Eva Ibbotson: Miss strega

Se il fumo di un camino soffia controvento è un chiaro segno che c’è qualcosa di strano. Nello specifico per i signori Canker più che di qualcosa si tratta di qualcuno, e cioè del loro figlioletto appena nato.

Come scopre fin dall’inizio il padre, il bambino è un mago nero ma, poiché lui e la moglie sono persone ragionevoli, cambiano il nome del piccolo da George ad Arriman e gli consentono senza problemi di seguire la sua vocazione. Per diversi anni tutto procede per il meglio finché Arriman, ormai famoso come l’Orribile e padrone di un castello, non si rende conto di essere stanco. Solo che non può semplicemente ritirarsi e scrivere un libro, come gli piacerebbe fare, a meno di trovare qualcuno in grado di sostituirlo come signore delle Tenebre e del Male.

E se il nuovo mago visto nel futuro da un’indovina si ostina a non arrivare da solo, per lui la soluzione più semplice è quella di sposarsi e allevare il proprio successore. Peccato che ad Arriman la sola idea di sposarsi ispiri, se non proprio paura, almeno un certo ribrezzo.

Sono queste le divertenti premesse che conducono all’organizzazione del concorso di Miss strega, un concorso aperto a tutte le streghe di Todcaster, la cui vincitrice sarà quella capace di compiere la magia più nera, potente e perversa di tutte. In palio, ribaltando la tradizione delle fiabe classiche che offrono la mano della principessa a colui che si rivelerà capace di sconfiggere una potente forza maligna, la possibilità di sposare Arriman.

La mano del bel tenebroso, non c’è neanche bisogno di dirlo, è ambita da tutte. Quello che sorprende è scoprire le caratteristiche delle aspiranti al titolo, una più assurda e strampalata dell’altra al punto che per il lettore non è difficile capire il perché della riluttanza di Arriman. Fra tutte la sola capace di ispirare simpatia invece di un divertito disgusto è Belladonna che, essendo l’unica maga bianca del gruppo, è anche quella che in teoria non avrebbe alcuna possibilità di vincere. Per quanto possa dire “ogni giorno e ogni sera io divento un po’ più nera” (1) la realtà è che dove cammina lei spuntano i fiori, si sente una musica gioiosa e ogni cosa appare più bella.

A peggiorare il tutto arriva lei, la terribile strega numero 6 della copertina, talmente nera che le altre streghe al suo confronto sembrano quasi sbiadite, e per Belladonna le già esigue possibilità di successo colano improvvisamente a picco. Ma se all’apparenza tutto sembra già stabilito, una volta partito il concorso finirà con il presentare numerose sorprese.

 

Dopo un primo capitolo introduttivo che dalla nascita di Arriman arriva rapidamente al momento in cui lui è ormai un mago famoso desideroso di un po’ di quiete, il romanzo si concentra in una manciata di giorni, quelli necessari all’organizzazione e allo svolgimento del concorso. Un arco temporale abbastanza breve che consente alla Ibbotson di narrare la sua storia soffermandosi su numerosi dettagli senza appesantirla con un’eccessiva lunghezza.

Lo stile leggero, la continua presenza di elementi improbabili o esilaranti inseriti nelle vicende con estrema naturalezza, le numerose sorprese che si susseguono e il ritmo vivace rendono la lettura del romanzo di Eva Ibbotson scorrevole e divertente nonostante la presenza di temi importanti quali il senso d’inadeguatezza della protagonista, la diffidenza delle altre streghe verso chi è diversa da loro o la paura della solitudine. E, come nella migliore tradizione, dopo numerose peripezie il lieto fine è assicurato, con tanto di sorpresa finale che mostra come, incredibilmente, ciascuno ha quel che si merita.

La storia è accompagnata dalle illustrazioni in bianco e nero essenziali e incisive di Teresa Sdralevich. Inquietanti o divertenti ma sempre di grande impatto visivo e animate da personaggi stilizzati o fortemente esasperati e volti dallo sguardo fisso, fungono da perfetto contraltare a un testo capace di strappare ben più di un sorriso.

 

 

1) Eva Ibbotson, Which Witch?, 1979, trad. it. Miss strega, Salani, Milano, 2005, pag. 33.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in libri per bambini, recensione e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...