Il Signore del Caos di Robert Jordan. Dal capitolo 50 alla conclusione

Rilettura di Il Signore del Caos di Robert Jordan. Spoiler da tutta La Ruota del Tempo.

50: Spine

Rand trascorre un po’ di tempo a Cairhien e si dispiace del fatto che Gawyn non abbia accettato il suo invito di andare a trovarlo. Peccato davvero, per troppo tempo Gawyn rimane convinto che Rand abbia ucciso sua madre, cosa che noi sappiamo che non è vera. Un po’ di colpa per questo ce l’ha pure Egwene, che avrebbe dovuto spiegare meglio al suo innamorato come aveva reagito Rand alla notizia della morte di Morgase.

Rand visita la scuola in compagnia di Min, cosa che ha l’effetto di distrarre Herid Fel. Sapevo che era importante mentre leggevo di lui, ma non riuscivo a capire come. Lo si vede troppo poco, anche perché riesce a farci sorridere, cosa rara in queste pagine. Il giorno dopo Fel invia una lettera a Rand.

Fede e ordine infondono forza. Devi togliere tutti i sassi prima di costruire. Te lo spiegherò la prossima volta che ci vediamo. Non portare la ragazza. Troppo carina.

Ora ho capito la questione dei sassi: i Sigilli vanno spezzati ed eliminato completamente prima che Rand possa imprigionare di nuovo il Tenebroso. Fede e ordine? In qualche modo riguarda il sistema in cui Rand affronta il suo avversario, ma quest’informazione non è altrettanto chiara. Mentre Rand governa Min ha le sue visioni.

Maringil, l’uomo dai capelli bianchi sottile come una lama e freddo come il ghiaccio, sarebbe morto avvelenato.

Su ordine di Colavere, a breve su questo schermo (in queste pagine?).

Colavaere, il volto più che bello calmo e raccolto adesso che sapeva che Aviendha non era con Rand, sarebbe stata impiccata.

In La corona di spade. Per la verità Rand prova a cambiare questo destino rifiutandosi di condannare la donna a una pena in passato stabilita proprio da lui. Quando Min sa, però, sa, e le profezie non possono essere annullate. Sarà Colavere stessa a suicidarsi impiccandosi.

Meilan, con la barba a punta e la voce untuosa, sarebbe morto pugnalato.

Anche lui ucciso su ordine di Colavere.

Anche Aracome, Maraconn e Gueyam avrebbero incontrato una morte violenta, Min supponeva in battaglia.

I tre saranno uccisi in Il sentiero dei pugnali, combattendo contro i Seanchan. Anche con Berelain Min ha una visione:

Non ho visto nulla che ti possa essere utile. Solo un uomo in bianco che la farà cadere ai suoi piedi.

Galad, ovviamente. Mi chiedo solo perché non ho pensato subito a un Manto Bianco la prima volta che ho letto questa frase, ho avuto bisogno di vedere per capire. I giorni trascorrono tranquilli, al di là dell’assurda ripicca di Berelain contro Faile che finisce col rendere la vita impossibile a Perrin. La quiete prima della tempesta.

51: La cattura

Jordan ha costruito la scena per pagine e pagine, senza che noi notassimo nulla, e alla fine ci ha travolti con la forza di una valanga. Dire che leggere questo capitolo mi ha sconvolta è riduttivo.

Sapevamo che Elaida voleva a tutti i costi mettere le mani su Rand, con una parvenza di rispetto se possibile, con la forza se impossibile. È una Rossa, cosa può pensare di un uomo che può incanalare, anche se è il Drago? E l’abbiamo già vista calpestare allegramente altre persone, provare a fare la prepotente con Morgase, deporre Siuan con una procedura al limite della legalità, ritenersi al di sopra di tutte le altre Aes Sedai… E la sua ambasciata, a differenza di quella di Salidar, conteneva almeno una Nera. Elaida non lo sapeva, e noi non potevamo sapere che al contrario fra le nove Aes Sedai di Salidar non c’erano Nere, ma a questo punto conoscevamo con certezza la vera Ajah di Galina. La leader nel caso in cui l’ambasciata avesse fallito nel prendere Rand con le buone.

Tre Aes Sedai con inservienti e casse. Le avevamo già viste, e questo ci ha fatto abbassare la guardia. A noi come a Rand. Vediamo chi è certamente presente:

Coiren Saeldain, Grigia, forza 18 (6)

Galina Casban, Rossa/Nera, forza 14 (2)

Katerine Alruddin, Rossa/Nera, forza 15 (3)

Janine Pavlara, Rossa, forza 27 (15), (è una delle giovani)

Beldeine Nyram, Grigia, forza 16 (4), (è una delle giovani)

Marith Riven, Marrone, forza 18 (6), (è una delle giovani)

L’abitudine di Rand di andare a spasso con i Passaggi senza dire nulla a nessuno aiuta le rapitrici, perché nessuno immagina che questa volta è accaduto qualcosa di molto diverso. Quanto al fatto di mantenere lo schermo su Rand, il breve punto di vista di Sorlea ci spiega uno degli aspetti più astuti del piano. Le Aes Sedai hanno sempre incanalato nel palazzo di Lady Arylin, ma come avevamo visto con Egwene non potendo vedere i flussi né lei né le Sapienti erano in grado di dire cosa stesse accadendo all’interno. Ora sappiamo che non stava accadendo nulla, al di là dell’alzare un notevole polverone in modo da mascherare i flussi importanti quando sarebbero stati intessuti. Geniale come piano, al punto che non sembra nemmeno di Elaida. Che lo abbiano studiato Alviarin e Galina?

52: Onde di Potere

Rand in guai più grossi di quanto potessimo aspettarci? Perfetto, cambiamo punti di vista.

Lo so, questa è un’abitudine frequente nella narrativa quando le trame da portare avanti contemporaneamente sono tante: si crea una situazione interessante, di cui il lettore vuole conoscere la fine, e si passa ad altro. Non che le trame degli altri non siano interessanti, ma rispetto a quanto sta capitando a Rand tutto il resto passa in secondo piano.

I dettagli importanti, in rilettura (quindi con la consapevolezza della liberazione di Rand), sono tanti. Mat che chiede della Figlia delle Nove Lune e un Seanchan che riconosce il nome, perché ci siamo stupiti nello scoprire che si tratta di Tuon? Probabilmente perché le cose da notare e da tenere a mente sono così tante che all’inizio è difficile riconoscerle per quello che sono. Setalle Anan che parla con un membro della Famiglia, identificabile dalla cintura rossa, solo che ancora non abbiamo idea di cosa sia la Famiglia o di quanto sia importante. La schermatura su Logain, che ci fa capire perché Rand percepisce dei punti morbidi, e la decisione segreta di Egwene di liberarlo, anche se non ha la certezza che lui farà la cosa giusta. Ma ucciderlo, o domarlo di nuovo, sarebbero state entrambe soluzioni sbagliate, e questo lei lo sa. E infine il ritorno di Lan alla presenza di Myrelle e Nisao, ritorno che sarà importante per Nynaeve ma anche per Egwene.

53: La Festa delle Luci

Colavere compie le sue mosse assassinando i rivali principali, Berelain trova la spada di Rand, Perrin fa piani di salvataggio e Sulin decide finalmente di aver assolto il suo toh. Peccato che il salvataggio appaia quanto mai difficile. Complimenti comunque a Dobraine per la sua mancanza di esitazione nel fare ciò che è giusto fare, anche se è convinto che non sopravviverà all’esperienza. Per Perrin Rand è un amico, per Loial pure, per gli Aiel Rand è il Car’a’carn, e quindi sono pronti a seguirlo ovunque sarà necessario, ma per Dobraine è solo colui che ha conquistato la sua terra, perciò la sua fedeltà è notevole, oltre che rara fra gli abitanti delle Terre Bagnate.

La seconda parte del capitolo è davvero pesante, con Galina e le altre che provano a spezzare Rand. Erian è una Verde e, anche se sofferente per la morte di due Custodi, a un certo punto (mai troppo presto) si ferma, mentre Galina va avanti. Possibile che siano tutte così cieche da non vedere quanto sta avvenendo? Quando le persone si credono superiori agli altri, e tutte le Aes Sedai hanno questo difetto, appena ne hanno la possibilità finiscono per mettersi davvero al di sopra degli altri e a non vedere più il male che fanno, le sofferenze che provocano. Oltretutto le Aes Sedai hanno una struttura gerarchica molto rigida, e una gerarchia rigida può provocare danni enormi se chi è al comando ha idee sbagliate.

Se Rand, da questo momento in poi, diventa sempre più duro, la colpa è della cassa e di quel che gli è stato fatto in questi capitoli, in questi giorni. Queste Aes Sedai, pur perdendo la presa su Rand, hanno quasi consegnato la vittoria al Tenebroso, e non tutte sono Nere. Non è necessario schierarsi volutamente dalla parte del male per fare danni enormi. Il rapporto fra Rand e Lews Therin si evolve, ora i due chiacchierano in modo molto più diretto, anche se Lews è sempre folle e dare il controllo a lui porterebbe entrambi dritti dritti al suicidio.

Sevanna fa uccidere la sua principale rivale, Desaine, con il Potere, in modo da scaricare la colpa sulle Aes Sedai. Se gli avversari non aggrediscono bisogna comunque far finta di essere aggrediti per poter combattere armati di giusto sdegno e soprattutto per trascinarsi dietro tutti gli altri. E questa non è un’invenzione romanzesca, è esattamente il modo in cui funzionano le cose.

54: Il messaggio

Inseguimento. Al gruppo guidato da Perrin si aggiungono le Aes Sedai provenienti da Caemlyn, con Alanna che può trovare Rand con facilità e sa che per lui le cose non stanno andando bene, e i lupi.

55: I Pozzi di Dumai

Gawyn sarà anche cieco per quanto riguarda Rand, ma vorrebbe aiutare Min e se non lo fa è solo perché si rende conto di non essere in grado di fare nulla. Però sa vedere una trappola quando si stringe intorno a lui, molto meglio di Galina.

Quella che segue è la battaglia, ma la scena va letta. Un riassunto non le rende minimamente giustizia. Noto che Gawyn vorrebbe portare via Min ma lei preferisce restare con Rand, e gli dice che Elayne ama Rand. Non che la notizia faccia rasserenare il fratello, Rahvin è morto da un pezzo ma gli effetti di ciò che ha fatto continuano a farsi sentire con forza. Un Asha’man non riconosce Rand e prova a combatterlo. Si tratta di Gedwyn, uno fra i primi Asha’man a rivelarsi un seguace del Tenebroso. Taim vorrebbe limitarsi al salvataggio di Rand, infischiandosene del costo per Aiel e uomini dei Fiumi Gemelli, brutto segno. Se fino a questo momento l’operato di Taim è stato utile, anche se i dubbi su di lui sono tanti, l’idea di lasciar morire migliaia di alleati che si possono salvare la dice lunga sulla sua morale o sul fatto che sia piacevole averlo vicino. Rand avrebbe dovuto prendere provvedimenti contro di lui dopo aver rimesso a posto le cose a Cairhien (e, incidentalmente, recuperato un po’ le forze), invece ha lasciato degenerare le cose fino a renderle quasi irrecuperabili. E per far fuori Taim ci abbiamo rimesso Egwene. Oh, Egwene!

Epilogo: La risposta

Più che risposte qui abbiamo personaggi mossi in modo da poter essere utili in futuro: la Nera Falion Bhoda a Ebou Dar, i Seanchan che stanno per tornare, Halima che libera Moghedien e Demandred che ride. Peccato per il povero Herid Fel.

L’uomo verde, l’ultimo dei Nym, alla fine di L’Occhio del Mondo. 1.

Changu e Nidau, guardie a Fal Dara, in La grande caccia. 2 e 3.

Dena, la donna di cui è innamorato Thom, in La grande caccia. 4.

Ingtar in La grande caccia. 5.

Leya, la Calderaia in Il Drago rinato. 6.

Dailin, la Fanciulla della Lancia guarita da Nynaeve in Il Drago rinato. 7.

La bambina che Rand prova a riportare in vita nel decimo capitolo di L’ascesa dell’Ombra, scoprendo che non può realmente fare tutto. 8.

La donna che Egwene vede sgozzare nell’undicesimo capitolo di L’ascesa dell’Ombra e che con la sua morte le fa capire gli orrori della guerra. 9.

Il padre di Perrin in L’ascesa dell’Ombra. 10.

La madre di Perrin in L’ascesa dell’Ombra . 11.

Il fratello di Perrim, Paetram, nove anni, in L’ascesa dell’Ombra. 12.

La sorella di Perrin, Deselle, dodici anni, in L’ascesa dell’Ombra. 13.

L’altra sorella di Perrin, Adora, sedici anni, in L’ascesa dell’Ombra. 14.

Zio Edward, fratello del padre di Perrin. Sua moglie, zia Madge, e i loro tre figli in L’ascesa dell’Ombra. 15, 16, 17, 18 e 19.

Zia Neain, vedova, e i suoi due figli in L’ascesa dell’Ombra. 20, 21 e 22.

La prozia Ealsin in L’ascesa dell’Ombra. 23.

Owein, custode di Alanna, in L’ascesa dell’Ombra. 24.

Colly Garren, Jared Aydaer, Dael al’Taron, Ren Chandin, Kenley, Bili al’Dai, Hu, Tim, Teven, Haral, Had, della banda di Perrin in L’ascesa dell’Ombra. 25, 26, 27, 28, 29, 30, 31, 32, 33, 34, 35.

Visto che sono 27 in tutto, e noi abbiamo undici nomi, ci sono altri sedici morti, che portano il totale a 51.

La madre di Aram in L’ascesa dell’Ombra. 52.

Alric, custode di Siuan, in L’ascesa dell’Ombra. 53.

Hammar e Coulin, maestri d’armi alla Torre Bianca in L’ascesa dell’Ombra. 54 e 55.

Seana, Sapiente e camminatrice dei sogni in L’ascesa dell’Ombra. 56

Teodora, sorella di Kadere, in I fuochi del cielo. 57.

Jolien, una delle Fanciulle che si erano recate alla Pietra di Tear, morta nel crollo della torre. 58.

Ilyena. Lo so, è morta all’inizio di L’Occhio del Mondo, ma Rand ha iniziato a piangerla adesso. Il nome di Ilyena finirà pure nella lista delle donne morte per Rand, quindi perché dovrei escluderla io? 59.

Melidhra, Fanciulla della Lancia uccisa da Mat in I fuochi del cielo. 60.

Un Aiel precipitato per l’eternità dove durante il viaggio di Rand a Caemlyn. 61.

Lamelle, Fanciulla della Lancia uccisa da un Trolloc a Caemlyn. 62.

Pevin ,il portabandiera, ucciso da un Trolloc a Caemlyn. 63.

Cabriana Mecandes e il suo Custode, uccisi da Semirhage in Il Signore del Caos. 64 e 65.

Mangin, impiccato da Rand perché ha infranto la legge per motivi di Toh. 66.

Desora, Fanciulla della Lancia uccisa da una freccia destinata a Rand. 67.

Una donna di mezz’età uccisa in un’imboscata solo perché si è trovata vicino a Rand nel momento sbagliato. 68.

Herid Fel, bibliotecario, ucciso da un gholam alla fine di Il Signore del Caos. 69.

La torre immacolata si spezza e si inginocchia davanti al simbolo dimenticato.

I mari infuriano e le nuvole tempestose si riuniscono inosservate.

Oltre l’orizzonte, fuochi nascosti aumentano e i serpenti si annidano fra i seni.

Ciò che era stato esaltato adesso è decaduto; ciò che era decaduto adesso è risollevato.

L’ordine brucia per aprirsi un varco.

Le Profezie del Drago

Traduzione di Jeorad Manyard

Governatore delle province di Andor

Per il Sommo Re, Artur Paendrag Tanreall

Un video in cui Greg Manchess spiega il suo lavoro per la realizzazione della copertina dell’ebook americano:

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in citazioni, Robert Jordan rilettura e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...