Operette molari

Conversazione fra una cliente e un mio collega:

  • Avete le “Operette molari”?

  • Signora, intende le “Operette morali”?

  • No, no, proprio no. Mia figlia è stata molto chiara.

Commento (dopo che la cliente era andata via) di un altro collega:

Perché Leopardi era incisivo.

La quarta di copertina delle Operette morali di Giacomo Leopardi:

Scritte tra il 1824 e il 1832, le “Operette morali” sono tra i più alti capolavori della letteratura italiana: prose e dialoghi che hanno per protagonisti personaggi storici, tra cui Tasso, Parini, Plotino, Copernico, e immaginari, come gnomi e folletti, maghi e diavoli; ma anche figure allegoriche ed emblematiche, come Terra e Luna, Sole e Morte. I temi sono gli stessi che percorrono le liriche dei “Canti”: il rapporto dell’uomo con la storia, con i suoi simili e con l’indifferente Natura; il confronto tra i valori antichi e la degenerazione del presente; la potenza delle illusioni, l’infelicità, la gloria vana o impossibile, la noia nemica. La sorprendente modernità di quest’opera sta nella novità di linguaggio e di stili, nella variazione del tono dal fantastico al satirico al comico, pur nel costante tentativo di chiarire con inesausta forza di carattere un’amara filosofia.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Libri ai confini della realtà. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...