Pagine da Terre di Confine – 2

 

John Brunner, L’era dei miracoli

Il primo segno della presenza degli alieni sul nostro pianeta è clamoroso, e terribile: le riserve nucleari della Terra vengono annientate, nello spazio di un respiro, e solo in quel momento giunge la consapevolezza che una presenza venuta da ‘altrove’ è giunta sul nostro mondo. È solo il primo segno. Per la Terra, per i suoi popoli, per il mondo prodigioso che conosciamo, è iniziata una nuova epoca: e il sospetto, il dramma, il terrore, l’incredulità, sono le radici di qualcosa che forse avrà una spiegazione diversa da quella che ognuno sospetta. Qual è il posto dei terrestri sul loro mondo, e cosa significano i segni della presenza aliena? Quale potere rimarrà agli uomini, e come sarà la manifestazione degli stranieri… nemici da combattere, amici da accogliere, o forse qualcosa di diverso? L’èra dei miracoli è l’èra del nostro contatto con una realtà diversa. E in quest’opera drammatica e avvincente, ricca di suggestioni e condotta con la maestria tipica di uno scrittore sempre imprevedibile e sempre abile come John Brunner, abbiamo una nuova e indimenticabile visione di un futuro che potrebbe scuotere profondamente le nostre convinzioni, e cambiare il senso della battaglia di sopravvivenza che l’uomo conduce sul suo pianeta dagli albori del tempo… sotto l’occhio attento e freddo delle stelle, che testimoniano dell’esistenza di infiniti mondi, di altri spazi e altre civiltà! in un universo troppo grande perché noi possiamo realmente affermare di conoscerlo…

http://www.terrediconfine.eu/lera-dei-miracoli/

 

 

John Christopher, I possessori

Sfuggiti a una catastrofe cosmica i Possessori vagavano negli spazi siderali. Le spore erano state lanciate in tempo con la speranza che potessero ricreare su qualche pianeta remoto quelle creature quasi onnipotenti del cui seme erano portatrici. Le spore viaggiano.. e periscono.. nel gelo incommensurabile dei giganteschi pianeti esterni.. ma alcune sopravvivono. Riposano tra i ghiacciai in attesa della vita.. E sulla Terra, in Svizzera, uno strano contagio minaccia l’uomo. Pazzia, redivivi, strane cose succedono. Questa strana “presenza” deve essere distrutta!

http://www.terrediconfine.eu/i-possessori/

 

 

Timothée de Fombelle, Il favoloso libro di perle

Oliå è una fata che ha rinunciato ai suoi poteri per amore di un principe cadetto. Ma quando finalmente si ricongiunge a lui, scopre che è stato assassinato. Oppure no? Infrangendo il confine tra i mondi, il giovane Iliån è scivolato in un’altra realtà. non meno pericolosa perché il ragazzo smarrito viene accolto nella famiglia Perle proprio mentre sul futuro degli ebrei francesi si addensano nere nubi temporalesche. Intanto la fata è condannata a stargli accanto e insieme lontana, per anni e anni, per tutta una vita umana. Questa è la storia che il narratore piano piano ricostruisce, a partire dal muro di valigie che un bizzarro collezionista cela nella sua casa tra le paludi, là dove il fiume scompare nelle pieghe delle mappe. Dentro ci sono segreti, risposte, prove. Di cosa? Basta una vita intera per trovare la strada del ritorno?

http://www.terrediconfine.eu/il-favoloso-libro-di-perle/

 

 

Robert A. Heinlein, La via delle stelle

La grande tradizione della letteratura avventurosa rivive ne La via delle stelle, un romanzo che è stato avvicinato, di volta in volta, alle opere di Daniel Defoe e di Rudyard Kipling, e che costituisce uno tra gli esempi più famosi e affascinanti delle qualità che hanno fatto di Robert A. Heinlein, vincitore di cinque premi Hugo, il più degno erede della tradizione anglosassone del romanzo di avventura, attraverso il quale è possibile compiere anche un’opera di satira alla società ed esprimere spesso con violenza le proprie idee sul mondo e sulla natura umana. “La via delle stelle” ci propone l’angoscioso problema di Rod Walker, un giovane del futuro che è costretto a superare un esame indispensabile per accedere alle professioni dei Mondi Esterni, in una Terra che ha conquistato lo spazio grazie all’invenzione delle Porte, tunnel iperspaziali che congiungono immediatamente pianeti distanti tra loro anni-luce. Si tratta dell’esame di sopravvivenza: ma non si tratta di una nozione teorica. Gli allievi vengono abbandonati su un mondo vergine e lontano, dove dovranno rimanere isolati per giorni e giorni. Se sopravvivranno, avranno passato l’esame; altrimenti, moriranno, uccisi dalla natura ostile e dalle creature del pianeta. La Terra è sovrappopolata; milioni e milioni di cinesi vengono avviati, come bestiame, su nuovi pianeti; il cibo è razionato; una società pionieristica, rigidamente puritana, ha sostituito i grandi movimenti libertari del ventesimo secolo. Attraverso le pagine di un’affascinante saga di sopravvivenza, nulla si salva dalla feroce satira heinleiniana: la politica, la democrazia, gli organi rappresentativi, il mito scientifico, tutto viene ridicolizzato alla luce dell’antica filosofia della sopravvivenza che ha spinto i pionieri a colonizzare nuovi mondi…

http://www.terrediconfine.eu/la-via-delle-stelle/

 

 

Guy Gavriel Kay, Il paese delle due lune

La lotta fra due potenti Re stregoni dilania la Penisola del Palmo teatro continuo di guerra e di orrore. Le province che ne fanno parte subiscono soprusi e violenze e una in particolare ha il suo destino segnato: l’annientamento totale. Distruzioni massacri terribili malefici e… una speranza di salvezza.

http://www.terrediconfine.eu/il-paese-delle-due-lune/

Le mie impressioni su Il paese delle due lunehttps://librolandia.wordpress.com/2014/10/16/guy-gavriel-kay-tigana/.

 

 

 

Lars Kepler, Il porto delle anime

Jasmin è una donna, una madre, un soldato dell’esercito svedese. Vive per l’amore del figlio Dante, avuto da un commilitone, un uomo segnato che cerca di affogare nell’alcol e nella droga gli orrori della guerra. Jasmin in Kosovo è stata ferita gravemente, e mentre lottava tra la vita e la morte la sua anima si è trovata per qualche giorno in un posto misterioso, una specie di sovraffollata, caotica e minacciosa città portuale. Lì ha visto uno dei suoi uomini imbarcarsi e prendere il largo… Senza tornare mai più. È soltanto grazie alla sua forza interiore se Jasmin riesce a capire come lasciare quel posto terribile, come tornare indietro, alla vita. Ma pochi anni dopo la prima esperienza nel porto delle anime, Jasmin è costretta a farvi ritorno. Solo che stavolta non è da sola: con lei c’è anche suo figlio. Anche lui era a bordo dell’auto quando hanno avuto il tremendo incidente che li ha fatti precipitare nello stato sospeso tra la vita e la morte che Jasmin purtroppo conosce bene. Purtroppo, perché mentre lei si riprende quasi subito, le condizioni di Dante si rivelano più critiche. E Jasmin sa di non poter abbandonare il figlio da solo, immerso nei pericoli della città misteriosa. Non c’è che una soluzione: rischiare di nuovo la morte, tornare nel porto delle anime e lottare per quello che ha di più caro.

http://www.terrediconfine.eu/il-porto-delle-anime/

 

 

Katharine Kerr, La lama dei druidi (Deverry 1)

Jill è solo una ragazzina smarrita, ma è anche la figlia di una delle più temibili “daghe d’argento” del reame di Deverry, carne e sangue di uno dei formidabili guerrieri che viaggiano attraverso il paese vendendo la propria spada. Così è quasi inevitabile che, dopo aver ritrovato suo padre, Jill diventi a sua volta una temibile combattente. Ma neppure Jill può immaginare che gli eventi hanno in serbo per lei un ruolo da eroina in una sfida cosmica. Nevyn il Druido esiste da secoli, sta ancora cercando di espiare un’antica colpa e intanto conduce una lotta magica ed epica insieme contro i perfidi negromanti di Annwyn. Chi prevarrà in questa battaglia che vede le forze del bene e del male usare re ed eroi come pedine di una immane scacchiera?

http://www.terrediconfine.eu/la-lama-dei-druidi/

 

 

Tanith Lee, Il signore delle illusioni

I Signori delle Tenebre sono alcuni esseri immortali dotati di poteri terribili, che vivevano sulla Terra quando il nostro pianeta era agli albori della sua genesi. Tra loro c’erano Uhlume, il Signore della Morte, Azhrarn, il Signore della Notte, e altri che consideravano la Terra il loro campo di gioco dove gli essere umani non erano altro che delle pedine da manipolare ed eliminare secondo il loro capriccio. Ma il più crudele dei Signori delle Tenebre era senz’altro Chuz, il Signore dell Illusioni, la cui malvagità prendeva di mira non solo gli uomini, ma anche i suoi stessi congeneri. Questo libro è la storia del conflitto che vede contrapposti Azhrarn e Chuz e che, come tutti i conflitti, si concluderà senza vinti né vincitori, ma con in compenso una grande quantità di vittime innocenti.

http://www.terrediconfine.eu/il-signore-delle-illusioni/

 

 

Ursula K. Le Guin, Le tombe di Atuan

Nel mondo incantato di Terramare, fatto di isole, arcipelaghi e sconfinate distese d’acqua, il giovane Mago Ged prosegue il lungo e avventuroso viaggio che gli ha permesso di conquistare poteri sempre maggiori e di lottare vittoriosamente contro l’Ombra. Il compito che ora lo aspetta è la conquista dell’anello spezzato di Erreth-Akbe, nel lontano deserto di Atuan. Ed è là che incontra Tenar, un’adolescente strappata alla famiglia quando era ancora bambina, per essere consacrata sacerdotessa delle Forze della Terra e custodire le Tombe che celano l’anello, finché Ged non decide di portarla via dall’oscuro labirinto della magia e liberare Tenar dalle tenebre.

http://www.terrediconfine.eu/le-tombe-di-atuan/

 

 

Ursula K. Le Guin, La spiaggia più lontana (tradotto anche come Il signore dei draghi)

Uno strano, inspiegabile malessere si sta diffondendo in tutta Terramare. La magia sta perdendo il suo potere, le canzoni vengono dimenticate, esseri umani e animali si ammalano o impazziscono. Il mago Ged, accompagnato da Arren (il giovane principe di Enlad) parte dall’isola di Roke per trovare la causa di tutto ciò. Dopo un viaggio irto di ostacoli, si spostano alla fine della terra e oltre, nella terra dei morti. Laggiù dovranno affrontare e sconfiggere il mago Cob, che aveva aperto un varco tra i due mondi nel tentativo di ingannare la morte e vivere per sempre. Per chiudere questo varco, Ged sacrifica tutti i suoi poteri magici. Quando ritornano nel mondo dei vivi, Arren si rende conto che ha adempiuto alla profezia dell’ultimo re di Earthsea, pronunciata molti secoli prima: “Ad ereditare il mio trono sarà colui che avrà attraversato la terra oscura vivo giungendo all’estrema sponda dei giorni”. In seguito il regno si era diviso in piccoli principati e domini, spesso in guerra tra loro. Ora, invece, possono essere riunificati. Le Guin ci offre due finali per la storia. In uno, dopo l’incoronazione di Arren, Ged prende il mare da solo e di lui non si ha più notizia. Nell’altro, Ged ritorna alla foresta della sua isola d’origine, Gont. Nel 1990, diciassette anni dopo la pubblicazione di La spiaggia più lontana, Le Guin ha optato per il secondo finale quando ha continuato la storia in Tehanu.

http://www.terrediconfine.eu/la-spiaggia-piu-lontana/

 

 

Fritz Leiber, I tre tempi del destino

Tre mondi diversi che sono, in realtà, tre varianti della nostra Terra; tre dimensioni parallele la cui sorte è governata da una macchina che non si trova nel nostro spazio-tempo, ma in una zona extra-dimensionale dove la tecnologia avanzatissima permette agli artefici del destino di manovrare gli uomini e gli eventi storici come in un gigantesco gioco di marionette. Su uno dei temi preferiti da Fritz Leiber, la manipolazione della realtà ad opera di agenti a noi sconosciuti, un romanzo che fonde sapientemente scienza, suspense e mitologia nordica. Uno dei tre mondi, dominato da una spietata dittatura militare, sta per invadere quello più civile e progredito, e se ci riuscirà ne deriverà una catastrofe senza precedenti che trasformerà non solo uno dei tre mondi, ma tutta la trama del reale in un immenso deserto di morte.

http://www.terrediconfine.eu/i-tre-tempi-del-destino/

 

 

Fritz Leiber, Le argentee teste d’uovo

Quali mutamenti possono attendere il mondo della cultura nel prossimo secolo? Fritz Leiber ce ne offre un assaggio nel suo romanzo più caustico e divertente. Agli scrittori toccherà firmare soltanto le opere composte elettronicamente dai mulini-a-parole, e recitare in pubblico i ruoli scelti per loro dalle controcopertine. Solo i colleghi robot sapranno scrivere sul serio, ma com’è ovvio, per un pubblico di robot. Questo, fino al giorno in cui gli scrittori inferociti distruggono tutti i mulini-a-parole, per dover poi affrontare una grave crisi di creatività. Solo presso l’Editrice Razzi nessuno sembra scaldarsi molto; forse perchè qui si custodisce il grande segreto del secolo precedente, il Divorzio Psicosomatico di Daniel Zukertort. In una nursery segreta, infatti, vivono ancora le trenta argentee Teste d’Uovo la cui esistenza potrebbe scuotere il mondo intero… per il bene di tutti i lettori.

http://www.terrediconfine.eu/le-argentee-teste-duovo/

 

 

Sarah Lotz, Il segno

12 gennaio 2012, il giorno che ha cambiato la Storia. Il giorno in cui quattro aerei di linea si sono schiantati al suolo: in quattro continenti diversi e quasi nello stesso istante. Nessun atto di terrorismo, solo un’assurda, tragica fatalità. O forse no. Perché, contro ogni logica, in tre casi ci sono stati dei superstiti. Tre bambini, usciti senza nemmeno un graffio dai rottami. E ben presto quei bambini sono diventati prima un mistero inspiegabile, poi un enigma inquietante. Nel disastro aereo in Giappone, infatti, un altro passeggero è sopravvissuto all’impatto, sebbene solo per pochi istanti, riuscendo a registrare un messaggio vocale sul cellulare: «Eccoli… Il bambino… Il bambino guarda i morti, ossignore quanti sono… Presto ce ne andremo tutti quanti… Il bambino non deve…» Sono passati anni da quel maledetto giorno, eppure i Tre – come sono stati chiamati i bambini superstiti – sono ancora al centro del dibattito mondiale. Per fare luce sul mistero, alla giornalista Elspeth Martins non rimane che raccogliere tutte le informazioni disponibili, comprese le interviste rilasciate nel corso del tempo da chi si è preso cura di loro dopo gli incidenti aerei. E una cosa ben presto risulta chiara. I Tre hanno una forte influenza su chi sta loro vicino. A volte è un’influenza positiva, a volte invece è come se emanassero una forza malefica. E più Elspeth indaga sulla storia dei Tre, più gli interrogativi si accavallano. Chi sono – o cosa sono − davvero quei bambini? Una semplice anomalia statistica? Messaggeri di Dio, inviati sulla terra per uno scopo ancora oscuro? O il Segno premonitore della fine dei tempi? Molte domande, una sola risposta: questo romanzo.

http://www.terrediconfine.eu/il-segno/

 

 

Jonathan Maberry, Rot & Ruin (tradotto anche come Cronache zombie. Benny Imura 1)

Nell’America post-apocalittica infestata dagli Zombie dove Benny Imura vive, ogni adolescente deve trovarsi un lavoro al compimento del quindicesimo anno di età, o dimezzare per sempre la propria razione quotidiana di cibo. Benny, però, non è interessato a portare avanti il business di famiglia, ma non ha scelta visti i precedenti fallimenti lavorativi; così accetta di diventare un cacciatore di zombie come quel vigliacco di Tom, il suo fratellastro. Il ragazzo si addentra nella desolata Rot & Ruin, il territorio in cui sono confinati gli zombie, con riluttanza, convinto di svolgere un lavoro noioso e pressoché inutile… prima di imbattersi in un terra senza dio, che gli aprirà gli occhi su un mondo totalmente diverso dalla vita a cui era abituato. Conoscerà il suo passato, i lati nascosti della personalità di Tom e il motivo per cui viene considerato da tutti come un eroe: perché là fuori, lontano dalle recinzioni del fortilizio, le distese aride di Rot & Ruin pullulano di rinnegati assassini a caccia di adolescenti, di segreti mortali, di zombie e di bellezze cresciute nelle oscurità del tempo. Rot & Ruin è molto più che un deserto senza vita.

http://www.terrediconfine.eu/rot-ruin/

 

 

Jonathan Maberry, Dust & Decay (Benny Imura 2)

Sono trascorsi sei mesi dalla terribile battaglia contro Charlie-occhio di vetro e Motor City Hammer, nelle infestate terre di Rot & Ruin; sei mesi da quando Benny Imura e Nix hanno visto qualcosa sorvolare i cieli. Qualcosa che ha cambiato per sempre la loro vita. Ora, dopo mesi di rigorosi allenamenti impartiti dal grande cacciatore di zombie Tom Imura, Benny e Nix sono pronti per lasciare Mountainside in cerca di un futuro migliore. Lilah, la Lost Girl, e il miglior amico di Benny, Lou Chong, andranno con loro. Il viaggio si prospetta interessante. Ma pochi istanti dopo aver superato i cancelli del fortilizio, la compagnia si rende conto che qualcosa di inquietante aleggia tra i boschi: non solo zombie, ma anche animali selvaggi mai visti prima, uomini deliranti, falsi profeti e… ciò che resta degli orrori di Gameland, dove gli adolescenti sono spinti a battersi per la propria vita in perversi giochi di sopravvivenza. E peggio che mai, può quel diavolo di Charlie-occhio di vetro essere ancora vivo? A Rot & Ruin ogni cosa può ucciderti. E non tutti, nella piccola compagnia, riusciranno a sopravvivere…

http://www.terrediconfine.eu/dust-decay/

 

 

Jonathan Maberry, Flesh & Bone (Benny Imura 3)

Benny Imura e i suoi amici si stanno riprendendo dai tragici eventi accaduti a Wawona, nella seconda Gameland. Ma non c’è tempo per fermarsi e piangere i compagni caduti. Sopravvivere nel regno di Rot & Ruin significa non concedersi mai una tregua. Così, con la morte nel cuore, Benny, Nix, Lilah e Chong continuano la ricerca del jet che hanno visto sfrecciare nel cielo; se esiste, la stessa umanità deve essere sopravvissuta… da qualche parte. Trovarlo è l’unico modo per assicurarsi un futuro e una vita degna di essere vissuta. Ma il regno di Ruin è ancora più insidioso di quanto possano immaginare. Sciami di zombie provenienti da est divorano e distruggono tutto ciò che incontrano; e non è tutto, perché gli zom hanno cambiato abitudini: più agili, più intelligenti, più feroci. Le regole di sopravvivenza che fino a questo momento li hanno tenuti in vita tra i morti viventi sono cambiate. La piaga è mutata o… qualcosa di molto più sinistro si nasconde dietro questo nuovo orrore? Intanto, un misterioso culto della morte cresce all’ombra della piaga, raccogliendo ogni giorno nuovi adepti e rendendo il viaggio in Rot & Ruin un soggiorno tra le braccia della morte stessa.

http://www.terrediconfine.eu/flesh-bone/

 

 

Roger MacBride Allen, La fiaccola dell’onore

L’attacco contro New Finland, un remoto avamposto della Lega dei Pianeti, è solo il primo atto della guerra fra i terrestri e i misteriosi Guardiani, umanoidi dalle origini sconosciute. Il compito di indagare sull’attacco a New Finland è affidato al tenente Terrance Larson e a sua moglie, il tenente Marie Cooper. I due scoprono che i Guardiani si sono alleati con una razza aliena che apparentemente fa il loro gioco, ma in realtà persegue tutt’altri obiettivi… Un’avventura moderna, scientificamente plausibile e più che perfetta sul piano bellico.

http://www.terrediconfine.eu/la-fiaccola-dellonore/

 

 

Ian MacMillan, Virus Cepha

Classificazione del morbo: Parassitosi encefalica. – Agente Patogeno: Virus “Cepha” – Origine: Sconosciuta. – Caratteristiche: Virus capace di impiantarsi parassiticamente su altri virus. Trasmissione: tutte le forme conosciute di contagio virale. Periodo di incubazione: sette giorni. – Sintomi: Emicrania, vertigini, prurito, nausea, seguiti a distanza più o meno breve da violente nevralgie con vomito, convulsioni, delirio. Morte per collasso cardiaco o soffocazione da vomito. – Prevenzione: Nessun sistema efficace. – Cure: Nessuna. – Probabilità di sopravvivenza: Zero.

http://www.terrediconfine.eu/virus-cepha-scheda/

 

 

Patricia A. McKillip, Il principe del mare del fuoco (trilogia pubblicato anche come Il signore degli enigmi)

Gli abitanti della terra di Hed sono contadini, compreso Morgon, il signore di Hed. La magia in questo mondo è scomparsa e il sapere esoterico è affidato ai Signori degli indovinelli e Morgon può essere considerato il miglior allievo della scuola di Caithnard. Morgon ha tre stelle in fronte, identiche a quelle incise su un’arpa e su una spada che solo lui può usare. Così viene coinvolto in un’avventura misteriosa, verso la montagna di Erlenstar assieme all’arpista del Supremo, per cercare risposta a una domanda che neppure lui ancora conosce. Con l’aiuto di Raederle, la donna che ama, Morgon affronta un difficile cammino esistenziale e avventuroso, cercando la soluzione dell’enigma che lega passato e futuro e combattendo Ohm, il mago corrotto.

Il maestro degli enigmi di Hed

http://www.terrediconfine.eu/il-maestro-degli-enigmi-di-hed/

L’erede del mare e del fuoco

http://www.terrediconfine.eu/lerede-del-mare-e-del-fuoco/

L’arpista nel vento

http://www.terrediconfine.eu/larpista-nel-vento/

 

 

Patricia A. McKillip, La maga di Eld

Molte sono le leggende nate intorno alle buie foreste che ricoprono il misterioso monte Eld, e sempre vengono sussurrate con un filo di voce. Si narra che il possente mago Heald abbia avuto un solo figlio, l’ombroso Myk con un occhio grigio e un occhio nero, e che sul monte Eld il figlio del mago abbia attirato a sé dai quattro angoli del mondo creature leggendarie: l’orso Cyrin, che risponde a tutti gli enigmi tranne uno, il drago Gyld, intento a custodire il suo incredibile tesoro, e il cigno nero di Terleth. Si narra anche che il figlio di Myk, il cupo Ogam, abbia continuato la collezione chiamando a sé il mortale falco Ter e il magico gatto nero Moriath, artefice di sottili incantesimi… Ma oggi sotto la cupola di cristallo nascosta sul monte Eld vive la figlia di Oam, la bellissima vergine maga Sybel, e i suoi tentativi per attirare Liralen, l’ultimo animale magico del mondo che ancora manca alla sua collezione, sono interrotti dall’arrivo di un cavaliere che chiede asilo per il figlio di un re spodestato. Il mondo degli uomini chiede l’aiuto della maga di Eld, e forse dei suoi animali.

http://www.terrediconfine.eu/la-maga-di-eld/

 

 

Patricia A. McKillip, Voci dal nulla

Rinchiusa nell’Averno, il più impenetrabile carcere orbitale di massima sicurezza dell’intera galassia, Terra Viridian sconta la sua condanna senza poter sfuggire alla visione che le ha fatto massacrare senza motivo apparente più di millecinquecento persone. Una visione apocalittica, che lei stessa non comprende e all’esistenza della quale nessuno crede, ma la cui voce può significare un contatto totalmente nuovo per il genere umano. La scena cambia quando intorno a Terra iniziano ad agire strani personaggi: il Mago, capace di suonare Bach per ore e ore immerso in una profonda trance, Aaron, il poliziotto alla ricerca della gemella di Terra Viridian misteriosamente scomparsa, e la Regina di Cuori, la musicista mascherata in grado di plasmare sonorità sempre nuove. Solo quando tutti questi destini si incroceranno nell’Averno, guidati da una voce a loro sconosciuta, arriverà il momento di giocare l’ultima partita.

http://www.terrediconfine.eu/voci-dal-nulla/

 

 

Massimo Mongai, Memorie di un cuoco d’astronave

“HORS D’OEUVRE – Un’astronave in viaggio oltre i confini del sistema solare. ENTREES – Un cuoco di bordo che è anche un esploratore del cosmo. Ama tutte le razze della galassia, tranne quelle che disprezzano la buona tavola. Un carosello di avventure su molti mondi impossibili (con qualche difficoltà a rifornire la cambusa). DESSERT – Lo spumeggiante, movimentatissimo romanzo che ha vinto il Premio Urania di quest’anno, ovvero: la migliore fantascienza del nostro mondo.”

http://www.terrediconfine.eu/memorie-di-un-cuoco-dastronave/

 

 

Michael Moorcock, Il gioiello della morte (La grande storia della runa magica 1)

Alla fine del Millennio Tragico che ha sconvolto il mondo, poche isole di libertà sfuggono al malvagio potere dell’Impero Nero, e il loro destino pare irrimediabilmente segnato. Solo la Runa Magica, eterna forza benigna che veglia sul futuro dell’umanità, può ancora contrastare il perverso disegno di dominazione del re-imperatore Huon, ed essa ha già scelto il suo paladino. Perduto il padre, la sua terra e il suo passato di erede al trono di Koln, Dorian Hawkmoon giace nelle prigioni dell’Impero Nero, ancora inconsapevole del destino che lo attende, mentre i suoi nemici lo tengono in pugno attraverso il sortilegio della Gemma Nera, un terribile gioiello incastonato nella fronte del guerriero… Ma l’ora del riscatto s’avvicina…

http://www.terrediconfine.eu/il-gioiello-della-morte/

 

 

Michael Moorcock, L’amuleto del dio pazzo (La grande storia della runa magica 2)

Dorian Hawkmoon, il duca di Koln, l’eroe che la Runa Magica ha eletto a suo paladino, sta tornando verso la Kamarg. Ma non troverà la pace sperata dopo essersi liberato dal sortilegio del Gioiello della Morte: il castello del conte Brass è stretto d’assedio dagli eserciti dell’Impero Nero, molti suoi amici sono periti in battaglia e la sua amata Ysselda è stata rapita. La luce sinistra dell’Amuleto Rosso si accende sulla strada di Dorian: solo l’eroe della Runa Magica può strapparlo al dio pazzo e usarne i poteri nel nome del Bene…

http://www.terrediconfine.eu/lamuleto-del-dio-pazzo/

 

 

Michael Moorcock, La spada dell’aurora (La grande storia della Runa magica 3)

Dorian Hawkmoon ha già fatto molto per la Runa Magica. Ha affrontato viaggi impossibili e nemici di ogni genere, ha difeso la Kamarg dagli assalti dell’Impero Nero e strappato il potente Amuleto Rosso dalle mani del dio pazzo, ha combattuto. La missione suprema si avvicina: attaccare direttamente l’Impero Nero. Solo un’arma può dare a Dorian la speranza della vittoria: la Spada che comanda la Legione dell’Aurora, un’arma fatale che da secoli la Runa ha destinato al suo eroe…

http://www.terrediconfine.eu/la-spada-dellaurora/

 

 

Michael Moorcock, La runa magica (La grande storia della runa magica 4)

Dorian Hawkmoon è ora pronto per lo scontro finale. Nella destra stringe la formidabile Spada dell’Aurora, con la sinistra sta per levare al cielo la Runa Magica, il simbolo del Bene, lo stendardo che solo gli eroi possono alzare invocando la vittoria…

http://www.terrediconfine.eu/la-runa-magica/

 

 

 

 

 

K.J. Parker, Tutti i colori dell’acciaio

Nella città di Perimadeia le questioni legali venivano risolte in duello e perciò gli avvocati erano in realtà provetti spadaccini. Ma Bardas Loredan era stanco di vendere la sua lama per denaro. Sfuggito miracolosamente alla morte durante una causa, aveva deciso di ritirarsi e aprire una scuola di scherma. Peccato che il destino non fosse d’accordo. I barbari delle pianure pensavano di aver trovato il modo di espugnare la grande capitale, e Temrai, il loro nuovo signore della guerra, aveva cinto Perimadeia d’assedio. Chi altri poteva salvare la città dalla catastrofe e la sua popolazione da una carneficina se non l’ultimo superstite dell’armata di Maxen Pitchfork, il generale che con un piccolo esercito aveva tenuto alla larga per decenni i barbari?

http://www.terrediconfine.eu/tutti-i-colori-dellacciaio/

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in anteprima, Guy Gavriel Kay e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...