Pat O’Shea: La pietra del vecchio pescatore

Inizia con due figure che volano nel cielo, provocando disastri e terrorizzando uno squalo, e solo perché un ragazzo si accinge a comprare un certo libro, La pietra del vecchio pescatore di Pat O’Shea. Ma le due figure non sono personaggi qualsiasi: si tratta infatti di Macha e Bodbh, la Regina dei Fantasmi e il Corvo degli Scaldi, giunte in avanscoperta per la Morrigan, la Grande Regina.

La struttura del romanzo è piuttosto semplice: i due giovani protagonisti, Pidge e sua sorella Brigit, devono compiere un lungo viaggio attraverso una terra incantata e pericolosa per recuperare un oggetto magico prima che possa impossessarsene la Morrigan, che altrimenti riotterrebbe tutta la forza dei suoi malvagi poteri. Quello che contraddistingue il libro dalle innumerevoli storie simili che sono state scritte in seguito – non va dimenticato che si tratta di un’opera del 1985 – è l’atmosfera. Macha, Bodbh e Morrigan non sono nomi scelti a caso: la storia inizia a Galway, in Irlanda, e la cultura gaelica dell’autrice e la passione per i miti traspare in tutte le pagine. C’è un’atmosfera rurale che è perfetta per i personaggi, ci sono animali che si affiancano per un periodo più o meno lungo ai protagonisti per aiutarli nel loro cammino, ci sono personaggi leggendari che fanno la loro comparsa, e ci sono numerosi disegni che fanno parte della storia e che contribuiscono ad aumentarne il tono fiabesco. A fare da contraltare agli elementi magici è un Sergente di Polizia, tenacemente impegnato a cercare di capire qualcosa in quel che sta accadendo nonostante i tentativi di sviarlo compiuti dalle streghe.

Essendo un libro per bambini non c’è ambiguità nei personaggi: Pidge e Brigit sono bambini, con i loro limiti, i loro dubbi e le loro paure, le streghe sono cattive, anche quando scelgono di distrarsi temporaneamente dal loro ruolo di avversarie e di divertirsi un po’ a spese di qualche malcapitato, essere umano o animale. Quello che conta, nei giovani protagonisti, è la volontà di andare avanti, la tenacia, la bontà di spirito, il coraggio anche nelle situazioni difficili. Anche se la storia è lineare La pietra del vecchio pescatore è capace di portare il lettore in un meraviglioso regno incantato senza dimenticare che, nonostante la difficoltà del cammino, esistono imprese che debbono essere compiute.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in recensione e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...