Mark Frost: Le vite segrete di Twin Peaks

FEDERAL BUREAU OF INVESTIGATION, Ufficio del Vicedirettore

PROMEMORIA INTERNO

DATA: 4/8/2016

DA: GORDON COLE, Vicedirettore

A: XXX Agente speciale

Philadelphia, Pennsylvania

Caro Agente XXX:

Il materiale allegato è confidenziale e destinato soltanto a lei.

Il dossier allegato è stato rinvenuto il 17/7/2016 in una scena del crimine che si trova ancora sotto inchiesta. Tutti i dettagli della situazione sono classificati tre livelli sopra il top secret.

Il materiale le viene affidato per un’analisi esauriente, nonché per la catalogazione e i controlli incrociati con tutti i database conosciuti in regime di Codice Rosso. Abbiamo bisogno di scoprire e di verificare l’identità della persona o delle persone responsabili della compilazione di questo dossier, e abbiamo bisogno di saperlo… ieri!

Antefatto: il contenuto del dossier sembra in qualche modo collegato a un’indagine condotta molto tempo fa nel nord-ovest dello Stato di Washington dall’agente speciale Dale Cooper, che all’epoca era un mio sottoposto.

Il caso riguardava una serie di omicidi avvenuti in una piccola cittadina di nome Twin Peaks e nei suoi immediati dintorni, in particolar modo l’assassinio di una giovane donna di nome Laura Palmer. Quel caso è considerato chiuso, ma alcuni suoi aspetti potrebbero risultare importanti per il suo lavoro: è per questo motivo che le forniamo l’accesso a tutti i rapporti e le registrazioni dell’agente Cooper.

Inoltre, in allegato troverà un documento in cui sono evidenziate le precedenti analisi effettuate dal personale del Bureau sullo stesso dossier.

Si rimbocchi le maniche, cominci a lavorarci – la rapidità è essenziale – e mi riferisca al più presto tutto ciò che riesce a trovare.

Cordialmente,

Gordon Cole, Vicedirettore

P.S. Quando avrà finito con questo dossier, venga da me immediatamente. Potrei avere altre cose da farle fare.

È un libro a incastri Le vite segrete di Twin Peaks, pubblicato da Mark Frost nel 2016 e giunto in Italia poco più di un mese prima dell’inizio della trasmissione della terza stagione di Twin Peaks. Stagione che non ho ancora deciso se guarderò, anche se il libro mi è piaciuto.

Il collegamento alla serie televisiva della fine del secolo scorso è evidente. Non tutto ciò che ruota intorno all’omicidio di Laura Palmer e agli eventi successivi era stato chiarito, perché a Twin Peaks ogni domanda che trova risposta lo fa solo per far nascere nuove domande.

Ed è sui misteri del luogo che intende far luce il lungo dossier, più correttamente intitolato nell’edizione originale The Secret History of Twin Peaks. L’attenzione, più che sulle vite degli abitanti della comunità, di cui comunque si parla a lungo, è sull’intera comunità e sul luogo ove è sorta la cittadina.

L’aspetto del libro è quello di un dossier che raccoglie materiali molto disparati fra loro. Subito dopo il Promemoria internoriportato qui sopra vi è un altro documento – scritto su carta intestata e corredato di firma e timbri – che spiega come all’agente speciale T.P. sia stato affidato il compito di scoprire la vera identità dell’Archivista, il misterioso personaggio che ha compilato il volume.

La lettura si svolge quindi su più livelli. Il primo livello è quello dei documenti – articoli di giornale, fotografie, lettere private, pagine di diario – raccolti dall’Archivista. Il secondo è quello dell’Archivista, che commenta quel che ha trovato e con le sue spiegazioni collega i testi e fornisce un ampio quadro della storia di Twin Peaks e dei suoi abitanti. Il terzo è quello dell’agente T.P., che spiega quale sia a suo giudizio l’attendibilità dei testi che sta analizzando e parla delle sue stesse verifiche.

Con una struttura di questo tipo la prosa è generalmente didascalica, spiega i fatti senza cercare quasi mai di assumere un tono enfatico o romanzesco. Sono comunque percepibili diversi cambi di stile, tali da dare l’impressione che alcuni dei documenti riportati dall’Archivista siano stati scritti da una persona diversa da lui. L’effetto-dossier è ottimamente ottenuto anche da un punto di vista grafico, con scritte fatte con caratteri tipografici e colori diversi, come se fossero state realizzate con macchine da scrivere diverse, documenti manoscritti ciascuno con la propria calligrafia, foto dei presunti documenti originali, ciascuno dotato di una propria veste grafica, e di diversi luoghi o personaggi.

La storia parte da lontano, dai primi incontri degli uomini bianchi con la locale tribù di pellerossa, prosegue con la nascita della città e l’insediamento delle famiglie più ricche e delle varie attività produttive, attraversa la storia del XX secolo citando di sfuggita avvenimenti reali e soffermandosi in modo particolare sull’avvistamento di oggetti volanti non identificati, e arriva al groviglio di amore e odio e al complesso intreccio di relazioni dei vari personaggi del periodo in cui è stata uccisa Laura Palmer.

Il dossier è stato chiaramente scritto da qualcuno che ha visto all’opera l’agente Cooper, cosa che comporta la presenza di enormi spoiler sulle prime due stagioni di I segreti di Twin Peaks. Il lavoro di T.P. si svolge nel 2016, il che significa che qualunque cosa scoprirà fungerà da premessa per la storia che sta per arrivare in televisione.

Affascinante, nella forma e nel contenuto, per chi non conosce la serie, è una lettura imperdibile per tutti coloro che amano il telefilm e che sanno che “i gufi non sono sempre quello che sembrano”.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in citazioni, recensione e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...