano, con i capelli radi e rughe agli occhi. La sua corta barba bianca era modellata in una punta.

L’uomo distinto era una sorta di enigma: era arrivato con Logain un giorno e non aveva detto nulla del suo passato. Aveva un atteggiamento pacato e un modo delicato di parlare. Era un nobile, questo era certo. Ma a differenza di parecchi altri aristocratici nella Torre Nera, Emarin non faceva alcun tentativo di affermare la sua presunta autorità. A molti nobili occorrevano settimane per imparare che, una volta che ti univi alla Torre Nera, il tuo rango esterno non significava nulla. Quello li rendeva imbronciati e scontrosi, ma Emarin si era abituato alla vita nella Torre immediatamente.

Ci voleva un nobile davvero dignitoso per eseguire gli ordini di un popolano della metà dei suoi anni senza lamentarsi.

In Crocevia del crepuscolo Rand e gli altri a Tear soggiornano presso lord Algarin. La conversazione è fra Rand e Cadsuane:

«Algarin aveva un fratello in grado di incanalare» disse, voltandosi verso una sedia di fronte.

[…]

«Lo so» replicò lei. E dal momento che sembrava che Algarin potesse avergli detto tutto, aggiunse: «Fui io a catturare Emarin e a portarlo a Tar Valon.» Era strano che Algarin potesse essere grato per una cosa del genere, agli occhi di qualcuno, ma il suo fratello più giovane era sopravvissuto per più di dieci anni dopo essere stato domato, dopo che lei lo aveva aiutato a riconciliarsi con l’accaduto. I fratelli erano stati molto vicini.

Ecco chi è Emarin. Ovviamente con la domatura curabile domare qualcuno non significa più eliminarlo definitivamente dagli incanalatori, e ho il sospetto che Logain possa saperne qualcosa di come ci si senta a essere domati, o del fatto che alla Torre Bianca potesse essere presente un altro uomo che aveva subito il suo stesso destino.

47: Una camera di insegnamento

Grady non riesce ad andare alla Torre Nera, evidentemente il secondo onirichiodo è lì. Da un certo punto di vista possiamo dire per fortuna. Con Taim che converte tutti gli Asha’man, il povero Grady avrebbe fatto una brutta fine.

Elayne e Perrin in qualche modo trovano un accomodamento.

Elaida continua a fare danni, anche se non lo fa apposta, donando ai Seanchan la possibilità di Viaggiare. Ma cadere dal raken e schiantarsi al suolo subito dopo essere stata catturata no? Comunque è notevole come sia pronta a far schiavizzare chissà quante donne pur di essere liberata lei. Mat, abbiamo bisogno di te per far capire a Tuon l’enormità del suo errore!

Perrin e Mat si aggiornano a vicenda. Nel loro incontro fa brevemente capolino il locandiere:

Qualcuno bussò alla porta, quindi questa si socchiuse e comparve il locandiere, un uomo giovane di nome Denezel. Era alto, con un volto magro e una testa che teneva rasata. L’uomo era decisamente un Fautore del Drago, da quello che Perrin aveva visto, arrivando perfino ad aver commissionato un ritratto di Rand e averlo appeso nella sala comune. La somiglianza non era male.

Lo avete riconosciuto? È Jason Denzel, di Dragonmount.com.

48: Vicino ad Avendesora

Come in L’ascesa dell’Ombra Rand aveva visto diverse scene del passato, ora Aviendha vede diverse scene del futuro. Gli Aiel sono stati sconvolti dalle visioni di Rand, quelle di Aviendha sono ancora più brutte.

49: Corte del Sole

Fine della visione di Aviendha. Domanda: questo è il futuro, indipendentemente da qualsiasi cosa Aviendha possa fare per evitarlo, o è uno dei possibili futuri e si avvererà solo a determinate condizioni? Io propendo per la seconda ipotesi, un dominio Seanchan con schiavitù delle Aes Sedai e distruzione degli Aiel è più di quanto possa accettare. Aviendha e Mat hanno un compito molto difficile da portare avanti.

Piccola nota:

«Cosa conta per loro il Drago?» chiese Hehyal. «Sono invasori che lo hanno costretto a inchinarsi alla loro imperatrice. Lei è considerata al di sopra di lui.»

Quella scena è ridicola – tranne nelle parti in cui è straordinaria, ma analizzarla qui significherebbe fare uno spoiler – ma io non direi che il Drago è stato costretto a inchinarsi alla loro imperatrice. O non è noto quel che è successo davvero o avremo un futuro diverso. Speriamo solo che sia molto diverso, e diverso nel modo giusto, e non solo un po’ diverso.

50: Scegliere i nemici

Elayne mette in moto i suoi piani per Cairhien.

Questa voce è stata pubblicata in Brandon Sanderson, citazioni, Robert Jordan rilettura e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.