Le cronache di Narnia di C.S. Lewis con gli occhi di Paolo Gulisano

Fantastico - copDEF

«C’erano una volta quattro bambini i cui nomi erano Peter, Susan, Edmund e Lucy. Questa storia narra qualcosa che accadde loro quando furono mandati lontano da Londra durante la guerra a causa dei bombardamenti aerei…»

Così esordì Clive Staples Lewis, affermato scrittore angloirlandese e professore universitario, agli inizi della primavera del 1949, mentre leggeva ad alta voce al collega e amico Tolkien l’inizio di un nuovo libro che aveva cominciato a scrivere, Il Leone la Strega e l’Armadio. Era l’inizio di una saga fantasy, Le Cronache di Narnia, che sarebbe entrata nella storia della Letteratura Fantastica…

Ed è con l’esordio di C.S. Lewis che Paolo Gulisano esordisce a sua volta nel saggio Un giorno sarai abbastanza vecchio per ricominciare a leggere le fiabe. Clive Staples Lewis e l’eptalogia di Narnia. Paolo Gulisano ha una bibliografia che non finisce più, anche se fino a questo momento io di suo ho letto ben poco. La mappa della Terra di Mezzo di Tolkien, La compagnia di Hogwarts: l’amicizia nella saga di Harry Potter nell’antologia saggistica Potterologia, poi Re Artù. La storia, la leggenda, il mistero e infine questo breve saggio su Lewis. Breve, perché fra le altre cose Gulisano ha scritto diversi libri sul mondo di Narnia e sul suo creatore, segno che li conosce bene e che, quando ha più spazio a disposizione, ha anche un bel po’ di cose da dire. Una delle sfide di Il Fantastico nella Letteratura per ragazzi era nella concisione, nel dire le cose principali che avrebbero potuto interessare i lettori e dar loro un’inquadratura della saga, lasciando spazio al confronto con altre opere. L’idea era di mostrare le principali sfaccettature del fantastico, e per far posto a tutti nessuno poteva prendersi troppo spazio, ma una cosa che ho notato è che c’è un gran dialogo fra le saghe analizzate. Ciascun saggista ha proceduto in modo totalmente autonomo, eppure fra i vari saggi c’è un fitto intreccio di rimandi che non era stato cercato e nemmeno previsto all’inizio. Gulisano parla di Lewis e inevitabilmente cita J.R.R. Tolkien, e la citazione di Tolkien – assente con una propria mini monografia perché ci siamo concentrati su saghe per ragazzi, e mentre Lo Hobbit è un romanzo per ragazzi ma non è una saga, anche a essere elastici e voler considerare Il signore degli anelli una saga, Il signore degli anelli non è un’opera specificamente indirizzata a un pubblico giovane – si ritrova in altri saggi che a loro volta citano altre opere…

Cos’è e dov’è il mondo di Narnia? Esso assomiglia un po’ a Neverland, L’Isola che non c’è di Peter Pan, e un po’ anche al Paese delle Meraviglie descritto dall’altro celebre Lewis: il Carroll creatore del personaggio di Alice. In qualche modo l’inizio delle Cronache ricorda quello di Alice: quest’ultima fa il suo ingresso nel mondo parallelo chiamato Wonderland, il Paese delle Meraviglie…

I puntini di sospensione sono miei, Gulisano ha messo una virgola e proseguito il suo discorso, ma visto che io non voglio pubblicare niente oltre a quello che ha già pubblicato l’editore sul suo sito, mi fermo qui, in un punto dove abbiamo comunque una frase di senso compiuto. A proposito, anch’io ho citato Alice. Però non ho mai letto Narnia, anche se intendo rimediare. Prima o poi.

La saga di Narnia è composta da sette romanzi pubblicati a partire dal 1950. Il primo romanzo scritto da Lewis, però, Il leone, la strega e l’armadio, non è il primo all’interno della cronologia di Narnia. Quel posto spetta a Il nipote del mago, sesto in ordine di scrittura. Questi i titoli:

  1. Il nipote del mago, 1955
  2. Il leone, la strega e l’armadio, 1950
  3. Il cavallo e il ragazzo, 1954
  4. Il principe Caspian, 1951
  5. Il viaggio del veliero, 1952
  6. La sedia d’argento, 1953
  7. L’ultima battaglia, 1956

So, sapevo già da prima, che la saga era indirizzata a un pubblico giovane e che al suo interno c’è una componente cristiana, e se qualcuno ancora non lo avesse capito io sono agnostica, ma se per dire cosa penso di questa componente dovrei leggere i romanzi. La componente cristiana, in fondo, c’è anche in Harry Potter o nella saga de L’ultimo elfo, e in quei due casi non mi ha dato fastidio. E, come ho già detto in qualche occasione, mi piacerebbe leggere almeno qualche volume di tutte le saghe che hanno contribuito a far nascere il genere e a svilupparlo, e Le Cronache di Narnia sono certamente fra queste. Gulisano mi ha fornito alcune coordinate da cui partire, prima o poi inizierò la lettura.

Un’intervista a Paolo Gulisano: http://babettebrown.it/paolo-gulisano-luomo-che-sa-tutto-di-j-r-r-tolkien/.

Gli altri saggi che compaiono in Il Fantastico nella Letteratura per ragazzi sono:

  • L’ultimo nemico che sarà sconfitto è la morte. Joanne Kathleen Rowling e l’eptalogia di Harry Potter, di Silvana De Mari
  • Io combatto per vincere e combatto con quello che ho. Silvana De Mari e l’eptalogia de L’Ultimo Elfo, di Marina Lenti
  • Possa la buona sorte essere sempre dalla vostra parte. Suzanne Collins e la trilogia di Hunger Games, di Chiara Valentina Segré
  • Essere dei mezzosangue è pericoloso, ma non si corre il rischio di annoiarsi. Rick Riordan e la pentalogia di Percy Jackson, di Martina Frammartino
  • Il tempo cambia il volto delle cose, anche dei ricordi. Licia Troisi e la trilogia delle Cronache del Mondo Emerso, di Maria Cristina Calabrese
  • La libertà è un’illusione, c’è sempre un prezzo da pagare. Jonathan Stroud e la trilogia di Bartimeus, di Pia Ferrara
  • Ogni giorno deve finire, anche il più perfetto. Stephenie Meyer e la tetralogia di Twilight, di Laura Costantini
  • Non lasciare che gli altri decidano chi sei, decidilo da sola. Cassandra Clare e l’esalogia di Shadowhunters, di Amneris Di Cesare
  • Se siete qui significa che già sapete salire e scendere da un treno in corsa. Veronica Roth e la trilogia di Divergent, di Cristina Lattaro

Per l’acquisto del libro Il Fantastico nella Letteratura per ragazzi, ordinabile comunque in libreria, potete rivolgervi qui:

il sito dell’editore http://www.runaeditrice.it/index.php/component/virtuemart/view/productdetails/virtuemart_product_id/90/virtuemart_category_id/9.html

Amazon https://www.amazon.it/fantastico-nella-letteratura-ragazzi-successo/dp/8897674623/

Giunti al Punto http://www.giuntialpunto.it/product/8897674623/libri-il-fantastico-nella-letteratura-ragazzi-luci-e-ombre-di-10-serie-di

Ibs http://www.ibs.it/code/9788897674627/fantastico-nella-letteratura.html?zanpid=2194951692658136064

laFeltrinelli http://www.lafeltrinelli.it/libri/fantastico-nella-letteratura-ragazzi-luci/9788897674627

Libreria universitaria http://www.libreriauniversitaria.it/fantastico-letteratura-ragazzi-luci-ombre/libro/9788897674627

Mondadoristore http://www.mondadoristore.it/fantastico-letteratura-na/eai978889767462/?sessionToken=ojl10ZWrxeLpnizs4K7Jpvz2viuxqWTs&zanpid=2194952195135697920

Unilibro http://www.unilibro.it/libro/il-fantastico-nella-letteratura-per-ragazzi-luci-e-ombre-di-10-serie-di-successo/9788897674627

 

Questa voce è stata pubblicata in anteprima, Il Fantastico nella Letteratura per ragazzi e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

7 risposte a Le cronache di Narnia di C.S. Lewis con gli occhi di Paolo Gulisano

  1. Raffaello ha detto:

    Faccio sempre molta fatica a digerire i libri con tematiche cristiane, il mio ateismo si ribella😉
    Invece vado matto per i libri di Bernhard Cornwell…oltre al fatto che scrive romanzi di guerra splendidi, quando ridicolizza la chiesa e i preti tutti mi fa morire dal ridere…musica per le mie orecchie😛

    • Anche il mio ateismo si ribella, ma qui va a cozzare contro il mio desiderio di conoscere le opere che hanno contribuito a rendere il genere quello che è. Dipende da come è trattato il tema, ci sono cose che non mi creano problemi e altre che non sopporto, e non so dove si collochi Narnia.
      Prima o poi dovrò dare un’altra possibilità a Cornwell, il mio guaio è che le cose che vorrei leggere sono davvero tante.

  2. Raffaello ha detto:

    Non so cosa tu abbia letto di Cornwell, ma sia il ciclo di Excalibur, sia il ciclo Sassone sono davvero splendidi. Certo devono piacere i romanzi di guerra. I due protagonisti, Derfel e Uthred sono straordinari. Inoltre il fatto che sono tutti romanzi abbastanza brevi aiuta molto la lettura. Scorrono via proprio bene.

    • Stonehenge. Dipende come sono scritti i romanzi di guerra, di romanzi storici ne ho letti un po’. Forse è meglio se provo il ciclo Sassone, ho letto già diverse versioni del ciclo arturiano, se per caso Cornwell contraddice troppo apertamente una delle versioni che amo finisce che odio i suoi libri.

      • Raffaello ha detto:

        Ahahahah. Il ciclo di Excalibur è totalmente stravolto. Non pensò finiresti x odiarlo, perché è troppo diverso. Fantastico, credimi. Ma il ciclo Sassone non ha nulla di meno.

        Stonehenge è forse il suo libro peggiore tra quelli che ho letto. Nulla a che vedere, credimi.

        • A volte si pesca il jolly e si inizia a leggere un autore dal suo libro peggiore… e ci si ferma pure, visto che è il peggiore. Vuoi ridere? Ho appena dato uno sguardo ai titoli del ciclo Sassone, e ho visto che narra della nascita dell’Inghilterra al tempo di Alfredo il Grande. Uno dei personaggi di The Last Light of the Sun è stato modellato da Guy Gavriel Kay proprio a partire da Alfredo il Grande, e il periodo storico è quello, anche se ovviamente Kay lo ha trasposto in un mondo fantasy. L’ultimo re ha appena scavalcato un bel po’ di libri nella lista dei libri che voglio leggere.

          • Raffaello ha detto:

            Non penso che il libro ti deluderà, Martina. Ottima scelta. Il ciclo sassone è proprio bello.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...