Su Il Fantastico nella Letteratura per ragazzi

Fantastico - copDEFSe siete frequentatori abituali del mio blog e guardate la barra relativa alle pagine potete vedere una piccola modifica. Da ieri c’è una pagina in più, intitolata “Libri”. L’uso del plurale non è casuale, c’è un’altra antologia saggistica in ballo, ma ne parlerò quando sarà il momento. Fino a qualche giorno fa, al di là di 27 articoli recanti la mia firma (anche se tre in condivisione con altri autori) comparsi sugli undici numeri di Effemme, e di un articolo comparso sul numero 71 di Robot, tutti i miei articoli e testi saggistici erano stati pubblicati solo su internet. Il Fantastico nella Letteratura per ragazzi quindi è per me una prima volta in almeno due sensi.

La prima volta che pubblico qualcosa in un libro, visto che sia Effemme che Robot sono riviste. La prima volta che pubblico per un editore che non sia Delos Books, al di là di un paio di racconti apparsi un paio di decenni fa su Il tennis italiano (tranquilli, non scrivo più racconti proprio da un paio di decenni). Il blog non conta, qui potremmo dire che io me la suono e me la canto, non c’è nessuno che possa bloccare un mio testo se reputa che ho scritto cose senza senso, perciò da un punto di vista editoriale è una pubblicazione che non conta nulla anche se appaga la mia vena grafomane.

Come ci sono finita dentro? Per amicizia e per stima reciproca. Molte persone che non riescono a pubblicare si lamentano dicendo che gli editori pubblicano solo chi vogliono loro. Certo, un editore investe dei soldi, è normale che la scelta su cosa pubblicare spetti a lui. Il sospetto che pubblichino solo amici loro però è assurdo: un editore vuole guadagnare, quindi pubblica i testi che a suo giudizio hanno le potenzialità per vendere. Nel caso di piccoli editori le tirature sono basse e il guadagno è per forza di cose limitato, ma il concetto non cambia.

Io non sapevo neppure dell’esistenza di un editore di nome Runa fino a quando la mia amica Marina Lenti non ha pubblicato con lui il suo settimo libro (fra opere interamente sue e antologie da lei curate). Ho recensito il saggio in questione, Harry Potter: il cibo come strumento letterario insieme a un’altra amica, Letizia Mirabile: http://www.fantasymagazine.it/22699/harry-potter-il-cibo-come-strumento-letterario. Lo scrittore, e più ancora il giornalista, non è un eremita chiuso fra quattro pareti con il suo computer, ha contatti con le persone e da questi contatti possono nascere progetti. Io e Marina ci siamo conosciute una decina di anni fa, prima nella redazione virtuale di FantasyMagazine e poi di persona, e ciascuna stima le capacità dell’altra. L’ho detto più volte e lo ripeto: mi piacerebbe saper scrivere come lei. E se lei mi ha coinvolta, evidentemente apprezza quel che scrivo io.

Io progetto è suo. È Marina che ha avuto l’idea di realizzare un’antologia saggistica dedicata alla letteratura fantastica per ragazzi, per certi versi simile a Potterologia, da lei curato nel 2011: https://librolandia.wordpress.com/2012/02/29/potterologia-dieci-as-saggi-dell-universo-di-j-k-rowling/. Alcuni degli autori di Potterologia, la stessa Marina, Amneris Di Cesare, Chiara Valentina Segré e Paolo Gulisano, sono rimasti nel gruppo, altri, oltre a me si tratta di Silvana De Mari, Maria Cristina Calabrese, Pia Ferrara, Laura Costantini e Cristina Lattaro, sono stati contattati da lei per questo nuovo libro. Ed è stata sempre lei a scegliere le saghe di cui ci siamo occupati.

Fantastico - copDEF

Quali saghe? Il sottotitolo parla di dieci saghe di successo, quindi il fatto che fossero famose era importante, a quale sottogenere del fantastico appartenessero no. Quando si è trattato di decidere in che ordine pubblicarle all’interno dell’antologia sono state proposte varie possibilità, compresa quella di seguire un ordine cronologico legato al primo romanzo di ciascuna saga. Alla fine l’editore ha optato per un ordine diverso, ma va notato che al di là delle due saghe più vecchie – con la prima nettamente distinta da tutte le altre – e della saga più recente, le altre sono state pubblicate in un arco di tempo così ridotto da rendere molto difficili le influenze di uno di questi autori sugli altri. Fra il tempo necessario allo scrittore per scrivere il suo libro e all’editore per tutte le operazioni di promozione, stampa e commercializzazione, nella maggior parte dei casi trascorrono almeno un paio di anni fra il momento in cui l’autore inizia a scrivere e quello in cui la sua opera arriva davvero nelle librerie. Influenze ridotte fra un autore e l’altro dunque? Probabilmente sì, fatti salvi i casi di Lewis e della Rowling, autori che hanno scritto molto prima di tutti gli altri, e la Rowling è fondamentale perché ha fatto capire a editori (e autori) che il fantastico per ragazzi aveva un enorme potenziale. Vediamo allora quando sono stati pubblicati i primi libri di ciascuna saga.

16 ottobre 1950: Il leone, la strega e l’armadio di C.S. Lewis (secondo romanzo nella cronologia interna di Le cronache di Narnia ma primo libro scritto da Lewis. Quello che è diventato il primo libro, Il nipote del mago, è stato pubblicato solo nel 1955). Le prime traduzioni italiane, a opera di Mondadori, sono rispettivamente del 1979 e del 1992.

26 giugno 1997: Harry Potter e la pietra filosofale di J.K. Rowling (edizione inglese, la prima edizione americana è del 1 settembre 1998). L’edizione italiana è del maggio 1998.

30 settembre 2003: L’amuleto di Samarcanda di Jonathan Stroud. L’edizione italiana è del marzo 2004.

Marzo 2004: L’ultimo elfo di Silvana De Mari. L’edizione americana è del 2006, raro caso di saga italiana che ha varcato i nostri confini anche con altre edizioni che non sono andata a cercare.

6 aprile 2004: Nihal della Terra del Vento di Licia Troisi. L’edizione in inglese è del 2014, ma in precedenza c’erano state altre edizioni, come a esempio quella tedesca.

11 luglio 2005: Il ladro di fulmini di Rick Riordan. L’edizione italiana è del 26 gennaio 2010.

Ottobre 2005: Twilight di Stephenie Meyer. L’edizione italiana è del giugno 2006.

23 marzo 2007: Città di ossa di Cassandra Clare. L’edizione italiana è del 6 novembre 2007.

14 settembre 2008: Hunger Games di Suzanne Collins. L’edizione italiana è del 20 agosto 2009.

25 aprile 2011: Divergent di Veronica Roth (ma ho trovato anche un 3 maggio 2011). L’edizione italiana è del 22 marzo 2012.

Da sette di queste saghe – le eccezioni sono Stroud, De Mari e Troisi – sono stati tratti uno o più film, cosa che ha aumentato il loro successo (anche nel caso di film che di successo ne hanno avuto poco). I generi sono parecchi, la quarta di copertina parla

delle distopie di Hunger Games (Suzanne Collins) e Divergent (Veronica Roth), dell’epica fiabesca di Narnia (C.S. Lewis) e de L’ultimo Elfo (Silvana De Mari), dell’horror di Twilight (Stephenie Meyer) e Shadowhunters (Cassandra Clare), della fantasy mitologica di Percy Jackson (Rick Riordan) e, infine, delle dimensioni più classicamente magiche di Harry Potter (J.K. Rowling), Bartimeus (Jonathan Stroud) e del Mondo Emerso (Licia Troisi).

Di fatto sono opere molto diverse fra loro, perché il fantastico ha infinite sfaccettature. Io sono più su epica, magia e mitologia, mentre giro decisamente al largo da horror e distopie, ma è una semplice questione di gusti. L’abbinamento fra recensore e saga è una delle tante cose curate da Marina. Che Paolo Gulisano fosse un esperto di Narnia lo sapevo anch’io, così come sapevo che Silvana De Mari apprezza i romanzi della Rowling. Quanto alla stessa De Mari, io ho iniziato a leggerla dietro consiglio di diverse persone, fra cui Marina, perciò sapevo che le piacciono i suoi libri. Ma ricordare chi aveva letto cosa, o verso cosa erano orientati i gusti di ciascuno, è notevole.

Rick Riordan. Anche lui è uno di quegli autori che ho iniziato a leggere dietro suggerimento (fra gli altri) di Marina, anche se dopo che lei mi ha chiesto di scrivere un saggio per quest’antologia io ho riletto la storia di Percy Jackson e gli dei dell’Olimpo dall’inizio. Dopo Il ladro di fulmini sul blog non ho fatto commenti, non sui cinque romanzi della prima saga, anche se ho commentato altre opere di Riordan. Se volete sapere perché la pentalogia di Riordan mi è piaciuta, e perché ne consiglio la lettura, dovete leggervi il mio saggio nel libro Il Fantastico nella Letteratura per ragazzi. Intanto io vado avanti a leggere Rick, gli unici libri che non ho ancora comprato sono quelli incentrati su Magnus Chase – e per fortuna che la mitologia norrena è quella che mi piace di più – perciò prima o poi arriverà qualche altro commento.

La quarta di copertina del saggio e l’elenco delle saghe si trovano nella pagina del blog intitolata Libri. Cliccando sui nomi dei saggisti venite rimandati alla loro biografia sul sito dell’editore. Io sono stata la più sintetica, non credo che ci siano da dire su di me molte cose che possano in qualche modo interessare a qualcuno che non mi conosce. Sono una persona. Due gambe, due braccia, una testa e la passione per la lettura e la scrittura. Serve altro? No, vero?

Sempre nella pagina Libri ho inserito il link all’anteprima, che è costituita dalla prefazione e dalla prima pagina di ciascun saggio, e ai vari siti di vendita in cui ho trovato il libro, in modo che chi fa acquisti online ed è interessato al saggio possa rivolgersi facilmente al suo rivenditore preferito. Ripubblico comunque l’elenco anche qui:

Il Fantastico nella Letteratura per ragazzi sul sito dell’editore: http://www.runaeditrice.it/index.php/component/virtuemart/view/productdetails/virtuemart_product_id/90/virtuemart_category_id/9.html

Amazon: https://www.amazon.it/fantastico-nella-letteratura-ragazzi-successo/dp/8897674623/

Giunti al Punto: http://www.giuntialpunto.it/product/8897674623/libri-il-fantastico-nella-letteratura-ragazzi-luci-e-ombre-di-10-serie-di

Ibs: http://www.ibs.it/code/9788897674627/fantastico-nella-letteratura.html?zanpid=2196655356405777408

laFeltrinelli: http://www.lafeltrinelli.it/libri/fantastico-nella-letteratura-ragazzi-luci/9788897674627

Libreria universitaria: http://www.libreriauniversitaria.it/fantastico-letteratura-ragazzi-luci-ombre/libro/9788897674627

Mondadoristore: http://www.mondadoristore.it/fantastico-letteratura-na/eai978889767462/?sessionToken=ojl10ZWrxeLpnizs4K7Jpvz2viuxqWTs&zanpid=2196656173972182016

Unilibro: http://www.unilibro.it/libro/il-fantastico-nella-letteratura-per-ragazzi-luci-e-ombre-di-10-serie-di-successo/9788897674627

La presentazione del libro a Stranimondi 2016:

Questa voce è stata pubblicata in freschi di stampa, Il Fantastico nella Letteratura per ragazzi e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

5 risposte a Su Il Fantastico nella Letteratura per ragazzi

  1. Matteo ha detto:

    Innanzitutto complimenti per questa pubblicazione corale: già tu sei un nome importante, ormai, ma immagino che vedere un proprio scritto accanto a lavori di persone come la De Mari sia una bella soddisfazione.

    Per quel che riguarda il testo (che ho intenzione di comprare), sia Amazon che Giunti lo danno come non disponibile, mentre IBS lo recapita in tre settimane. Solitamente preferisco comprare in libreria, ma sul Mondadori Store non compare nemmeno, per cui temo che in una Mondadori “fisica” non riusciranno a procurarmelo.
    Proverò a fare un salto alla Giunti vicino a me e ti farò sapere se riesco a reperirlo.

    • Ciao scusa la risposta rapida ma sono il vacanza praticamente senza internet. Ti rispondo meglio al mio ritorno fra una decina di giorni. L’editore dice che il libro è disponibile e che lo spedisce il giorno dopo aver ricevuto l’ordine.

      • Eccomi. Temo anch’io che al momento il libro non sia acquistabile in una Mondadori visto che sul Mondadori Store non c’è, se mi ricordo controllo stasera dal lavoro. Però il Mondadori Store in genere vende i libri di Runa, suppongo sia solo questione di tempo che sistemino le cose anche lì. Io sospetto che sia in ferie la persona che si occupa delle schede, e fino a quando lei non inserisce la scheda nel sistema noi siamo bloccati. Intanto ho visto che ora è disponibile sul sito laFeltrinelli, e lì indicano la disponibilità in 9 giorni. Riporto parte di una mail dell’editore mandata a tutti gli autori dopo che Marina Lenti ha letto il tuo commento:

        I bookstore on line spesso scrivono un po’ come vogliono e non c’è da fare affidamento e non agevola certamente chi vuole acquistare. Comunque ci vuole un po’ di tempo perché i dati reali siano aggiornati.
        Oggi è arrivato un ordine da IBS e domani il libro parte, anche se IBS scrive consegna in 3 settimane. Dopo le prime vendite magari lo mettono in consegna in 24h.
        Chissà perché la gente non arriva a capire che “forse” la casa editrice il libro ce l’ha😀 e la spedizione è pure gratis.
        Librerie fisiche: ordinabile in qualsiasi libreria, preferibile Feltrinelli che fornisco direttamente, tutta Italia.
        A Padova i libri ci sono alla Libreria Universitaria – Libreria Internazionale Cortina – Libreria Progetto (3 librerie).
        I distributori stanno partendo ora…

        Insomma, il libro esiste, mentre ero in vacanza ho ricevuto le mie cinque copie che ho già distribuito a parenti vari, ma se lo ordini su qualsiasi sito che ha fatto la scheda dovrebbe arrivarti senza problemi. Amazon.it stamattina lo indicava al 42.461° posto fra i libri più venduti, segno che qualche copia deve averla venduta anche se il sito lo indica come non disponibile.
        Contiamo di fare anche qualche presentazione, e ovviamente lì avremo il libro in vendita, tutto sta alle risposte che ci verranno date.

        Ora passiamo alla parte meno tecnica. Grazie per i complimenti. Io per la verità fatico a vedermi come un nome importante, non ho fatto altro che continuare a scrivere per anni per il semplice fatto che mi diverto a farlo. Il fatto è che vedendomi sempre da dentro la mia testa – e come potrebbe essere altrimenti? – io non mi sento affatto diversa da quella che ero dieci anni fa, anche se dieci anni fa avevo appena iniziato a scrivere per FantasyMagazine. Da allora ho letto molti libri, e se rileggo i miei articoli dell’epoca a volte mi vengono i brividi e mi domando come facessi a scrivere in quel modo, ma io sono sempre io. Anche se non so se mi sono spiegata.
        I nomi importanti, a mio giudizio, sono tre: Silvana De Mari, Paolo Gulisano e Marina Lenti, poi ci siamo noi altri sette che, chi più chi meno, siamo da anni nel mondo del fantastico, qualcuno anche con diverse opere all’attivo. Comunque sì, è davvero una bella soddisfazione avere il libro in mano. E ora che l’ho letto posso dire che è un bel libro e che sono felice di farne parte.

  2. Ieri sera ho fatto un ulteriore controllo. La scheda nel gestionale delle librerie Mondadori c’è, quindi il libro è teoricamente ordinabile. Teoricamente perché il distributore da cui si rifornisce il negozio in cui lavoro al momento non ce l’ha, non so se altri negozi hanno canali diversi per rifornirsi. Se qualcuno venisse a chiederlo a me io potrei fare l’ordine, ma con l’avvertenza di tempi di attesa lunghi proprio perché il mio ordine andrebbe al distributore e lui a sua volta dovrebbe girarlo all’editore, e in più di un’occasione io e i miei colleghi abbiamo visto che l’attesa è lunga.

  3. Aggiornamento: Amazon adesso vende il libro regolarmente. Il libro è anche sul Mondadoristore ma chissà cosa hanno combinato nel compilare la scheda, perché in una normale ricerca per titolo non salta fuori. Inutile fare la ricerca per autore, al momento solo Amazon e Giunti al Punto hanno inserito i nomi degli autori, gli altri siti hanno optato per un più rapido “autori vari”, anche se così è sì più rapido l’inserimento della scheda ma più difficile la ricerca per gli utenti. Io il libro l’ho trovato sul Mondadoristore solo perché ho fatto anche una ricerca con codice ISBN, comunque chi vuole fare l’acquisto su quel sito deve semplicemente cliccare sul link che ho inserito nel blog e si ritrova subito nella pagina giusta.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...