George R.R. Martin, Elio Garcia e Linda Antonsson: Il mondo del ghiaccio e del fuoco

Se qualcuno comprasse Il mondo del ghiaccio e del fuoco per scoprire cosa fanno i protagonisti delle Cronache del ghiaccio e del fuoco dopo gli eventi narrati nella Danza dei draghi resterebbe deluso. L’ultimo volume pubblicato da George R.R. Martin non porta avanti la saga, anzi si ferma proprio prima dell’inizio della stessa.

Il libro è stato scritto da un ipotetico maestro Yendel, iniziato durante il pacifico regno di re Robert Baratheon, primo del suo nome, re degli Andali e dei Rhoynar e dei primi uomini, lord dei Sette regni e protettore del Reame, e completato dopo alcuni anni di lavoro. Questa almeno è la premessa, vergata con mano elegante nella pagina che precede la prefazione.

Il mondo del ghiaccio e del fuoco è una sorta di enciclopedia dei Sette Regni, iniziata da George R.R. Martin, Elio Garcia e Linda Antonsson diversi anni fa con intenti molto più modesti e cresciuta con il trascorrere del tempo. In un primo momento infatti il volume sarebbe dovuto essere poco più di una racconto, curata da Garcia e Antonsson, di tutte le informazioni storiche reperibili nei romanzi che compongono le Cronache del ghiaccio e del fuoco. Martin si sarebbe dovuto limitare a un testo introduttivo, ma il desiderio di narrare il passato del suo mondo gli ha preso la mano e ha finito per scrivere un testo lungo sei volte tanto quello previsto all’inizio.

Nessuna rivelazione sul futuro dei protagonisti, la parte storica del libro si ferma al glorioso regno di Robert Baratheon, coadiuvato dall’integerrimo Jon Arryn che ricopre la carica di Primo cavaliere. Il punto in cui Martin ha scelto di fermarsi è il più logico, se avesse svelato nuove informazioni sul futuro dei Sette Regni avrebbe fatto spoiler sui libri che deve ancora pubblicare.

Il brano qui sopra è l’inizio della recensione del Mondo del ghiaccio e del fuoco che ho pubblicato il mese scorso su FantasyMagazine. Un’enciclopedia dunque, costituita come se fosse un saggio scritto da un autore che vive a Westeros. Questo ovviamente comporta un punto di vista parziale, le informazioni incomplete, le leccate di culo nel tentativo di ingraziarsi i potenti del momento e via dicendo.

Quando Martin è stato convinto dai coautori e dall’editore a realizzare questo libro ha detto che se proprio lo dovevano fare allora lui voleva che fosse il migliore fra tutti i libri di questo tipo esistenti. Io non ho letto la Guida alla leggenda di Drizzt di R.A. Salvatore di Philip Athans anche perché non avendo mai letto un romanzo di Salvatore per me quel libro sarebbe stato inutile, mi sono divertita con The World of Robert Jordan’s The Wheel of Time, scritto dallo stesso Jordan e da Teresa Patterson, ma in quel caso le illustrazioni lasciano a desiderare e il testo non è al livello di questo di Martin, non ho mai visto The World of Shannara scritto da Terry Brooks e ancora dalla Patterson perché non è mai stato tradotto e Shannara non mi interessa così tanto da leggere qualcosa in inglese (per la verità sono anni che non leggo più nulla neppure in italiano. Edit: Max Contini nei commenti mi ha ricordato una cosa che sapevo ma che avevo dimenticato: il libro è stato tradotto alcuni anni fa, anche se ora è fuori catalogo. Il fatto che io lo avessi completamente dimenticato, salvo poi ricordare di averlo avuto fra le mani una volta che ho cercato una foto della copertina dopo che mi è stata ricordata la sua esistenza, indica quanto poco fossi interessata al libro già allora), e chissà quanti altri libri esistono. Martin voleva realizzare qualcosa che non fosse ritenuto semplicemente l’ennesimo libro di questo tipo e che in qualche modo spiccasse. Con il testo, ha scritto molto più di quanto non avesse ipotizzato all’inizio, e con le illustrazioni, numerosissime e in alcuni casi davvero straordinarie.

Prima ancora che il libro venisse pubblicato ne ho sentito parlare male, con persone che si lamentavano che fosse un libro inutile e che fosse brutto. Sull’inutile se ne può discutere, ovviamente se uno vuole solo sapere se gli Estranei saranno sconfitti, chi sopravviverà alla saga e chi si siederà alla fine sul trono di spade questo è un libro inutile. Se però, come me, si è curiosi su quel mondo e ci si diverte nella lettura, allora il libro è tutt’altro che inutile. Il divertimento non è mai inutile, o lo è nello stesso senso in cui Oscar Wilde ha affermato che tutta l’arte è completamente inutile. Divertirmi? La parola è riduttiva. Non mi sono solo divertita, ho divorato il libro. Non riuscivo a staccarmene, ogni volta che dovevo fare altro – che ne so, andare al lavoro o andare a prendere le bambine all’uscita di scuola – dovevo impormi su me stessa per interrompere la lettura. Brutto? E come lo può dire una persona che il libro non lo può aver visto perché non è neppure stato pubblicato? Eppure ho letto, o mi sono sentita dire, anche questo. Ora ovviamente lo si può dire, ma spero che lo facciano solo persone che il libro lo hanno almeno sfogliato (e in questo caso non potrebbero parlare del testo ma solo delle immagini) e che da quello che hanno visto si siano formate quest’opinione. Un “brutto” per principio non vale nulla.

C’è chi si è lamentato della presenza di Garcia e Antonsson, dicendo che hanno fatto tutto loro. Al di là delle dichiarazioni di Martin secondo cui lui ha scritto un testo molto lungo, la cosa è semplicemente impossibile. Questo non è un saggio, è un romanzo mascherato da saggio. Ci sono davvero tante cose su Westeros e sulle altre terre che nei romanzi non sono mai state dette, e dubito fortemente che Martin abbia mai pensato di concedere una tale libertà creativa a chiunque.

Un ragazzo si è lamentato con me (e sicuramente altri avranno fatto lo stesso ma io non ho mai parlato con loro) perché ha ordinato il libro su internet e solo quando gli è arrivato si è reso conto che non era The Winds of Winter ma un’enciclopedia. Proprio da quella conversazione è nata la frase con cui ho aperto la mia recensione. Ci sono persone che hanno acquistato il libro su internet senza rendersi conto che non era il seguito di A Dance with Dragons. Se fossi cattiva potrei dire che se si fossero degnati di andare in libreria non avrebbero mai fatto quell’errore perché avrebbero visto subito di che tipo di libro si tratta. Ma anche volendo fare l’acquisto su internet, era davvero tanto difficile leggere la descrizione e capire cosa fosse? Se fanno un acquisto sbagliato dovrebbero prendersela con sé stessi per non essere stati attenti prima, non con l’autore che (a loro dire) li ha presi in giro. Martin ha detto chiaramente di che libro si tratta, e i vari siti di vendita riportano una descrizione. Va bene, dato un po’ di colore torno al testo della mia recensione. Se amate non solo la storia ma tutto il mondo comprate Il mondo del ghiaccio e del fuoco. Si tratta davvero di un ottimo libro.

Il fatto che lo scrivente si firmi Yendel e non Martin è una necessità dovuta a motivi pratici ma ha anche risvolti di tipo artistico. Se George avesse scritto una vera enciclopedia avrebbe dovuto rivelare informazioni vitali per i romanzi come l’origine e lo scopo degli Estranei o, più in piccolo, l’identità della madre di Jon Snow. L’autore dei romanzi in fondo deve conoscere il mondo che ha creato, e un’enciclopedia non avrebbe alcun valore se contenesse informazioni false o incomplete. Ma anticipare rivelazioni di questo tipo fuori dai romanzi avrebbe tolto parte dell’attrattiva da quelli su cui Martin sta ancora lavorando.

Immaginando però che l’autore sia un abitante dei Sette regni le cose cambiano. Yendel può in buona fede ritenere che gli Estranei non siano mai esistiti mentre il lettore ridacchia con una sensazione di consapevolezza di quante cose non sappia il presunto maestro. Analogamente Yendel può permettersi di presentare svariate storie in tono dubitativo, indicandole come episodi leggendari senza sbilanciarsi su cosa sia accaduto davvero.

Di molti di questi episodi o personaggi, della regina Nymeria e delle sue diecimila navi, di Lann l’Astuto o di Brandon il Costruttore, il lettore ha già trovato svariate tracce nei romanzi e ritrovarli qui è affascinante anche se la loro storia, pur approfondita, rimane frammentaria o avvolta dall’incertezza. E molte volte lo scrittore fa capolino strizzando l’occhio al lettore con omaggi a opere moderne come i Muppet e antiche come la leggenda di Guglielmo Tell.

Non sono comunque citazioni forzate, inserite per quella presunta voglia di allungare artificialmente i libri di cui talvolta viene accusato Martin. L’omaggio può essere colto o meno, ma rimane comunque inserito in un contesto affascinante che dimostra ancora una volta la notevole fantasia dell’autore.

Il mondo del ghiaccio e del fuoco narra la storia del mondo così come è conosciuta dai maestri della Cittadella. L’attenzione principale è rivolta a Westeros, la terra in cui vivono tanto Yendel quanto il sovrano a cui l’opera è dedicata, ma non dimentica uno sguardo a Essos e a terre ancora più lontane e insolite. Le origini sono giustamente avvolte nelle leggende del Tempo dell’Alba, ma man mano che il racconto procede gli eventi leggendari e le incertezze diminuiscono per lasciare spazio alla storia. La seconda e la terza parte del libro sono dedicate a Casa Targaryen, dal suo salvarsi — unici fra tutti i signori dei draghi — dal Disastro di Valyria alla Conquista e a tutti i sovrani seguiti ad Aegon il Conquistatore. Quei quasi tre secoli che fino a ora erano noti solo grazie allo scarno elenco dei sovrani Targaryen presente al termine di A Game of Thrones(Il trono di spade e Il grande inverno) e a qualche accenno all’interno dei cinque romanzi delle Cronache del ghiaccio e del fuoco prendono vita in queste pagine in tutta la loro drammaticità. Guerre, matrimoni dinastici, alleanze, tradimenti, crudeltà, astuzie e stupidità si susseguono un episodio dietro l’altro, al punto che non si può non rimanere ammirati per l’incredibile quantità di storie che Martin è stato capace di creare. I personaggi che animano queste pagine sono innumerevoli, anche se a volte sono tratteggiati con poche righe e lasciano il lettore con il desiderio di saperne di più.

Martin una volta di più dimostra la sua abilità nel condurre il filo della narrazione come vuole. Se la guerra nota come la Danza dei Draghi viene descritta con accuratezza, il periodo delle varie ribellioni dei Blackfire è convincente, e adeguato al libro, ma lascia allo scrittore ampio spazio per le sorprese che potrebbe decidere di narrare in eventuali altri racconti incentrati su Dunk ed Egg successivi a quelli compresi nel Cavaliere dei Sette Regni. Quanto agli stessi Dunk ed Egg, che non potevano non comparire, George riesce a fornire nuove informazioni senza rivelare nulla di fondamentale e contemporaneamente senza dare l’impressione che Yendel sia stato deliberatamente reticente. L’uso, fra le fonti del maestro, di altre opere spesso frammentarie o di dubbia verosimiglianza, aggiunge piuttosto verosimiglianza alle sue stesse parole.

Un tocco delizioso poi è quando lo scrivente arriva a parlare della fine dei Targaryen e del glorioso regno di Robert Baratheon, per il quale usa un tono adulatorio con cui spera indubbiamente di accattivarsi il favore del sovrano.

Con Aerys il Folle viene tratteggiata la fine di Casa Targaryen, quindi Yendel riprende il suo viaggio nei Sette Regni interessandosi specificamente di ciascuno dei vari territori che lo compongono, e anche qui le rivelazioni sono molte. La più importante forse è quella che narra della gioventù di Tywin Lannister e che spiega nei dettagli quali fatti abbiano portato alla nascita di una canzone come Le piogge di Castamere.

Anche se la forma è quella di un saggio di storia questo libro è comunque una narrazione. Per questo il tono del testo si adatta al soggetto, dall’epico al cronachistico con un continuo affiancamento di dubbi, dati reali, opinioni personali, certezze (che il lettore sa spesso essere del tutto ingiustificate) e servilismo.

Il volume è riccamente illustrato. Presentandosi come un manoscritto che Yendel dedica al sovrano le pagine sono ingiallite come quelle di un antico codice, debitamente scurite ai bordi e spesso comprendono illustrazioni, da piccoli disegni in bianco e nero ad altre che si estendono per l’intera pagine. Fra gli artisti che hanno collaborato alla realizzazione dell’opera ci sono Jordi González Escamilla, Michael Gellatly, Michael Komarck, Ted Nasmith, Paolo Puggioni, Marc Simonetti, Chase Stone, Philip Straub e Justin Sweet.

Il mondo del ghiaccio e del fuoco non porta avanti la storia. Non può né intende farlo, e questo è evidente fin dalla prima pagina con la dedica a un sovrano il cui nome è stato cancellato e sostituito da un altro. Chi è interessato solo alla conclusione della saga può tranquillamente ignorare il volume sapendo che non si perderà nulla, ma per chi ama viaggiare nel mondo secondario creato dalla penna di George R.R. Martin questa è la migliore guida che si potesse immaginare.

E se ancora non siete convinti questa è la recensione di Pat:

http://fantasyhotlist.blogspot.it/2014/12/the-world-of-ice-and-fire.html

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in George R.R. Martin, recensione e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

7 risposte a George R.R. Martin, Elio Garcia e Linda Antonsson: Il mondo del ghiaccio e del fuoco

  1. Alessio Castellini ha detto:

    Libro meraviglioso! Ho avuto i tuoi medesimi problemi, smettere la lettura per dedicarmi al lavoro o alla vita sociale mi intristiva. Sono l’unico però, di tutta la cerchia di lettori delle Cronache che conosco, che ha comprato il libro; ho notato che, in generale, la gente è più interessata a sapere cosa succederà in futuro (chi morirà, chi conquisterà il trono) che ai dettagli e alla storia del meraviglioso mondo creato da Martin.

    • Si, i lettori sono divisi in due gruppi: quelli che vogliono sapere tutto, e che amano questo libro e anche i tre racconti di Dunk ed Edd, e quelli che vogliono solo conoscere la fine della storia, e che reputano superfluo tutto il resto.
      Io la penso come Martin: per la trama di un libro è sufficiente un bigino, se ci si vuole immergere nel mondo anche opere come queste sono meravigliose. L’unico libro inutile, ma quello è stato ideato e curato da una editor di Martin e non dallo stesso scrittore, è L’arguzia e la saggezza di Tyrion Lannister.

      • francescocò ha detto:

        io penso di essere un terzo gruppo: quelli che comprano il libro per sapere tutto am non hanno poi tempo di leggerlo e lo lasciano lì! però, a differenza de “il magico mondo di Shannara” che ho in libreria e che mai aprirò, questo dopo che avrò finito “il signore della torre” di ryan e dopo che avrò letto “parole di luce” me lo leggerò di sicuro.

        • Penso che a tutti i lettori di tanto in tanto capiti di comprare un libro perché lo vogliono leggere, di accantonarlo perché al momento non hanno tempo convinti di riprenderlo nel giro di uno, massimo due mesi, e poi finire con il non leggerlo mai.
          Quando è uscito io mi ero già stancata di Brooks, con Shannara sono ferma alla prima trilogia, alla tetralogia degli Eredi e al primo re. Da quando lavoro in libreria (2001) l’unico libro suo che ho letto è l’autobiografia, la prima volta per curiosità e la seconda volta per poter scrivere un articolo per Effemme. Lo so, sono fissata, a volte leggo anche più di un libro per un solo articolo che leggeranno poche persone…
          Ora penso che se per caso mi imbatterò in quel libro in qualche offerta sulle bancarelle lo comprerei come fonte per eventuali futuri articoli, ma certo non mi metterò seriamente a cercarlo.

  2. Max Contini ha detto:

    Ciao Martina, giusto una precisazione: “The world of Shannara” è stato tradotto in italiano anni fa, io lo possiedo, anche se ancora non l’ho letto.
    E’ di un editore minore di cui adesso non ricordo il nome ed essendo in ufficio non posso controllare.

    • Ok, grazie per la precisazione. Ho appena controllato ed è un Armenia, editore che prima di fallire ha pubblicato un buon numero di fantasy, principalmente Dragonlance, Forgotten Realms e scrittori tedeschi, ma che è stato anche l’editore italiano di Steven Erikson. Lo avevo completamente rimosso dalla memoria, ma vedendo la copertina so di averlo venduto. L’ho mai aperto per dare almeno un rapido sguardo al contenuto? Non ricordo.

  3. Pingback: George R.R. Martin e Gardner Dozois: La principessa e la regina e altre storie di donne pericolose | librolandia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...