Brandon Sanderson: The Emperor’s Soul

The Emperor’s Soul è ambientato nello stesso mondo di Elantris, ma se non l’avessi letto sul sito di Brandon Sanderson non lo avrei mai capito. Il luogo in cui si svolge l’intera storia è molto circoscritto, un palazzo, e per la maggior parte del tempo si tratta di una singola stanza all’interno del palazzo. Troppo poco per conoscere quella terra. I personaggi sono pochissimi, Shai, la protagonista, Gaotona, il suo principale interlocutore, e Frava, teoricamente una collega di Gaotona e probabilmente una sua rivale nella guida dell’impero. Ok, poi ci sono una guardia e l’imperatore, forse. Quantomeno ci sono tracce della sua anima.

Il mondo è lo stesso di Elantris, ci informa Sanderson, anche se geograficamente questa storia si colloca in un luogo molto distante. Però, conoscendo il dettaglio, non è difficile vedere alcuni punti di contatto fra i due sistemi magici.

Io non smetterò mai di stupirmi per l’abilità di Sanderson di creare sistemi magici, e di modificarli rendendoli sempre nuovi a ogni storia senza mai snaturarli.

La storia di Emperor’s Soul è decisamente statica. Shai è una ladra e una Forger (potremmo tradurlo come Forgiatrice?), ed è dotata dell’abilità di riscrivere il passato di un oggetto riuscendo così a modificare il suo presente. La riscrittura si basa su particolari sigilli, e chi conosce gli Aon di Elantris non può non pensare a loro. Nel futuro prossimo di Shai dovrebbe esserci l’esecuzione, a salvarla almeno temporaneamente è l’attentato di cui è stato vittima l’imperatore Ashravan. Ferito alla testa, è diventato praticamente un vegetale, anche se questo dettaglio al momento è noto solo alla cerchia dei suoi più stretti consiglieri. Quello che viene richiesto a Shai, in cambio della vita, è di Forgiare in segreto l’anima dell’imperatore in modo da consentirgli di riprendere le sue funzioni come se nulla fosse accaduto. Un compito quasi impossibile anche per qualcuno con l’abilità di Shai, ulteriormente complicato dal fatto che la Forgiatura viene ritenuta una pratica immorale, se non peggio, e che gli intrighi di corte continuano a svilupparsi intorno a Shai.

La storia, vincitrice di un Hugo nel 2013 come miglior romanzo breve, si sviluppa tutta intorno a Shai, al suo tentativo di portare a termine l’incarico mentre cerca disperatamente un modo per fuggire, e ai suoi rapporti con le uniche due persone che sono autorizzate a parlarle durante il periodo di prigionia. Riuscirà a forgiare l’anima dell’imperatore? E verrà fuori tutta intera dalla trappola in cui si trova?

All’inizio fatico sempre quando devo leggere un testo in inglese, almeno uno ambientato in un luogo che non conosco. Devo costruirmi i punti di riferimento, inquadrare i personaggi, capire cosa è possibile e cosa non lo è, individuare gli elementi più importanti… qui le difficoltà erano accentuate dal fatto che quasi tutta la storia è giocata sulle conversazioni e sulle sfumature, nel linguaggio e nella morale, ma nonostante tutto mi sono divertita. Parecchio. Shai è viva e credibile, e l’evoluzione del suo rapporto con Gaotona, le sue spiegazioni su ciò che fa, come lo fa e perché lo fa, davvero notevoli. Brandon Sanderson è riuscito a stregarmi un’altra volta.

L’inizio del romanzo: http://www.tor.com/2012/10/18/the-emperors-soul-excerpt/

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in anteprima, Brandon Sanderson, impressioni di lettura e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

6 risposte a Brandon Sanderson: The Emperor’s Soul

  1. Raffaello ha detto:

    Questo libro sembra più interessante di alcune delle ultime uscite di Sanderson (tipo Ritmatisti etc che non mi affascinato per niente). Speriamo venga tradotto.

    • A me Il Ritmatista è piaciuto, sia la storia che i disegni, che si arricchiscono a vicenda. Io però ho fatto il Liceo Artistico, ho un debole per certi tipi di storie. L’ultimo duello è meraviglioso, non mi aspettavo che Sanderson potesse usare la ritmatica così. L’unico libro che ho trovato sotto tono, coinvolgente da leggere ma in sé poco solido, è stato Calamity.

      • Raffaello ha detto:

        Non metto in dubbio che sia altrettanto bello, ma non riesco proprio a digerire i libri YoungAdult. Non ci posso fare niente.

        • In generale preferisco anch’io le storie indirizzate a lettori adulti, ma alcuni autori sono stati capaci di farmi apprezzare storie per giovani. Poi se devo scegliere fra Il Ritmatista e Parole di luce non ho dubbi, il primo è bello, il secondo straordinario, e stiamo parlando di due libri dello stesso autore. Comunque se il problema è l’età del lettore ideale The Emperor’s Soul è una storia per adulti.

  2. Simone Fileni ha detto:

    Mi sembra che questo racconto sia compreso nell’antologia Arcanum Unbounded, ma tra i millemila post su Dick e Wells perché non ne mettono qualcuno chiedono l’opinione dei lettori di Sanderson?

    • Sì, è compreso in Arcanum Unbounded, solo che io questa storia l’avevo comprata prima che Sanderson iniziasse a parlare di Arcanum Unbounded, anche se l’ho letto solo ora. A volte i libri aspettano parecchio tempo in casa mia prima che io trovi il tempo per leggerli. Prima o poi comprerò anche Arcanun Unbounded per recuperare i testi che mi mancano, anche se questo comporterà l’avere qualche doppione.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...