Il trono di spade di George R.R. Martin per principianti

Il 2 maggio Rai 4 inizierà a trasmettere la prima stagione del Trono di spade di George R.R. Martin. Chi mi legge da anni – nove sul forum di www.labarriera.net con il nome di kindra, sei e mezzo su www.fantasymagazine.it e quasi due e mezzo su questo blog – sa quanto io conosca lo scrittore e quanto ne abbia parlato. Per loro probabilmente questi brani, George R.R. Martin per principianti, sono una ripetizione di quanto già scritto altre decine, se non centinaia, di volte. Però mi aspetto un aumento di interesse sullo scrittore, e certe cose vanno spiegate per evitare difficoltà a chi non le conosce.

Martin ha iniziato a scrivere Le cronache del ghiaccio e del fuoco nel 1996. Al momento ha scritto cinque romanzi, diventati dodici volumi nell’edizione italiana. Ne ho già parlato, ma uno di questi giorni conto di pubblicare un altro elenco riassuntivo con gli ultimi aggiornamenti. La saga si è conquistata il pubblico in maniera lenta, almeno all’inizio, ma costante. Le vendite dei romanzi non hanno fatto che aumentare fino a raggiungere cifre fino a poco fa impensabili. La fama della saga, già una delle più importanti per gli appassionati del genere fantasy all’inizio del millennio, ha avuto un notevole incremento con la realizzazione della serie Il trono di spade da parte di HBO.

La prima stagione è stata trasmessa a partire da aprile 2011 negli Stati Uniti (HBO) e da novembre 2011 in Italia (Sky). La seconda stagione è iniziata nel marzo del 2012 negli Stati Uniti (HBO) e nel mese di maggio 2012 in Italia (Sky). La terza stagione è iniziata negli Stati uniti il 31 marzo, il che significa che al momento hanno trasmesso solo le prime 4 delle dieci puntate già realizzate. In Italia la terza stagione arriverà, sempre su Sky, il 10 maggio. Si sa che certamente verrà realizzata una quarta stagione, e considerando i tempi passati possiamo aspettarci la realizzazione delle riprese fra estate e autunno, poi tutto il lavoro di montaggio, effetti speciali e via dicendo per una nuova trasmissione nella prossima primavera.

Da pochi giorni è in vendita il cofanetto contenente tutti i 10 episodi della seconda stagione, mentre quello relativo alla prima stagione è in vendita già dallo scorso autunno. Sono tante le persone che conoscono la storia, che si sono appassionate alle sorti della famiglia Stark, di Daenerys Targaryen, di quel Tyrion Lannister interpretato dal bravissimo Peter Dinklage e di tutte le altre figure vivono un una terra dove le stagioni possono durare anni interi e dove il tradimento e gli intrighi sono all’ordine del giorno. Ma per chi non ha Sky, non ha la capacità o la voglia di scaricare gli episodi da Internet e ha preferito non spendere i suoi soldi per il cofanetto senza sapere se gli sarebbe piaciuto, questa è la prima opportunità di vedere Il trono di spade. A questo link (http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/page/Page-f9c2068b-09ed-46ed-8073-8bfc77ddf4e1.html) è possibile vederne un breve video di presentazione, ma dice ben poco. Giusto la data e l’ora d’inizio, e mostra qualche immagine dei protagonisti. Già, i protagonisti.

Il trono di spade, e qui sto parlando del romanzo, è chiuso da un appendice di 19 pagine dedicato all’elenco delle Nobili Case che abitano il continente di Westeros e all’albero genealogico della precedente dinastia regnante, quella dei Targaryen. Ma uno spettatore non ha a disposizione nulla del genere, come non ha a disposizione la cartina, fondamentale per gli spostamenti di Eddard Stark, Jon Snow e di tutti gli altri. La mappa della sigla è bella ma troppo rapida perché un non lettore possa capirla, per questo la ripropongo qui. Quando tre dei miei colleghi che non avevano letto i romanzi hanno iniziato a guardare la serie hanno iniziato a sommergermi di domande perché tante cose non gli erano chiare. Con questo non sto dicendo che è inutile guardare la serie perché non si capisce nulla, se loro chiedevano è perché erano ansiosi di saperne di più tanto erano stati coinvolti. E loro non sono lettori di fantasy.

Questa saga è un caposaldo per chi ama il fantasy. All’inizio gli elementi fantastici sono davvero pochi ma aumentano gradatamente. Quello che conta è che è scritta benissimo, e che sta ridefinendo i confini del genere. Questa saga è spettacolare anche per coloro a cui non importa nulla della fantasy. Se A Dance with Dragons continua a essere uno dei libri più venduti degli Stati Uniti a quasi due anni dalla sua pubblicazione significa che le storie di Martin sono apprezzate anche da chi generalmente ignora il fantasy. Se Martin è stato l’autore più importante del 2012 per il mercato italiano in edizione tascabile, idem. Questa è una storia di persone. Come ha detto William Faulkner nel suo discorso di accettazione del Premio Nobel nel 1950, l’unica cosa di cui valga la pena narrare è il cuore umano in conflitto con sé stesso. Martin ha fatto propria quest’affermazione, e i suoi personaggi sono straordinariamente vivi. Solo che sono tanti.

Quando la saga stava per arrivare per la prima volta su Sky avevo preparato una breve guida per aiutare i lettori a capire chi erano le varie figure. A dare un nome ai volti, a spiegare le parentele e alcune delle loro motivazioni e a fornire un minimo di base storica che permette di capire meglio i conflitti – dichiarati o sotterranei – che ruotano intorno al trono. Non ci sono spoiler, quel che non è detto fin da subito nella serie non l’ho scritto, le sorprese è meglio averle guardando (o leggendo) Il trono di spade.Per il resto potete guardare qui: http://www.fantasymagazine.it/approfondimenti/15710/il-trono-di-spade/

E se la mappa che ho inserito più in alto non vi basta, provate a guardare queste realizzate da Jonathan Roberts per il cofanetto The Lands of Ice and Fire: http://www.fantasticmaps.com/the-lands-of-ice-and-fire/.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in George R.R. Martin per principianti e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.