100 (+1) romanzi di fantasy e fantascienza scritti da donne – terza parte

51 Cornelia Funke, Cuore d’inchiostro

La quarta di copertina:

Meggie ama i libri. E li ama moltissimo anche il padre Mo, che però rifiuta di leggerli a voce alta. Se lo facesse, infatti, porterebbe la vita nei libri e i personaggi dei libri alla vita. In una notte crudele lesse “Cuore d’inchiostro” e un malvagio signore dal cuore nero, Capricorno, si liberò dai lacci delle parole per materializzarsi nel suo salotto. In quell’attimo fatale accadde anche qualcosa di più grave: la moglie di Mo scomparve per sempre tra le pagine del libro. E ora il perfido Capricorno cerca Mo per piegare i suoi poteri a perfidi scopi…

53 Susanna Clarke, Jonathan Strange & il signor Norrell

La quarta di copertina:

All’inizio dell’Ottocento, della magia inglese rimangono quasi solo leggende come quella di Re Corvo, il grande mago capace di fondere la sapienza delle fate con la ragione umana. Ma dalle regioni del Nord un tempo visitate da elfi e folletti appare il signor Norrell, capace di far parlare le statue della cattedrale di York: la notizia sembra segnare il ritorno della magia in Inghilterra, e Norrell si trasferisce a Londra per offrire i suoi servizi magici al governo, impegnato nella guerra contro Napoleone. Ma una profezia parla di due maghi che faranno rinascere la magia inglese. Uno dei due maghi è Norrell. E l’altro chi è?

55 N.K. Jemisin, La luna che uccide

I miei commenti: https://librolandia.wordpress.com/2014/02/15/n-k-jemisin-la-luna-che-uccide/

56 Jacqueline Carey, Il dardo e la rosa

La quarta di copertina:

Terre D’Ange: un regno fondato dagli angeli e popolato da individui in cui una bellezza mirabile si accompagna a un’incondizionata libertà fisica e mentale. Un unico precetto guida infatti le Tredici Case che lo dominano: Ama a tuo piacimento. Destinata sin dalla tenera età a servire in una delle Case, Phèdre è nata con una piccola macchia scarlatta nell’occhio sinistro. Per molti, un difetto irrimediabile. Per altri, un segno rarissimo e sconvolgente: il Dardo di Kushiel, il marchio che contraddistingue le “anguissette”, coloro che possono mescolare la sofferenza e il piacere per natura e non per costrizione. Ma quando il nobile Delaunay la riscatta, il futuro di Phèdre si apre verso l’ignoto: non consumerà i suoi giorni come perfetta cortigiana, diventerà una spia. Il regno di Terre d’Ange, infatti, è inquieto e agitato, e Delaunay vuole scoprire chi sta tramando nell’ombra… Un’eroina conturbante, una saga animata da poeti e cortigiani, regine e sacerdoti guerrieri, principi e vagabondi; un’epopea immersa in un’atmosfera che ricorda “Le mille e una notte” e che si snoda fra intrighi di corte e relazioni pericolose, viaggi e rivelazioni.

57 Lynn Flewelling, L’arciere di Kerry

La quarta di copertina:

Chi volete che si curi di un giovanotto, senza titoli né fortune, accusato e arrestato ingiustamente? Non gli resta altro che meditare sulla malasorte nella sua cella buia, a meno che… A meno che il suo compagno di prigionia non si riveli un personaggio a dir poco imprevedibile! Così quando Seregil di Rhiminee decide di evadere dalla prigione, il giovane Alec di Kerry lo segue senza immaginare neanche lontanamente dove lo condurrà quella fuga. Perché Seregil non è mai esattamente o solamente ciò che sembra: ladro, aristocratico, guerriero, negromante, spia, ha un nome diverso per ogni occasione e cambia aspetto, età, perfino sesso grazie ad abili mascheramenti.

60 Marion Zimmer Bradley, Le nebbie di Avalon

La recensione di Luca Azzolini per FantasyMagazine: http://www.fantasymagazine.it/6993/le-nebbie-di-avalon

66 Erin Morgenstern, Il circo della notte

La quarta di copertina:

Il circo della notte è un romanzo dalle connotazioni oniriche della scrittrice statunitense Erin Morgenstern. La storia è ambientata a Londra, nel 1886 e i protagonisti sono due maghi, Celia e Marco. Il circo dove si esibiscono nelle loro prodezze appare sempre all’improvviso, di notte. Non ci sono mai annunci che riportano l’evento, il circo appare dal nulla, quando sulla città calano le ombre della sera e, come per incanto, svanisce nel nulla non appena appaiono le prime luci del giorno e allora gli ampi cancelli si chiudono e i tendoni spariscono. E’ un luogo magico, il circo dei sogni, dove il confine tra realtà e fantasia non è mai nitido. Qui la mente umana si perde nella magia e tutto diventa possibile. I numerosi appassionati accorrono in massa per poter ammirare le incredibili attrazioni che offre. Ogni notte si esibiscono acrobati volanti e contorsionisti, ma lontano dalle luci del palcoscenico due maghi, da sempre rivali, conducono una sfida senza esclusione di colpi, per dimostrare a tutti chi è il migliore. Il mezzo con cui sfogano le loro ambizioni sono i rispettivi apprendisti, che vengono addestrati con l’unico intento di ottenere la supremazia sull’avversario. Ma, contrariamente a tutte le attese, tra Celia e Marco, i due giovani allievi, nascerà un’attrazione più forte della magia dei loro maestri. L’amore che sboccia scombina i piani dei due maghi e stravolge gli equilibri di forze che regolano l’esistenza stessa del circo. Erin Morgenstern, con il circo di notte, racconta una storia dai contorni fantastici in cui amore e magia si mescolano e si contrappongono.

67 Octavia Butler, La parabola del seminatore

La quarta di copertina:

Il romanzo porta in un futuro molto prossimo e drammaticamente credibile, un mondo di orrore e disperazione, di comunità che vivono segregate e nel terrore di malattie e devastazioni. Lauren Olamina è una diciottenne “iperempatica”, è in grado cioè di provare il dolore delle persone che la circondano. Rinchiusa in una enclave della California assieme a pochi parenti, Lauren vive isolata dal mondo esterno violento e brutale, in cui la distanza tra ricchi e poveri si è fatta ormai abissale, e solo i più cinici sono in grado di sopravvivere.

69 Erika Johansen, The Queen of Tearling

Un estratto: http://www.fantasymagazine.it/23674/the-queen-of-the-tearling

La recensione di Chiara Codecà per FantasyMagazine: http://www.fantasymagazine.it/23711/the-queen-of-tearling

70 Maggie Stiefvater, Raven boys

La quarta di copertina:

È la vigilia di San Marco, la notte in cui le anime dei futuri morti si mostrano alle veggenti di Henrietta, Virginia. Blue, nata e cresciuta in una famiglia di sensitive, vede per la prima volta uno spirito e capisce che la profezia sta per compiersi: è lui il ragazzo di cui s’innamorerà e che è destinata a uccidere. Il suo nome è Gansey ed è uno dei ricchi studenti della Aglionby, prestigiosa scuola privata di Henrietta i cui studenti sono conosciuti come Raven Boys, i Ragazzi Corvo, per via dello stemma della scuola, e noti per essere portatori di guai. Blue si è sempre tenuta alla larga da loro, ma quando Gansey si presenta alla sua porta in cerca di aiuto, pur riconoscendolo come il ragazzo del destino non può voltargli le spalle. Insieme ad alcuni compagni, Gansey è da molto tempo sulle tracce della salma di Glendower, mitico re gallese il cui corpo è stato trafugato oltreoceano secoli prima e sepolto lungo la “linea di prateria” che attraversa Henrietta. La missione di Gansey non riguarda solo un’antica leggenda, ma è misteriosamente legata alla sua stessa vita. Blue decide di aiutare Gansey nella sua ricerca, lasciandosi coinvolgere in un’avventura che la porterà molto più lontano del previsto.

71 Linda Nagata, Red

La quarta di copertina:

Il tenente James Shelley è al comando di una squadra militare ad alta tecnologia dislocata in un distretto rurale nel Sahel africano. La missione è una: combattere gli insorti. Tre gli obiettivi: primo, difendere i civili; secondo: uccidere il nemico; terzo, e più importante: rimanere vivi. Perché in una guerra di mercenari, costruita a tavolino dalla lobby delle armi, non esiste una causa per cui valga la pena morire. Costantemente connessi con la centrale operativa, Shelley e i suoi uomini non sanno di essere anche protagonisti di un reality show televisivo. Quando un improvviso attacco aereo quasi distrugge il loro avamposto, inizia a prendere forma una trama di sporchi traffici tra politici corrotti, terroristi nucleari e uomini d’affari. Per difendere se stesso e la squadra dagli intrighi del potere, Shelley non può fare ricorso solo alla tecnologia. Dovrà fidarsi del suo sesto senso, ovvero la voce che gli sussurra infallibilmente nella testa quando un pericolo si avvicina…

76 Lois McMaster Bujold, L’onore dei Vor

Alcuni commenti: https://librolandia.wordpress.com/2012/06/06/lois-mcmaster-bujold-lonore-dei-vor/

77 Doris Lessing, Shikasta

La quarta di copertina:

“Shikasta” è il primo dei cinque romanzi del ciclo “Canopus in Argos”, in cui Doris Lessing ha creato un nuovo straordinario cosmo, dove la Terra altro non è che il campo di battaglia per gli imperi galattici rivali di Canopo, Sirio e Puttiora. Una concezione visionaria e potente che riflette e ridefinisce la storia del nostro mondo, dagli inizi all’inevitabile auto-distruzione. Il volume è la cronaca degli ultimi giorni del nostro pianeta raccontata attraverso i resoconti personali e la documentazione raccolta da Johor, un emissario inviato da Canopo per mettere un freno al declino. Ma guerra, carestia, epidemie e disastri ambientali devastano il pianeta e davanti all’umanità che gli sembra impazzita, il compito di Johor appare impossibile da portare a termine.

78 Joan D, Vinge, La regina delle nevi

82 Gail Carriger, Soulless. Il protettorato del parasole

La quarta di copertina:

Nella Londra di fine Ottocento, uomini, vampiri e licantropi hanno imparato a convivere, ma questo non rende più facile la vita alla giovane Alexia Tarabotti. Infatti non ha un’anima (un bello svantaggio per una zitella in cerca di marito); suo padre è morto e, per aggiungere sfortuna alla sfortuna, era pure di origine italiana! Quando un vampiro l’aggredisce e lei lo uccide con il suo inseparabile parasole, le cose sembrano precipitare: la regina Vittoria in persona manda l’inquietante Lord Maccon (un lupo mannaro volgare e trasandato) a svolgere le indagini. Ma c’è dell’altro: la popolazione di vampiri di Londra inizia a essere misteriosamente decimata, e tutti sembrano ritenere Alexia colpevole. Chi vuole incastrarla? Riuscirà la ragazza a sfruttare a proprio vantaggio l’invulnerabilità ai poteri soprannaturali derivante dalla sua condizione di soulless, cioè di senz’anima? O i suoi guai non sono ancora finiti? Fondendo letteratura vittoriana, gotica e steampunk, Gail Carriger ha dato vita a un romanzo sempre in bilico tra ironia e suspense, ambientato in una Londra che non è mai stata così divertente e dove, nonostante tutto, è immancabile l’appuntamento per il tè delle cinque.

84 Elizabeth Moon, La velocità del buio

88 Robin McKinley, Sunshine

Un estratto: http://www.fantasymagazine.it/13270/sunshine

La recensione di Maria Cristina Calabrese per FantasyMagazine: http://www.fantasymagazine.it/13983/sunshine

94 Shirley Jackson, Abbiamo sempre vissuto nel castello

La quarta di copertina:

A Shirley Jackson, che non ha mai avuto bisogno di alzare la voce; con questa dedica si apre “L’incendiaria” di Stephen King. È infatti con toni sommessi e deliziosamente sardonici che la diciottenne Mary Katherine ci racconta della grande casa avita dove vive reclusa, in uno stato di idilliaca felicità, con la bellissima sorella Constance e uno zio invalido. Non ci sarebbe nulla di strano nella loro passione per i minuti riti quotidiani, la buona cucina e il giardinaggio, se non fosse che tutti gli altri membri della famiglia Blackwood sono morti avvelenati sei anni prima, seduti a tavola, proprio lì in sala da pranzo. E quando in tanta armonia irrompe l’Estraneo (nella persona del cugino Charles), si snoda sotto i nostri occhi, con piccoli tocchi stregoneschi, una storia sottilmente perturbante che ha le ingannevoli caratteristiche formali di una commedia. Ma il malessere che ci invade via via, disorientandoci, ricorda molto da vicino i “brividi silenziosi e cumulativi” che – per usare le parole di un’ammiratrice, Dorothy Parker abbiamo provato leggendo “La lotteria”. Perché anche in queste pagine Shirley Jackson si dimostra somma maestra del Male – un Male tanto più allarmante in quanto non circoscritto ai ‘cattivi’, ma come sotteso alla vita stessa, e riscattato solo da piccoli miracoli di follia.

95 Nnedi Okorafor, Chi teme la morte

La quarta di copertina:

In un’Africa post-apocalittica, dopo aver schiavizzato gli Okeke, i Nuru hanno deciso di sterminarli. Una donna sopravvissuta allo stupro di un soldato nemico metterà al mondo un’impetuosa bambina con i capelli e la pelle chiari come la sabbia: Onyesonwu, che in lingua antica significa “chi teme la morte?”. Fin da piccola, la testarda Onyesonwu è una fonte di guai. Lei è una Ewu, la figlia di uno stupro alla quale spetta una vita di violenze, una meticcia rifiutata da entrambe le tribù. Ma Onye non è una Ewu comune. Le sue straordinarie capacità sono solo i primi segni di una magia impressionante e unica. E durante uno dei suoi momenti di rapimento, Onye scopre che qualcuno di potente sta cercando di ucciderla. Nel tentativo disperato di comprendere la propria natura e di sfuggire allo sconosciuto assassino, sarà obbligata a lasciare la propria casa in una ricerca che si rivelerà pericolosa oltre ogni possibile immaginazione.

100 Madeleine L’Engle, Nelle pieghe del tempo

La quarta di copertina:

Meg Murry sta avendo un momento difficile. Suo padre, l’astrofisico Dr. Jack Murry, è misteriosamente scomparso. Il suo giovane fratello, Charles Wallace, un genio, è infastidito e sminuito ed è considerato uno stupido perché non rivolge la parola a nessuno al di fuori della sua famiglia. Meg non va d’accordo con i suoi coetanei, con gli insegnanti, con i suoi fratelli gemelli di 10 anni, e persino con se stessa. In questa situazione infelice giunge una sconosciuta, la misteriosa Signora Cosè, che veste in un modo molto strano, e le sue amiche la Signora Chi e la signora Quale. Esse portano Meg, Charles Wallace e il loro nuovo amico Calvin O’Keefe su strani, nuovi altri pianeti, preparando i ragazzi per una missione il cui obiettivo è salvare il Dr. Murry dal malevolo “IT” sul pianeta Camazotz. Il tutto è possibile proprio grazie al TESP-ACT, che permette loro, per l’appunto, di viaggiare tra le pieghe delle varie dimensioni spazio-temporali.

A quest’elenco aggiungo io un ultimo libro scritto da una donna, che forse l’autrice dell’articolo non conosce perché la scrittrice è italiana (ma almeno il primo romanzo è tradotto anche in inglese)

Silvana De mari, L’ultimo elfo

La quarta di copertina:

In una landa desolata, annegata da una pioggia torrenziale, l’ultimo Elfo trascina la propria disperazione per la sua gente. Lo salveranno due umani che nulla sanno dei movimenti degli astri e della storia, però conoscono la misericordia, e salvando lui salveranno il mondo. L’elfo capirà che solo unendosi a esseri diversi da sé – meno magici ma più resistenti alla vita non soltanto sopravviverà, ma diffonderà sulla Terra la luce della fantasia. Un tenero e luminoso passaggio dal fiabesco al fantasy.

Della saga di L’ultimo elfo ha parlato Marina Lenti nel saggio Io combatto per vincere e combatto con quello che ho. Silvana De Mari e l’eptalogia de L’ultimo elfo pubblicato in Il Fantastico nella Letteratura per ragazzi. Luci e ombre di 10 serie di successohttp://www.runaeditrice.it/index.php/component/virtuemart/view/productdetails/virtuemart_product_id/90/virtuemart_category_id/9.html.

Questa voce è stata pubblicata in anteprima, classifiche di genere e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...