Anthony Ryan: Il signore della torre

Il canto del sangue, che ho letto nel 2014, mi è piaciuto, Il signore della torre, che ho letto quest’estate, pure. E allora perché non ho ancora iniziato a leggere La regina di fuoco, che avevo già comprato prima ancora di iniziare Il signore della torre? Non c’è un vero motivo, solo non ho l’abitudine di leggere troppo ravvicinati due libri dello stesso autore. Tranne che in rilettura, quando attacco a rileggere una serie di solito vado avanti come un treno fino alla fine, ma in prima lettura alterno molto, anche a rischio di dimenticare quel che ho già letto. Boh.

Dopo Il canto del sangue, in cui aveva narrato la formazione e le prime sfide affrontate da Vaelin Al Sorna, Anthony Ryan torna a raccontare le vicende del Regno Unificato in Il signore della torre. Se il primo romanzo iniziava come una storia di formazione incentrata su un unico personaggio e in cui gradualmente si inserivano problemi grandi quanto l’intero regno, stavolta lo sguardo di Ryan è molto più ampio.

Si comincia con i protagonisti, non più solo Vaelin ma anche Reva, una giovane guerriera determinata a tutto pur di eseguire il compito che le è stato assegnato, l’amico di Vaelin Frentis, ora prigioniero e costretto a ubbidire a una padrona spietata, e la principessa Lyrna, le cui motivazioni adesso appaiono molto più comprensibili e meno dettate dal capriccio o dall’immaturità del personaggio.

Le loro avventure, ancora una volta, sono inserite nella cornice dei resoconti storici di Venier, resoconti che con il procedere delle pagine finiranno con l’intrecciarsi alle trame degli altri personaggi. Ryan si dimostra abile nel tratteggiare un quadro politico, religioso e militare complesso, in cui i vari elementi pur partendo da situazioni molto diverse arrivano a incastrarsi alla perfezione. Quelle che all’inizio possono apparire solo come vicende personali, pericolose e affascinanti ma legate ai singoli personaggi, si allargano fino a divenire fondamentali per il destino dell’intero regno. E, di pari passo con ciascuna decisione, con ciascuna svolta nella propria vita, Vaelin, Reva, Frentis e Lyrna devono confrontarsi con i propri dubbi personali, con le proprie convinzioni su ciò che è giusto o sbagliato, su ciò che gli è stato insegnato, e capire ciò che vorrebbero fare e ciò che possono, o che è opportuno, fare. I loro percorsi, molto diversi ma tutti egualmente tormentati, li rendono personaggi vivi, complessi e affascinanti nelle loro imperfezioni e nei loro tentativi di superare limiti che spesso non dipendono da loro.

Le quattro trame, cinque con Venier anche se la sua voce è meno presente e ha un tono più distaccato, sono ben bilanciate. La loro alternanza, mai forzata, concorre al crescendo di una storia capace di tenere il lettore sulle spine fin dall’inizio per poi arrivare a fargli divorare pagine su pagine senza sforzo alcuno fino al momento culminante, risolto con abilità. Se da un lato la conclusione scioglie determinati problemi, dall’altro ne pone di nuovi, perfettamente coerenti con la trama ma non per questo meno sorprendenti o preoccupanti. I guai per il Regno Unificato sono tutt’altro che finiti, e non è detto che in futuro si riesca a ottenere i risultati sperati. La trilogia si conclude con La regina di fuoco, e se Ryan si dimostrerà capace di mantenere il livello di questo romanzo sarà davvero una bella lettura.

Una nota finale: Il canto del sangue prima di trovare un editore è stato autopubblicato dall’autore. Forse è il caso che io la smetta di guardare con diffidenza gli autopubblicati. Almeno un po’.

Di solito non inserisco il link ad altre recensioni apparse su alti blog, questa comunque mi piace e visto che su alcune cose è più dettagliata di me senza finire nello spoiler ve la segnalo: https://virginiaeillabirinto.blogspot.it/2016/11/recensione-il-signore-della-torre-di.html.

Questa voce è stata pubblicata in recensione e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...