Il Drago rinato di Robert Jordan. Dal capitolo 29 al capitolo 33

Rilettura di Il Drago rinato di Robert Jordan, spoiler su tutta La Ruota del Tempo. Proverò a essere più sintetica. Mi credete?

29: Una trappola innescata

Siuan fa un giro in cucina.

Sheriam ha trovato un altro Uomo Grigio. Una donna. Morta come un pesce vecchio di una settimana, senza nemmeno un segno addosso. Era stesa, come se stesse riposando, giusto al centro del letto di Sheriam.

Il che mi riporta al capitolo 15. Avevo escluso che fosse stata Sheriam a uccidere l’Uomo Grigio bloccato con Aria da Nynaeve (e solo in rilettura e fase di eliminazione dei refusi mi sono accorta di aver scritto Arya e non Aria) perché in Il cuore dell’inverno (capitolo 22) Isam/Luc ci dice di aver ucciso un Uomo Grigio in Tar Valon, ma mi ero dimenticata di questo secondo cadavere. Sheriam ha avuto tutte le opportunità per uccidere il mancato assassino di Egwene, e infatti il suo comportamento è strano, dall’essere lì in quel momento al fatto che non si è chiesta chi ha ucciso l’Uomo Grigio. Speravo che Sheriam fosse diventata una Nera da poco, in fondo se avesse voluto uccidere le tre fanciulle aveva avuto fin da subito un bel po’ di opportunità, e dopo il colpo di stato di Elaida fra le Aes Sedai regna una gran confusione, al punto che è davvero facile fare errori e fidarsi della persona sbagliata, ma probabilmente la sua affiliazione al Tenebroso risale a un bel po’ di tempo prima. E l’Uomo Grgio nel suo letto può essere stato messo per intimidirla e dirle di non immischiarsi in faccende che non la riguardano, o, al contrario, per farle capire che dovrebbe essere un po’ più attiva nella sua Nerità, se da Ishamael, da Lanfear o da Mesaana, che ancora non sappiamo neppure se è libera, è difficile da dire. Non vorrei proprio essere nei panni di Sheriam.

«Non ho mandato alcun messaggio, Figlia. Le cose che Liandrin e le altre hanno lasciato sono state ispezionate attentamente e bruciate dopo che non si è trovato nulla. Nessuna userebbe oggetti appartenuti all’Ajah Nera. Per quanto riguarda Else Grinwell… Mi ricordo di quella ragazza. Avrebbe potuto imparare se si fosse applicata, ma non voleva fare altro che civettare con gli uomini e i Custodi al campo d’addestramento. L’abbiamo messa su un veliero mercantile e rimandata da sua madre dieci giorni fa.»

Dicevamo che si trattava di Lanfear? Certo, avendo letto i romanzi più volte è facile dirlo, la prima volta il mistero fa tutto un altro effetto.

La spada che non può essere toccata è un sa’angreal, ragazza. Ne sono stati creati solamente due più potenti e, grazie alla Luce, nessuno dei due è mai stato usato.

I Choedan Kal, e grazie alla Luce nel nono romanzo verranno usati.

30: Il primo lancio di dadi

Alea iacta est. Lo so che quando c’è di mezzo Mat i dadi non sono mai lontani, ma non posso evitare di pensare a Caio Giulio Cesare ogni volta che qualcuno parla di tirare fuori, o di lanciare, i dadi. Bella l’idea di imbrogliare le Aes Sedai facendosi passare per stupido, se non ti puoi nascondere è meglio fare le cose in piena vista.

Mat si ritrova ad avere con i dadi una fortuna mai avuta prima. Effetto collaterale del pugnale di Shadar Logoth? Possibile, ma perché mai una cosa negativa come l’odio che ha ucciso la città dovrebbe favorire qualcuno? Più facile che sia un effetto collaterale e imprevedibile della guarigione, alla fine la stessa Siuan ha ammesso che la cosa si è rivelata difficile e che non era sicura di quale sarebbe stato il risultato finale del loro operato.

I finti ladri ovviamente non sono ladri ma sicari mandati da Ishamael, come vedremo in un sogno di Perrin poco più avanti, e l’ultimo è un Uomo Grigio, e questo lo sognerà Egwene. Se nel primo romanzo Jordan aveva iniziato a giocare con i sogni la cosa si fa sempre più importante.

31: La donna di Tanchico

Mat + Thom, che bello! Thom aveva proprio bisogno di quest’incontro, era in fase di depressione andante dopo aver assassinato Galldrian e gli serviva qualcosa in cui impegnarsi. Iniziamo anche ad avere indizi sul fatto che Thom e Moiraine s’innamoreranno, anche se secondo me Jordan avrebbe potuto inserire qualche elemento un po’ più visibile e non lasciare quasi tutto fuori scena. Così sembra un po’ forzato.

Sicché Moiraine è ancora con lui? Una bella donna. Bella se non fosse un’Aes Sedai.

E a proposito di Aes Sedai

«Perché sono a Tar Valon? Perché è il peggior posto dove potevo andare, tranne forse Caemlyn. È ciò che mi merito, ragazzo. Alcune dell’Ajah Rossa ancora si ricordano di me. Ho visto Elaida per strada l’altro giorno. Se sapesse che mi trovo qui, la cosa più piacevole che farebbe sarebbe scuoiarmi vivo.»

Cosa diavolo ha combinato Thom quando le Rosse hanno illegalmente quietato Owyn? Qualcosa di memorabile, non c’è dubbio, anche perché lui è il tipo da intrecciare una relazione amorosa con una regina irascibile e da assassinare un re per vendetta. Sì, molto meglio che le Rosse non mettano le mani su Thom.

32: La prima nave

Mat voleva la prima nave? E la prima nave ha avuto. L’odio per Illian manifestato dal capitano della nave deriva dritto dritto dal Sommo Signore Samon, alias Be’lal, che si è posto al comando di Tear. Prima della fine della notte Mat sventa un nuovo attentato alla sua vita.

Mat rimase a fissarli. Due uomini. No, che io sia folgorato, tre!, si disse. Non penso di aver mai fatto del male a nessuno prima d’ora, e adesso ho ucciso tre uomini in una sola notte. Luce!

Beh, il primo non era esattamente vivo, anche se lui non lo sa, comunque questa è un’ennesima prima volta per uno dei personaggi. Il cambiamento è graduale, al punto che non ce ne rendiamo neppure conto, ma nessuno di loro alla fine è quel che era all’inizio.

Rand in fuga si pone una valanga di domande. Per lui è davvero un brutto periodo. Non che le cose poi vadano molto meglio, ma insomma…

33: Nella tessitura

A volte Jordan si divertiva a fare cose impossibili, del resto da fisico amava il gatto di Schrödinger e chissà quanti e quali paradossi. E quindi ecco i cani che lasciano impronte nella pietra ma non nella morbida terra e che puzzano di zolfo. A proposito di puzza Perrin più avanti ne sentirà ancora, in fondo un Uomo Grigio è sulle tracce di Rand. Anche lui ricorda di aver visto Egwene, il Mondo dei Sogni si fa sempre più affollato.

In questa fase l’effetto ta’veren di Rand è davvero forte e imprevedibile. A volte accadranno ancora cose assurde, ma episodi come quelli descritti qui in ogni singolo e minuscolo villaggio? Forse il fatto che Rand ha infine accettato il suo ruolo nel Disegno ha un po’ mitigato la cosa, o forse il fatto di aver gradualmente imparato a controllare l’Unico Potere. Per ora

Il Disegno prendeva forma attorno a Rand, e gli eventi impazzivano.

Perrin è tormentato dai dubbi.

«Il Creatore è buono, Perrin. Il Padre delle Menzogne è malvagio. Il Disegno di un’Epoca, lo stesso Merletto delle Epoche, non è né buono né malvagio. Il Disegno è ciò che è. La Ruota del Tempo intesse tutte le vite nel Disegno, Perrin, tutte le azioni. Un disegno che ha un solo colore non è un disegno. Per il Disegno di un’Epoca, il bene e il male rappresentano la trama e l’ordito.»

Ogni volta che si parla di disegno, di trama e ordito, io penso alle Parche romane, alle Norne norrene, a La pietra del vecchio pescatore di Pat O’Shea (a proposito, la casa editrice Tea aveva promesso una nuova edizione del romanzo per settembre, e se non vado errata settembre è già finito. E allora il libro dov’è?) e a La trilogia di Fionavar di Guy Gavriel Kay. Oltre che a La Ruota del Tempo, ovviamente. Ci deve essere bene e male, luce e ombra, trama e ordito, altrimenti non c’è nulla, ma visto quanto è difficile dire come si svilupperanno le cose potrei propendere per l’eresia Katrish e dire che il mondo è in equilibrio fra Phos e Skotos rifacendomi a uno degli autori che sto leggendo in questo periodo, Harry Turtledove.

Troviamo l’Aiel in gabbia, Gaul, e il nostro falco, Faile, anche se ancora neppure lei conosce il nome, mentre Lan con poche parole dice più cose di tante persone che parlano in continuazione:

«Dodici di voi hanno combattuto contro venti Aiel?» chiese Lan in tono piatto.

Scusate ma Skate Canada incombe, non ho più tempo per commentare.

Questa voce è stata pubblicata in citazioni, Robert Jordan rilettura e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...