Il regno dei lupi di George R.R. Martin. Capitolo 13: Jon

Il nostro viaggio oltre la Barriera prosegue con la visione di un albero-cuore. Secondo coloro che credono negli antichi dei non si può mentire davanti a uno di questi alberi perché gli dei se ne accorgerebbero, ed è proprio davanti a uno di questi alberi che Jon e Sam hanno prestato il loro giuramento nel Grande inverno. George R.R. Martin dedica parecchio spazio alle religioni, abbiamo gli Antichi Dei, i Sette, il Dio Abissale, R’hllor e suppongo qualche divinità minore che al momento mi sfugge. Ma quanto c’è dietro a questi dei? In un fantasy non si può mai dire in anticipo, possono essere solo fedi, più o meno vuote, o il dio può essere in grado di agire direttamente o di donare particolari poteri ai suoi seguaci.

Davvero non si può mentire davanti a un albero-cuore? Comunque ho anche un’altra domanda. Perché quelle ossa sono lì? Non mi chiedo, invece, perché bruciare i morti. Conosciamo già tutti la risposta.

Segnalo l’arrivo in scena di Edd l’Addolorato, l’uomo più pessimista di tutti e sette i regni. Come abbiamo fatto fino a ora senza i suoi commenti a tirarci su di morale? Per ora comunque si fa lavoro di pattuglia. Necessario ma anche noioso, e non basta notare che un paio di corvi sappiano dire snow per eccitarsi. In fondo che importanza può avere quella parola?

Sembra incredibile, ma questa tappa nel Regno dei lupi si ferma qui, con un nulla di fatto. Il capitolo è breve e le informazioni sono pochine, qualcosa di contorno, la presentazione di un personaggio e un elemento talmente insignificante da passare inosservato. Quello che domina è l’attesa, unita alla sensazione di minaccia incombente.

Questa voce è stata pubblicata in George R.R. Martin rilettura e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Il regno dei lupi di George R.R. Martin. Capitolo 13: Jon

  1. PPP ha detto:

    Scommetterei che le ossa, avvolte in un mantello nero, ce le ha lasciate Benjen Stark prima di sparire momentaneamente dalla circolazione.

    Mi piace

    • Anche i Bruti sanno come bisogna comportarsi con i morti, e pure loro adorano i Vecchi dei. Certo, il mantello nero fa pensare a un Guardiano della notte e penso che siamo in molti a sperare di avere, prima o poi, informazioni certe su Benjen. è possibile che sia stato lui, ma potrebbe anche essere stato qualcun altro. E forse non conosceremo mai la risposta.

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.