Sonno

l'orso che non lo era

Mi sa che fra lavoro con turni pesanti, figlie che mi chiamano la notte per i motivi più diversi, libri e computer sono andata in debito di sonno. Di brutto.

Ha ragione Frank Tashlin: Le foglie sono diventate gialle e marroni e stanno cadendo giù dagli alberi. L’inverno arriverà presto (e speriamo che arrivino anche quei venti che attendiamo da anni) e la neve coprirà la foresta. È tempo di andare a letto (la grotta la lascio volentieri ai Figli della Foresta) e cadere in letargo. Se per qualche giorno sparisco sapete il perché. E non rubatemi la coperta, il cuscino o l’orso!

Buonanotte…

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in nonsense, sport e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Sonno

  1. Roberto Menardo ha detto:

    Questa del sonno dev’essere una cosa generalizzata, ultimamente o non funziona la sveglia o sono io che ho talmente sonno da spegnerla senza rendermene conto!
    Ti auguro un pronto recupero e ti aspetto presto per altri interessantissimi articoli… e tranquilla, ti lascio l’orso perchè sono quasi certo che non si tratta di Orso (tra parentesi ho visto Orso giusto qualche giorno fa… quasi quasi me lo regalo per Natale XD ).

    • Io ho certamente dormito troppo poco. Con il turno di chiusura, che finisce a mezzanotte, finivo con l’andare a letto all’una di notte. Peccato che il giorno dopo debba portare le figlie a scuola, il che significa che la sveglia suona alle 7 del mattino. Se a questo aggiungi il fatto che ero già in debito di sonno perché qualche sera per scrivere i miei articoli avevo fatto tardi, e che un paio di notti le mie bimbe mi hanno svegliata perché avevano avuto gli incubi puoi immaginare in che condizione fossi. Comunque anche se la battuta sull’orso è nata dal fatto che il protagonista del libro di Tashlin è un orso, e che Anna Cappellini si arrabbia quando Luca Lanotte le frega l’orso – ho riso fino a piangere quando ho visto l’esercizio in diretta televisiva – il mio incontro ravvicinato con Orso l’ho avuto davvero. Domenica sera sulla mia pagina Facebook avevo riportato un episodio avvenuto davvero il giorno prima:

      Ieri passando in reparto ho trovato il peluche di Orso, della serie Masha e Orso, abbandonato per terra. Sorpresa, ho esclamato ad alta voce. “Orso, e tu cosa ci fai per terra? Guarda che ti sporchi tutto” e, rimettendolo sullo scaffale ho concluso con “Ecco, è meglio se stai qui”. I due clienti presenti alla scena mi hanno guardata perplessi, quanto a me temo di non reggere più il turno di mezzanotte e di avere urgente bisogno di un po’ di riposo. Io vado a dormire, buonanotte!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...