Brandon Sanderson: Calamity

Calamity, fino a questo momento, è il libro di Brandon Sanderson che mi è piaciuto meno. Il che non significa che non mi sia piaciuto, mi sono divertita molto durante tutta la lettura, però ho trovato la conclusione un po’ troppo caotica per i miei gusti, con troppi elementi presenti per il poco spazio a disposizione. Avrei preferito leggere un libro un po’ più lungo ma con qualche spiegazione in più. Strano, vero? Io non leggo mai libri lunghi…

Ho pubblicato la recensione del romanzo nei giorni di Lucca Comics & Games, manifestazione in cui Sanderson era ospite. Mi spiace non essere andata, ma a volte non è semplice conciliare famiglia e lavoro con le proprie passioni, senza considerare quanto quei giorni sarebbero stati stancanti a livello fisico. Chi è andata è Chiara Crosignani, una delle mie compagne di rilettura di La Ruota del Tempo, e i suoi resoconti sono meravigliosi. Se ve li siete persi eccovi i link:

http://www.fantasymagazine.it/26272/metti-un-sabato-a-lucca-comics-and-games-con-il-badge-stampa;

http://www.fantasymagazine.it/26283/diario-di-una-fangirl-a-lucca-comics-and-games-parte-seconda;

http://www.fantasymagazine.it/26300/una-fangirl-in-incognito-per-lucca-diario-di-un-addetto-stampa-sempre-meno-serio-parte-terza;

http://www.fantasymagazine.it/26304/diario-di-una-fangirl-a-lucca-comics-and-games-la-sfida-definitiva

e, a parte questi, ci sono i resoconti più seri, quello dell’incontro che ha visto protagonisti Brandon Sanderson, Steven Erikson, Philip Reeve e Joshua Kahn, moderati da Pierdomenico Baccalario

http://www.fantasymagazine.it/26319/i-maghi-del-fantasy-al-teatro-del-giglio-del-lucca-comics-and-games-2016

e quello sulla lezione dello stesso Sanderson sul tema The plot thikens:

http://www.fantasymagazine.it/26352/a-scuola-di-scrittura-con-brandon-sanderson.

Se a qualcuno avanza ancora un po’ di tempo dopo la lettura di tutti questi articoli qui sotto c’è la mia recensione di Calamity.

Steelheart era l’Epico che aveva assassinato il padre di David subito prima d’iniziare il proprio dominio su Newcago. Firefight il nome da Epico di Megan, la donna di cui David si era innamorato pur senza avere la certezza di potersi fidare di lei. Ma se Steelheart, con tutti i suoi seguaci, e Firefight, reincontrata in una città dominata dall’epico Regalia, erano “solo” figure dai poteri straordinari e quasi impossibili da uccidere, cosa comporta il voler abbattere Calamity? Calamity, che ben lungi dall’essere un semplice Epico invincibile è il creatore degli Epici.

Brandon Sanderson ancora una volta alza il tiro con il terzo e ultimo volume della saga Gli Eliminatori. Anche quando porta avanti le vicende di determinati personaggi un volume dopo l’altro, infatti, lo scrittore del Nebraska non si limita a inventare per loro nuovi problemi ma si diverte a cercare nuove prospettive sulle loro azioni, rimettendo in discussione quanto già fatto e allargando gli orizzonti dell’intera saga.

In questo caso non sono solo i personaggi a cambiare. Se la Newcago di Steelheart era una città d’acciaio e la Babilor di Regalia era dominata dall’acqua, l’Ildithia di Calamity è una città di sale. Letteralmente: sono di sale gli edifici che la costituiscono e, come qualsiasi cosa costruita con il sale, hanno una durata effimera. Sette giorni, per una città che crolla e si rigenera continuamente.

David, ora a capo del gruppo, deve trovare il modo di restituire la sua umanità a Prof., divenuto un potente epico che risponde al nome di Limelight. Questo nel bel mezzo di una lotta per la supremazia su Ildithia fra Limelight stesso e un altro Epico chiamato Larcener.

Come nei precedenti romanzi la narrazione, in prima persona, è affidata agli occhi di David. Vediamo così i suoi dubbi, le sue insicurezze, i suoi tentativi di scoprire il punto debole di Prof. ma anche ciò che si cela dietro la nascita degli Epici e a quell’Oscurità a cui quasi tutti soccombono.

Il ritmo è intenso fin da subito, con una missione apparentemente impossibile da compiere e mezzi limitati per compierla. Anche quando le azioni rallentano un po’ per lasciare spazio a chiarimenti e pianificazioni il senso di pericolo sempre incombente tiene alta la tensione del lettore. A sdrammatizzare, e a mantenere brillante la storia, concorrono i rapporti fra i personaggi, con battute a volte goffe che mostrano come David sia, in fondo, ancora un adolescente, e abitudini e manie di personaggi tutt’altro che perfetti. Doti e limiti di ciascuno sono esaltati da uno scenario inedito in cui i personaggi devono sfruttare tutta la loro inventiva e capacità di adattamento.

Il limite del romanzo si trovan nel voler mettere troppa carne al fuoco. La gran parte della storia si sviluppa intorno al confronto fra David e Prof. e, anche se le fasi di studio predominano rispetto a quelle d’azione, d’azione ce n’è in abbondanza. Se la storia fosse solo questo sarebbe divertente ma non costituirebbe un arricchimento del mondo degli Eliminatori. Gli sviluppi potenzialmente più interessanti riguardano i continui interrogativi sui poteri di Megan, in precedenza mai troppo chiari nonostante la loro importanza, e il ruolo svolto da Calamity nel rendere il mondo quello che è. I filoni della trama arrivano a un punto di contatto nel bel mezzo di una scena d’azione che sarebbe riduttivo definire concitata.

Il problema è che in quella scena c’è troppo. Megan, Prof., Calamity, alcuni altri Epici che ricoprono ruoli minori… I personaggi presenti sono tanti e, almeno i tre principali dotati di caratteristiche così particolari da meritare ciascuno ampio spazio, spazio che non c’è. Ci sono svolte imprevedibili, colpi di scena continui, tensione altissima, ma manca il necessario approfondimento.

Divertente da leggere, brillante, con alcune situazioni molto interessanti, Calamityè in parte rovinato da un finale un po’ forzato.

Questa voce è stata pubblicata in Brandon Sanderson, recensione e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...