Articolo 138: Revisione della Costituzione

COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA

SEZIONE II.

Revisione della Costituzione – Leggi costituzionali.

ART. 138.

Le leggi di revisione della Costituzione e le altre leggi costituzionali sono adottate da ciascuna Camera con due successive deliberazioni ad intervallo non minore di tre mesi, e sono approvate a maggioranza assoluta dei componenti di ciascuna Camera nella seconda votazione. Le leggi stesse sono sottoposte a referendum popolare quando, entro tre mesi dalla loro pubblicazione, ne facciano domanda un quinto dei membri di una Camera o cinquecentomila elettori o cinque Consigli regionali. La legge sottoposta a referendum non è promulgata se non è approvata dalla maggioranza dei voti validi. Non si fa luogo a referendum se la legge è stata approvata nella seconda votazione da ciascuna delle Camere a maggioranza di due terzi dei suoi componenti.

http://www.quirinale.it/qrnw/statico/costituzione/pdf/Costituzione.pdf

In altre parole per riformare la Costituzione della Repubblica Italiana servono i due terzi dei voti delle Camere – voti che con questa proposta di riforma non ci sono – perciò il passaggio dal referendum popolare è obbligatorio. Chiunque dica che il fatto che ci sarà un referendum è un’indicazione della democraticità di questo governo perché il referendum non è necessario, dice il falso.

Questa voce è stata pubblicata in attualità. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...