Intorno a Brandon Sanderson, a dieci anni di carriera e alla narrativa che cattura

Brandon Sanderson scrive tantissimo, e non lo scopro certo io. Uno sguardo alla sua bibliografia è impressionante: ventuno romanzi già pubblicati (dodici quelli tradotti in italiano), di cui otto di notevoli dimensioni, quindici racconti di varie lunghezze, altri quattro romanzi previsti entro la fine del 2016 (per uno, il terzo di Le cronache della folgoluce, non è ancora sicuro che Sanderson riuscirà a rispettare i tempi previsti, ma preferisco che si prenda tutto il tempo che gli serve per scrivere piuttosto che vederlo affrettare i tempi), mentre altri progetti sono ancora alla fase di abbozzo. Tutto questo in dieci anni. Tralasciando possibili commenti sul numero di romanzi pubblicati da George R.R. Martin (o anche da Patrick Rothfuss, se è per questo) negli ultimi dieci anni, Brandon fa effetto per la quantità ma anche per la qualità di quello che scrive. Anche nelle sue opere più semplici mi ha spinta a divorare le pagine per arrivare alla conclusione, e quando mi trascino, come ora, un libro da due mesi perché non riesco proprio ad andare avanti sento ancor più la differenza. E poi ci sono Le cronache della folgoluce, che dai due romanzi che ho letto fino a ora hanno tutte le carte in regola per diventare una delle serie fantasy più importanti di sempre.

Che Sanderson sia una persona intelligente, e che conosca davvero l’arte di narrare, lo avevo capito ancora prima di leggere un solo romanzo suo. Lo avevo visto dal suo blog, quando ancora Mistborn. L’ultimo impero non era stato tradotto e lui era impegnato a rileggere i libri di La Ruota del Tempo facendo qualche rapido commento a beneficio dei lettori, per rinfrescarsi la memoria su dettagli di trama ma anche sullo stile di Robert Jordan prima di iniziare a sua volta a scrivere quello che sarebbe dovuto essere il volume conclusivo della saga. Che poi da un romanzo progettato ne sono stati pubblicati tre è un altro discorso, che comunque a me ha fatto solo piacere. Più Ruota del Tempo del previsto? E chi sono io per lamentarmene?

Sanderson ha deciso di festeggiare i suoi dieci anni come autore pubblicato – prima, e per diversi anni, ha scritto non so quanti romanzi seguendo la teoria che invece di perdere tempo senza fare nulla mentre aspettava la risposta degli editori poteva scrivere altre cose che magari avrebbero avuto maggior fortuna – ripubblicando il suo primo romanzo, Elantris, in versione deluxe. Di prossima ripubblicazione anche Alcatraz Versus the Evil Librarians, primo romanzo della serie per adolescenti Alcatraz, datato 2007 ma non ancora tradotto in italiano. L’inizio di questo romanzo, che lo stesso Sanderson ha definito molto diverso dalle altre cose che ha scritto, si trova qui: http://us10.campaign-archive1.com/?u=7d056bb7596a3e617f82004b2&id=14a6275239.

Nessuno di questi due libri rientra fra quelli che ho definito di imminente pubblicazione. Le novità sono Mistborn: Bands of Mourning, terzo romanzo incentrato su Wax e Wayne (il secondo, Mistborn: Shadows of Self, è appena stato pubblicato in inglese) previsto per gennaio, Calamity, terzo e ultimo romanzo della serie The Reckoners (il secondo, Firefight, dovrebbe essere tradotto a breve in italiano) previsto per febbraio, Alcatraz Versus the Dark Talent, quinto e ultimo romanzo della serie Alcatraz previsto per l’estate e Oathbringer (sempre che il titolo del terzo romanzo di Le cronache della folgoluce non cambi in futuro) previsto, si spera, per la fine dell’anno.

Tanto per cambiare ho scritto parole su parole e non mi sono avvicinata minimamente al motivo per cui ho iniziato a scrivere. Lo ha detto lo stesso Sanderson, lui non scrive le newsletter solo per fare pubblicità ai libri che sta per pubblicare. I lettori americani sono certamente più informati di quelli nostrani, ma un elenco delle prossime pubblicazioni è relativamente facile da trovare. Ciò che a Sanderson interessa davvero è il contatto con i lettori, il saperli fare sentire speciali. Se siete fan di Sanderson e non siete ancora iscritti alla newsletters iscrivetevi, al suo interno ci sono cose, tipo per esempio le illustrazioni interne di Alcatraz Versus the Evil Librarians che non si trovano nel link che ho piazzato più in su, o il racconto Agent Ving. Il titolo è provvisorio e potrebbe anche cambiare, il racconto lo devo ancora leggere e se lo volete leggere pure voi dovete iscrivervi alla newsletters.

Al di là dell’inizio di un romanzo e di un racconto nella mail che ho ricevuto (e anche nella versione pubblica) ci sono considerazioni interessanti nella sezione Some Random Thoughts.

Ci siamo mai soffermati a riflettere su cosa proviamo leggendo un libro o guardando un film? E perché alcuni libri li rileggiamo (o rivediamo alcuni film) e altri no? Da quando scrivo io mi trovo ad analizzare il mio comportamento, e ad analizzare i testi, molto più di prima.

Sanderson cita il fatto che molti film che ha visto di recente sono stati esperienze forti che però non sono rimaste nella sua mente. I libri rimangono già di più anche perché gli dedica – gli dedichiamo – più tempo, ma forse gli scrittori si preoccupano troppo della trovata iniziale che possa catturare il lettore da iniziare le loro storie con un segnale molto forte che però non diventa mai qualcosa di significativo, non va in profondità. Una delle forze maggiori della narrativa, rispetto ad altre forme espressive, è la sua capacità di far entrare davvero il lettore nella testa del punto di vista e di fargli sentire come se davvero conoscesse quel personaggio. Sanderson cita Robin Hobb come esempio di autore privo di elementi forti che catturino subito il lettore ma capace di entrare così bene nella testa dei suoi personaggi da far sì che quelle storie durino davvero nell’animo di chi le legge. Il contrasto come molti film d’azione moderni, divertenti mentre li si guarda ma incapaci di fissarsi nell’animo dello spettatore perché eroi, antagonisti e ambientazioni sembrano intercambiabili, è forte.

Sanderson non fornisce risposte, la sua non è nemmeno una morale. Si tratta di una semplice considerazione fatta da qualcuno che per scrivere – e come abbiamo visto scrive parecchio – deve continuamente interrogarsi su cosa stia scrivendo e su come lo stia facendo. Io so che da anni non guardo quasi più film di fantascienza o fantasy perché la mia impressione è che le produzioni si interessino più agli effetti speciali che alla trama. Sì, guardo Il trono di spade, ma per quella serie c’è dietro un discorso diverso perché è basata su Le cronache del ghiaccio e del fuoco di George R.R. Martin, e sto scrivendo troppi articoli su Martin per ignorare del tutto la serie televisiva, ma ne sono sempre più lontana. E a livello di romanzi? Con la tetralogia Gli eredi di Shannara mi sono divertita mentre la leggevo, Terry Brooks ha – o almeno aveva, non posso parlare per tutti i romanzi dal 2000 in poi, che non ho letto – uno stile molto scorrevole e davvero ero curiosa di sapere cosa sarebbe accaduto dopo, ma una volta chiuso I talismani di Shannara mi sono resa conto che quei libri non mi avevano lasciato nulla. Magari per altri sono stati libri importanti, Brooks è ancora uno degli autori di fantasy più amati, ma io a un certo punto ho detto basta.

L’immersione per me è altrove, nei romanzi di Silvana De Mari – ho appena assegnato tre stelle ad Hania. Il regno delle tigri bianche, non perché mi sia piaciuto relativamente poco ma perché la trama effettivamente è molto semplice e perché avevo paura che la mia valutazione da quattro stelle fosse legata a una personale passione per i libri di quest’autrice (http://www.fantasymagazine.it/23900/hania-il-regno-delle-tigri-bianche) e non da una valutazione oggettiva del suo valore.

E a proposito di immersione i livelli più alti li raggiungo con i romanzi di Guy Gavriel Kay. In questi mesi sono riuscita a leggere Il paese delle due lune in italiano, poi a rileggerlo in inglese come Tigana perché volevo conoscere le reali parole usate dall’autore e non una loro traduzione (ho scoperto, per esempio, che il personaggio noto in italiano come Celto in inglese si chiama Scelto, così come in La strada dei re viene citata la canasta al posto dell’originale backgammon) e quindi a rileggerlo in italiano perché volevo rivedere alcune cose. Per staccarmi da quel romanzo ho dovuto scrivere un articolo, http://www.fantasymagazine.it/23972/guy-gavriel-kay-tigana-come-una-spada-nell-anima, altrimenti non ne venivo più fuori. Attenzione perché contiene spoiler. Quando scrivo una recensione suppongo che il mio lettore debba decidere se leggere il libro o meno e quindi non rivelo nulla di fondamentale, quando scrivo un approfondimento suppongo che il mio lettore conosca il libro, perciò non mi faccio problemi nel commentare qualsiasi elemento decido di approfondire. E ora sto leggendo per la prima volta in inglese The Summer Tree, come se non avessi letto La strada dei re per l’ennesima volta un anno fa. Ci sono cose da cui riusciamo ad allontanarci, altre invece rimangono sempre con noi, e il valore di un libro non si misura da quanto in fretta riesce a catturarci ma dalla forza con cui lo fa.

Questa voce è stata pubblicata in Brandon Sanderson, Guy Gavriel Kay e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Intorno a Brandon Sanderson, a dieci anni di carriera e alla narrativa che cattura

  1. DybalaJuve ha detto:

    Sono d’accordo sul fatto che molti libri ti lasciano qualcosa in più dei film, ma non è detto che non ti lascino poco. Penso che sia rilevante anche il momento in cui l’hai letto, un periodo particolare della tua vita che ti fa amare ancora di più il libro che hai letto. Il libro più importante per me è Siddhartha di Herman Hesse, è stato uno dei miei primi libri che ho letto da piccolo e tutt’ora lo associo a ricordi della mia infanzia. Anche per i film vale la stessa cosa, molti li associo a momenti passati con la mia famiglia o con persone a me care. Poi ho un particolare ricordo bellissimo di molte serie tv, di cui sono un appassionato: Fringe, Scrubs, How i met your mother ecc… Però non rileggo libri o rivedo film-serie tv perché voglio che rimangano legate a quel ricordo, anche se vago.
    Per quanto riguarda Sanderson continuo a dire che è uno dei migliori nella qualità di scrittura e che sta diventando uno dei miei preferiti, anche se mi mancano ancora tanti suoi libri da leggere 😀
    P.s: scusa per il messaggio-riflessione un po’ lunghino 😛

    "Mi piace"

    • Come prima cosa non giustificarti per la lunghezza del messaggio. Hai visto quanto riesco a dilungarmi io a volte? Tu avevi una cosa da dire e l’hai detta, va bene così.
      Non penso che il messaggio di Sanderson vada inteso nel fatto che i film lascino poco nello spettatore. Semplicemente gli è capitato di vedere, in quest’ultimo periodo, alcuni film che nonostante le premesse alla fine gli hanno lasciato poco. A parità di qualità un libro può (non è detto che lo faccia per forza, è una possibilità) rimanere più a lungo con noi perché gli abbiamo dedicato più tempo, ma se un film è un capolavoro ci rimane dentro comunque.
      Il momento in cui vediamo, o leggiamo, qualcosa è importantissimo, ci sono libri che ho riletto e che per me non hanno retto alla prova del tempo. Altri però mi hanno dato più alla seconda, o alla terza, lettura che alla prima.
      La scelta fra rileggere – o rivedere – è un’altra cosa molto personale. Io sono una rilettrice, ma so che molte persone sono per una lettura sola.
      Di Sanderson io ho letto tutto quello che è stato tradotto in italiano più qualche racconto in inglese. Per ora non mi sono decisa a leggere romanzi in inglese perché scrive troppo, se mi faccio trascinare da lui non mi lascia più tempo per altro. Però prima o poi se vanno avanti a non tradurre determinate opere mi sa che cado in tentazione…

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.