Ebook

 

DSCN2105

Perché alcune frasi sono così terribilmente difficili da scrivere? Un paio di paragrafi scorrono via facilmente, sembra che tutto vada bene, e poi all’improvviso ci si blocca e non si riescono a mettere giù più di due parole di fila. Si corregge, si ricorregge, ma ancora non va. No, non mi sto riferendo a quest’articolo, che in realtà non ho neppure iniziato e non so bene dove mi porterà. Mi riferisco a un articolo di quelli seri, che non ne vuole proprio sapere di lasciarsi finire. Ho già appurato che cioccolata e Kurt Browning sono, in due modi diversi, terribilmente deleteri, perciò ora mi sono buttata sulla tastiera (come se non ci fossi già).

No, è meglio se la pianto e torno all’altro file, perché quando mi lascio trasportare dall’umore del momento non la smetto più.

Qualche giorno fa ho ricevuto il numero 70 di Robot. Al suo interno un editoriale di Silvio Sosio è incentrato sugli ebook. Che Silvio sia un amante degli ebook lo so da tempo. È un informatico, quindi è normale che sia così, e da quel che so in casa ha anche notevoli problemi di spazio dovuti a librerie ormai straripanti.

È un problema serio, a cui tutti noi lettori famelici dobbiamo periodicamente far fronte. Fino a quando si trova un angolino di parete libero dove poter aggiungere una mensola in più si sa che c’è un minimo margine di respiro. Io so di avere ancora due ripiani vuoti a metà, un ripiano aggiuntivo già comprato che aspetta solo che io lo metta in posizione (e ho ancora margine per comprarne un altro) e quattro mensole che mi si sono liberate del tutto nel momento in cui ne ho aggiunte due più lunghe in un’altra stanza. Complessivamente sono oltre 5 metri di nuovi libri che posso aggiungere senza dovermi piegare a ipotesi orribili come la doppia fila, per quest’anno e il prossimo non avrò problemi e poi si vedrà. Anche perché ho già eliminato la gran parte della fuffa e della roba inutile che potevo far saltare via, regalando ad amici o alla lotteria della scuola libri che non mi erano piaciuti o portando in solaio cose come i libri sulla maternità o la Bibbia in 12 volumi regalatami da mia suocera. Ne ho già una in volume unico, con sopra anche tutti i miei appunti di storia dell’arte, e anche se ormai è semi distrutta è lei che voglio. E per l’utilizzo che ne faccio io basta e avanza.

Però c’è chi è ridotto peggio di me, e capisco la sua impossibilità a far entrare in casa nuovi volumi, perciò un file su un lettore è una soluzione molto comoda. Considerando il mio animo ecologista io dovrei essere favorevole, perché un libro elettronico non richiede la carta necessaria a un libro normale. Ho letto battute relative al fatto che sono state abbattute intere foreste per pubblicare la saga di Robert Jordan. In effetti parecchio tempo fa la saga aveva superato i 50 milioni di copie vendute, e sono libri molto grossi. Quanta carta è stata necessaria per stamparli? Quanti alberi sono stati abbattuti? Però no, sui libri proprio non riesco a essere ecologista. Mi sposto quasi esclusivamente in bici anche d’inverno (anche perché mi piace andare in bici), non accendo la luce se non è davvero necessario, riparo quel che è riparabile invece di buttare via l’oggetto vecchio e comprarne uno nuovo, mi porto sempre dietro la mia borsina di stoffa rifiutando tutti i saccheti dei negozi in cui faccio acquisti e così via, ma i libri non me li può toccare nessuno.

Avete visto la foto in cima? La uso quando parlo genericamente di libri, in modo da non metterne arbitrariamente in risalto uno solo. Ovviamente è la mia libreria. La foto risale ormai a qualche mese fa, perciò i libri non sono più tutti nella posizione in cui li vedete, ci sono diversi nuovi ingressi e qualche libro è finito sull’altra parete, quella dove ho ancora spazio, ma non mi metto certo a fare una foto nuova a ogni acquisto.

Mi piace sfogliare la carta. Mi piace sentire la consistenza delle pagine, guardare se ce ne sono di più dal lato che ho già letto o da quello che devo ancora leggere. Mi piace fermarmi sul divano a guardare la parete. A volte, semplicemente guardando le coste, decido di prendere in mano un determinato libro o mi metto a riflettere su qualche articolo che potrei scrivere. Un lettore di ebook non mi offre la stessa possibilità.

Lo so che ci sono gli scaffali interni, ma non è la stessa cosa. Non se ne vedono così tanti con un solo sguardo, e non hanno lo stesso accattivante aspetto. Da Natale ce l’ho un lettore, me l’ha regalato la suocera. Non è la stessa cosa, ma ora sto iniziando ad avere strani pensieri.

Fanucci ha lanciato una promozione, 15 giorni per 15 romanzi: http://www.fanucci.it/blog.php?id=648. Fino al 28 gennaio venderà 15 dei suoi ebook a soli 1,99 €, e nel periodo di Natale aveva fatto un’altra offerta al ribasso con un numero molto più alto di libri.

Non ho quasi mai parlato di ebook sul blog, e non credo di aver mai parlato di campagne sconto. Onestamente i pezzi sulle campagne sconto sono noiosissimi da scrivere, si mettono insieme una manciata di dati e basta. E la ricerca dell’elenco completo è una vera seccatura perché significa andare sui siti dei vari editori per vedere chi è stato tanto furbo da dedicare uno spazio alla sua promozione. Ce ne sono un bel po’ di editori che fanno le campagne sconto e poi non si pubblicizzano neppure, dei veri geni. Così, dopo aver buttato via tempo nella ricerca, mi rassegno e metto il link a ibs, anche se non mi piace mettere il link a un sito di vendita. L’ho sempre fatto perché penso siano informazioni utili per chi mi legge, ma mi annoio e potrei anche smettere.

Per gli ebook non l’ho mai fatto. Come detto, gli ebook non mi piacciono. E poi io sono una libraia, mentre mi è abbastanza semplice reperire informazioni sui libri, un prodotto che vendo, non so bene come muovermi per reperire informazioni sugli ebook. So che ne esistono di molto richiesti, come quelli relativi ai primi tre romanzi delle Cronache del ghiaccio e del fuoco di George R.R. Martin. Per la cronaca, anche se lo sapete quasi tutti, il primo volume è composto da Il trono di spade e Il grande inverno, il secondo da Il regno dei lupi e La regina dei draghi, il terzo da Tempesta di spade, I fiumi della guerra, Il portale delle tenebre. Non ho idea di quando saranno pubblicati le versioni elettroniche del quarto (Il dominio della regina e L’ombra della profezia) e del quinto (I guerrieri del ghiaccio, I fuochi di Valyria e La danza dei draghi). So che la traduzione dei primi tre è stata in parte corretta, prima o poi riuscirò pure a parlerna in modo più approfondito.

Un lettore mi ha anche segnalato che esiste l’ebook di Memoria di luce, quattrodicesimo volume della Ruota del Tempo firmato da Robert Jordan e Brandon Sanderson. Harriet McDougal, la vedova di Jordan, odia gli ebook, e hanno dovuto convincerla ad autorizzare la realizzazione della versione originale. Se ora in italiano esiste questo c’è qualche speranza che possa autorizzare la realizzazione anche degli altri tredici volumi, quattordici se contiamo anche il prequel.

Dei quindici ebook presenti nella campagna Fanucci possiedo sette libri in versione cartacea, uno l’ho letto prendendolo in prestito in biblioteca e un altro mi incuriosisce e forse prima o poi lo leggerò. E quindi cosa conto di fare? Niente, probabilmente, ma avete idea di quanto sia forte la tentazione? Non tanto di comprare quell’ebook, quanto di comprare Mistborn. L’ultimo impero, Il conciliatore ed Elantris di Sanderson. Li ho già tutti e tre, ma sono di carta. Non è un difetto, li amo così, anche se è ovvio che la storia è molto più importante del supporto. Però quando sono in vacanza sono sempre molto limitata nelle mie possibilità di scrivere articoli perché non ho con me i libri su cui cercare i passi che mi interessano, e che eventualmente potrei anche decidere di citare. Mi porto già dietro una borsina con diversi libri, non posso portare tutta la libreria perché non ho modo di sapere in anticipo cosa potrei desiderare di citare. Con gli ebook sì, però. Da qui la mia tentazione.

Torniamo a Silvio. Nel suo editoriale ha fatto notare come il formato eletronico sia svincolato dal problema della lunghezza. Non si può fare un libro di 20 pagine (lasciamo stare i libri per bambini, quello è un altro discorso). Ci sono storie bellissime di 20 pagine, o anche più brevi. Come pubblicarle, se non in antologie o riviste? Con l’ebook il problema non si pone. Come scrive Silvio “non c’è più la necessità di mettere assieme un numero di pagine maggiore di X e minore di Y per rendere il libro un prodotto fisico commerciabile. Non ci sono neanche più, le pagine!

L’improvvisa sparizione di un limite fisico favorisce la varietà dell’offerta”. E ancora “L’ebook consente oggi di tornare a mettere in vendita, con la stessa dignità del romanzo, il racconto”. Silvio lo fa dalla prospettiva dell’amante di fantascienza, conscio di quanto la lunghezza breve sia stata importante per lo sviluppo del genere, ma la cosa vale per tutti. Sanderson ha pubblicato dei racconti in formato ebook, e magari prima o poi deciderò di acquistarli. In fondo la lunghezza di una storia per me non è mai stata determinante. Amo i libroni, ma ho letto anche racconti brevi meravigliosi.

Dubito che qui mi metterò spesso a parlare di ebook, e certo guardo con preoccupazione il loro arrivo pensando al futuro del mio lavoro, ma un pensierino come archivio portatile – non come fonte principale di lettura – e come possibilità di leggere testi brevi che altrimenti rimarrebbero inediti non posso non farlo.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Brandon Sanderson, editoria, George R.R. Martin, Robert Jordan, sconti e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

7 risposte a Ebook

  1. francesco ha detto:

    ho visto che tra gli ebook in offerta di Fanucci c’è anche “Il canto del sangue” di Anthony Ryan: è un libro splendido, che io consiglio a te e a tutti! veramente uno dei più bei libri di fantasy da me letti negli ultimi anni, ed io leggo MOLTO (non i ebook, io amo la carta, tenere in mano un libro, leggerlo e poi metterlo in libreria accanto agli altri!)

  2. transalcolico ha detto:

    Completamente, assolutamente, in ogni parte concordo con te.
    Anche io amo i libri. Anche io non riesco ad apprezzare a pieno i formati digitali.
    Tempo addietro, quando avevo appena acquistato questo PC, ero capitato per caso su di un altro Blog. Era fatto bene e divertente, il ragazzo che lo ha creato e lo gestisce pubblica spesso recensione di libri e racconti, una di queste mi aveva colpito particolarmente e quindi avevo scritto un commento chiedendo se esisteva l’edizione cartacea, perché per me un buon libro va gustato su carta… Sono stato brutalizzato…
    scrivevo:
    “Alex, dalla tua recensione sembra un buon libro,
    mi hai quasi convinto, quasi…
    però hai indicato solo il prezzo della versione ebook,
    … Giudicatemi ”vecchio”, ma io non riesco ad apprezzarli, per me la lettura è sempre un’esperienza che non può non prescindere dalla ”carta”, dal suo profumo, dalla sua consistenza sotto i polpastrelli quando giri pagina, dal peso stesso del libro tra le mani..- Leggere sulla mia poltrona con dietro il caminetto acceso che mi illumina le pagine, o sdraiato in spiaggia sul lettino a leggere mentre mi abbronzo…
    I libri poi mi piace collezionarli, archiviarli, registrarli, pulirli, restaurarli. Rileggerli quando le pagine ingialliscono e tradiscono il tempo che è passato dall’ultima volta che hai incontrato quei personaggi, che tanto ti hanno attratto…
    …Scusa la divagazione il Blog è il tuo…
    Insomma quanto costa la versione ”cartacea”?????”

    Questo è il divertente link della recensione con a seguito i commenti:

    http://alessandrogirola.me/2013/05/31/la-maschera-di-pazuzu-di-vito-introna/

    • Non ho parole. Il mondo è troppo pieno di gente convinta di essere depositaria della verità assoluta. Fino a quando la pensi come loro va tutto bene, ma se hai gusti diversi allora è spazio libero per l’aggressione o l’insulto. Conosco anch’io persone così, l’unica cosa che ottengono con questi commenti è farmi sospettare che il loro cervello sia più piccolo di quello di una formica e farmi ignorare ogni loro affermazione.

  3. cooksappe ha detto:

    Preso l’ebook reader!

  4. Marco Picozzi ha detto:

    La penso esattamente come te e gli altri commentatori: il piacere di sfogliare le pagine, anche di sentirne l’odore, di sentire tra le mani quello che sto leggendo, alla fine della lettura metterlo nella libreria (in rigoroso ordine alfabetico per autore) e guardarlo lì, insieme a tutti gli altri. E mi dicevo che mai avrei rinunciato a tutto questo, finché un bel giorno… Ho fatto l’acquisto, non mi ricordo neanch’io bene perché, forse la curiosità di provare. Il mio lato nerd ha prevalso. Alla fine mi sono convinto che quello che conta è il contenuto, quello che leggo, non come lo leggo.
    Oggi, più di un anno dopo, non tornerei indietro. Principalmente per la comodità, la praticità: poter leggere con una mano sola e/o al buio (mentre faccio addormentare mia figlia); la possibilità di scegliere il carattere, le dimensioni del testo, l’interlinea; non dover portare in borsa due libri (viaggio in treno) quando sto per finirne uno; le dimensioni e il peso ridotti (non tutti i libri stanno nella tasca del giubbotto)…

    Sia chiaro, lungi da me voler convincere qualcuno ad abbandonare la carta, ho solo raccontato la mia esperienza. E comunque, sarà per nostalgia, alcuni libri (che mi sono piaciuti particolarmente o comunque dei miei autori preferiti) continuo a comprarli anche “fisicamente”.

    • Capisco perfettamente i tuoi discorsi sulla praticità. Io sento il problema dell’assenza dei libri quando sono in vacanza, ma andando al lavoro in bici non ho quasi mai quello di doverne portare due in borsa perché mi sto avvicinando alla fine di quello che sto leggendo. Quanto al leggere al buio perché sto addormentando la figlia, ormai ho superato questa fase ma tre anni fa la cosa mi sarebbe tornata davvero utile. Può darsi che prima o poi mi arrenderò anch’io alla tecnologia, ma per ora non conto di farlo. Comunque il tuo mi sembra l’atteggiamento giusto, quello che invece non hanno avuto le persone in cui è incappato transalcolico: esprimi il tuo punto di vista e non hai problemi riguardo al fatto che gli altri abbiano il loro.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...