Potterologia. Dieci as-saggi dell’universo di Harry Potter

Tempo fa avevo segnalato che sarebbe stato intitolato un libro dal curioso titolo Potterologia. Poi, impegnata in mille altre cose, me ne ero dimenticata. Rimedio ora con una breve scheda realizzata dagli autori del libro e corredata da qualche mio commento. In fondo se mi annoia limitarmi a trasferire i comunicati stampa negli articoli per FantasyMagazine, e cerco sempre di inserire qualche notizia in più, perché qui dovrei comportarmi in modo diverso?

Il titolo completo dei libro è Potterologia – dieci as-saggi dell’universo di J.K. Rowling, costa 10,00 € per una lunghezza di 224 pagine ed è stato pubblicato nel mese di ottobre da una piccola casa editrice dal curioso nome di Camelozampa. E già che ci siamo, visto che mi hanno fornito anche quest’informazione, l’illustrazione di copertina con polle e alambicchi è stata realizzata da Giovanni Nori, mentre quelle interne sono opera di Barbara Lenti Livraghi.

Al libro è collegato un blog: http://potterologia.wordpress.com/. Al suo interno si trovano, fra l’altro, alcuni booktrailer (http://potterologia.wordpress.com/contatti/), un estratto (http://potterologia.files.wordpress.com/2011/10/potterologia-estratto.pdf), una rassegna stampa (http://potterologia.wordpress.com/sala-stampa/) e un filmato della Fondazione Theodora (http://potterologia.wordpress.com/about/). Segnalo in particolare la recensione firmata da Pia Ferrara per FantasyMagazine: http://www.fantasymagazine.it/libri/15167/potterologia/

Esaurito l’elenco dei link passo alla quarta di copertina:

Cosa accade se si riunisce in un solo volume un gruppo di esperti potteriani?

Si ottiene un lavoro caleidoscopico come quello che avete in mano ora. Dieci colori e sapori diversi, insoliti, innovativi, disposti secondo una formula, quella antologica, ancora inedita per il panorama potterico italiano.

Agili ma approfonditi, questi mini-saggi gettano luce su aspetti ancora insondati del mondo di Harry Potter e il lettore si troverà dunque a contemplare una girandola di spunti in grado di prolungare ancora un po’ il piacere di essere immerso nel fantastico universo creato da J.K. Rowling.

Gli orizzonti si schiudono su un panorama variegato quanto le famose Gelatine Tuttigusti+1: da uno sguardo alle Ombre oscure della vicenda a quello sulle numerose figure materne; dagli eterei segreti alchemici a quelli più prosaici, ma non meno interessanti, di una traduzione ben riuscita; dai trucchi per una perfetta resa cinematografica delle complesse sfaccettature di Voldemort, all’approccio naturalistico ed eco-etologico agli animali della saga; dall’umorismo che permea sottilmente i libri, alla disamina artistica delle illustrazioni che fanno loro da complemento; infine, dall’esame dei modelli familiari che costellano la storia a quello delle solide amicizie di cui è altrettanto ricca.

Un modo per omaggiare e salutare, con un filo di dolce-amara nostalgia, i romanzi e i film ormai conclusi e per accendere un piccolo Lumos in punta di bacchetta anche per i bimbi oggetto delle cure della Fondazione Theodora (www.theodora.it), a favore della quale verranno devoluti i proventi dei diritti d’autore di questo libro.

Il progetto è nato dalla voglia di riunire insieme diversi esperti del mondo di Harry Potter per creare un testo nuovo, capace di coniugare sguardi diversi in un unico grande puzzle capace di gettare nuova luce sul giovane mago e sul suo mondo. Nella sua introduzione Marina Lenti, dopo aver parlato dell’input iniziale che ha riunito gli autori, ha spiegato la motivazione che ha spinto tutto il gruppo a destinare quanto ricavato dal libro a un’associazione benefica legata all’infanzia. “Dopotutto,” ha scritto, “anche se apprezzatissimo dagli adulti, Harry Potter nasce come letteratura destinata ai ragazzi. La stessa J.K Rowling, quando inviò i capitoli campione della Pietra Filosofale a colui che sarebbe diventato il suo invidiatissimo agente, specificò nella lettera accompagnatoria che si trattava di un romanzo destinato a ragazzi fra i 9 e i 12 anni. E non saremo certo noi a volerla contraddire. Senza contare che Harry Potter è legato all’infanzia anche per un altro motivo, l’impegno in prima persona, da parte della sua creatrice, a favore delle associazioni benefiche Comics Relief e Children’s High Level Group (oggi ribattezzato con l’evocativo nome di Lumos). Per aiutare a finanziare i progetti della prima, la scrittrice ha creato i volumetti dell’universo potteriano Gli animali fantastici – Dove Trovarli e Il Quidditch attraversi i secoli; nel caso della seconda onlus, la Rowling è coinvolta addirittura nella sua creazione e, per sostenerla economicamente, ha reso pubbliche Le Fiabe di Beda il Bardo, libretto inizialmente pensato per restare circoscritto a una mezza dozzina di amici strettissimi.

Ci è sembrato allora uno sbocco naturale orientarci anche noi in questo senso scegliendo, fra tante associazioni (operazione di discernimento difficilissima, dato il numero altissimo delle meritevoli!), la Fondazione Theodora , che si occupa di supportare i bambini ospedalizzati e di cui troverete maggiori informazioni nella pagina di questo blog che le abbiamo dedicato.

Attraverso la terapia del gioco, ma soprattutto del riso, Theodora ci ricorda tanto il professor Lupin, perché insegna ai bambini come la magia dell’incantesimo Riddikulus sia capace di combattere anche quelle Creature Oscure che sono le malattie.”

L’indice:

Tutti i volti di Harry: dalle illustrazioni ai film – di Chiara Codecà

Famiglie magiche o famiglie babbane? Forse solo famiglie – di Francesca Cosi e Alessandra Repossi

Mamma o non mamma: la sfida di essere madre nel mondo di Harry Potter – di Amneris Di Cesare

La Compagnia di Hogwarts: l’amicizia in Harry Potter – di Paolo Gulisano

Doni o reliquie? Appunti sulla traduzione di Harry Potter 7 – di Ilaria Katerinov

La Fonte della Buona Sorte: un’allegoria alchemica sul senso della vita – di Marina Lenti

I 7 volti di Voldemort al cinema – di Valentina Oppezzo

Luci dall’ombra: tracce archetipiche in Harry Potter – di Rita Ricci

Non svegliate il drago che dorme: il mondo animale in Harry Potter – di Chiara Valentina Segré

Eutrapelia, la magia del buonumore: un viaggio alla scoperta dell’umorismo in Harry Potter – di Luisa Vassallo

Gli Autori

 

CHIARA CODECA’

0148_hobbitologia-cover-webLaureata in Belle Arti (Pittura) e in Conservazione dei Beni Culturali, oggi si occupa principalmente di comunicazione e promozione di eventi culturali. E’ consulente editoriale per numerose case editrici, e ha realizzato le illustrazioni interne de L’Incantesimo Harry Potter (Delos Books, 2006, 2007) e di Sanctuary (Asengard Edizioni, 2009). La sua produzione artistica è rivolta in particolare al libro d’artista, all’incisione e all’affresco.

Aggiungo io che è una collaboratrice di FantasyMagazine, che i suoi articoli sono sempre molto interessanti, così come le sue presentazioni, e che nel 2016 ha partecipato a un’altra antologia saggistica, Hobbitologia, con Bilbo Baggins: dal libro al filmhttp://www.camelozampa.com/libro/94/hobbitologia.

FRANCESCA COSI

Co-titolare dello studio editoriale Cosi&Repossi (www.cosierepossi.com), è traduttrice e autrice di oltre 30 volumi per diverse case editrici italiane, fra cui EDT, Messaggero, Mondadori, Àncora.

Nel 2008 ha pubblicato per Vallardi editore, in collaborazione con Alessandra Repossi, Guida completa alla saga di Harry Potter, con le fonti storiche e mitologiche dei 7 volumi, schede su oltre 30 personaggi, gli strumenti della scuola di magia, curiosità e notizie dai set dei 7 film, la visita guidata ai luoghi inglesi e scozzesi dei film di Harry Potter, la biografia di J.K. Rowling, la critica, i libri/siti/videogiochi nati intorno alla saga e un glossario dettagliato di creature fantastiche, piante magiche, incantesimi, pozioni e oggetti stregati presenti nei libri.

Insieme ad Alessandra gestisce anche il blog di scrittura e traduzione paroleaperte.blogspot.com e il sito www.cercogiornalistascrittore.com. Ha lavorato per diversi anni come formatrice presso enti di vario genere (agenzie formative, Province), occupandosi di ragazzi preadolescenti e adolescenti.

AMNERIS DI CESARE

Nata nel 1960, residente a Bologna ma nata in Brasile. Accanita lettrice di classici, fantastico e fantasy in prevalenza, appassionata di scrittura e web, fanatica della saga di Harry Potter fino allo stremo, ha fatto di questi suoi interessi il suo ‘piccolo angolo privatissimo’.

Ha vinto alcuni concorsi letterari, scrive come ghost writer per riviste femminili, legge criticamente per tutti gli aspiranti alla pubblicazione che vogliano sottoporle un testo, gestisce da cinque anni il F.I.A.E. un forum/laboratorio per scrittori esordienti, attraverso il quale indaga nei meandri nascosti della scrittura e della lettura. Il blog del progetto si trova all’indirizzo http://fiae.splinder.com

A novembre di quest’anno ha pubblicato il racconto Zanna nell’antologia Code di Stampa (Edizioni La Gru), i cui proventi saranno devoluti all’associazione animalista Save The Dogs and The Other Animals (www.savethedogs.eu).

Sempre quest’autunno ha pubblicato il suo primo romanzo, dal titolo Nient’altro che amare, per l’editore Centoautori.

Fantastico - copDEFScrivere e leggere sono la sua ossessione. Raccontare la sua passione più grande.

Aggiungo che nel 2016 ha partecipato a un’antologia saggistica, Il Fantastico nelle Letteratura per ragazzi, con Non lasciare che gli altri decidano chi sei, decidilo da sola, dedicato all’esalogia di Shadowhunters di Cassandra Clare (http://www.runaeditrice.it/index.php/component/virtuemart/view/productdetails/virtuemart_product_id/90/virtuemart_category_id/9.html).

PAOLO GULISANO

Nato a Milano nel 1959, risiede a Lecco. Laureato in Medicina e Chirurgia, all’attività di medico affianca da anni un impegno culturale di saggista e scrittore. Collabora con diverse testate di informazione e ha pubblicato dal 1996 numerosi saggi sulla letteratura fantastica, in particolare su Tolkien, di cui è considerato uno dei massimi esperti europei e al quale ha dedicato articoli, studi, traduzioni e diversi libri. Tra questi Tolkien il mito e la grazia (Ancora, 2001 e 2007), considerato una delle più importanti opere critiche dedicate allo scrittore di Oxford.

Si è inoltre dedicato ad altre figure della cultura inglese quali Chesterton, Belloc, C.S.Lewis, il creatore di Narnia, su cui ha pubblicato i primi saggi critici in Italia (C.S. Lewis tra Fantasy e Vangelo, Ancora 2005, I segreti del mondo di Narnia, Piemme 2008), Oscar Wilde (Il ritratto di Oscar Wilde, Ancora 2009), George MacDonald (con Luisa Vassallo, Il Cerchio 2008), J.H. Newman, James M. Barrie e il mondo di Peter Pan, (Alla ricerca di Peter Pan, con Chiara Nejrotti, Cantagalli, 2010) e naturalmente Harry Potter, di cui tessè le lodi sull’Osservatore Romano.

È inoltre studioso della cultura celtica ed anglosassone, e ha pubblicato tra l’altro volumi su Re Artù, (Piemme, 2004), sulle origini della festa di Halloween (La notte delle zucche, Ancora, 2006) e sulla storia di Paesi come la Scozia (Il cardo e la croce, Il Cerchio, 1998) e l’Irlanda (L’Isola del destino, Ancora, 2003). L’ultimo volume pubblicato è Il destino di Padre Brown (Sugarco), romanzo ucronico incentrato sul personaggio del prete-investigatore inventato da G.K. Chesterton.

I suo libri sono stati tradotti e pubblicati in diversi Paesi europei.

Paolo ha partecipato a entrambe le antologie del 2016 che ho citato più in su, Il Fantastico nella Letteratura per ragazzi, con Un giorno sarai abbastanza vecchio per ricominciare a leggere le fiabe, dedicato a Le cronache di Narnia di C.S. Lewis, e Hobbitologia, con Lo Hobbit come romanzo di formazione.

ILARIA KATERINOV

Nata a Perugia nel 1979, vive a Milano, dove traduce narrativa e saggistica dall’Inglese.

E’ laureata in filosofia medievale e ha conseguito un master in editoria libraria presso la Scuola superiore di studi umanistici di Bologna.

Redattrice e consulente freelance, collabora con diverse case editrici.

È autrice di Lucchetti babbani e medaglioni magici (Camelopardus, 2007), un saggio sulle traduzioni italiane di Harry Potter.

Dal 2004 scrive di cinema fantasy (e di Harry Potter) sul portale BadTaste.it. Gestisce inoltre, per la Eagle Pictures, il blog ufficiale italiano della saga di’ Twilight’, ‘La gazzetta di Forks’.

MARINA LENTI

Ha iniziato a scrivere nel 1989, collaborando con testate cartacee musicali e, successivamente, con pubblicazioni dedicate all’home video.

E’ stata per quattro anni la Guida Harry Potter del portale Supereva e da sette è redattrice della testata FantasyMagazine.

Nel 2006 ha pubblicato il saggio L’Incantesimo Harry Potter (Delos Books), vincitore del Premio Italia 2007 e ristampato in edizione aggiornata lo stesso anno; nel 2007 ha pubblicato inoltre il manuale Harry Potter a test (Alpha Test), tradotto in Francia nel 2009 in edizione aggiornata, col titolo di Le Monde de Harry P., per l’editore Belin. Nello stesso anno ha collaborato alla redazione della versione italiana di ‘Lexicon — Guida non autorizzata ai romanzi e al mondo di Harry Potter’ (Piemme). A novembre di quest’anno ha pubblicato il racconto Coraggiosa nell’antologia Code di Stampa (Edizioni La Gru), i cui proventi saranno devoluti all’associazione animalista Save The Dogs and The Other Animals (www.savethedogs.eu).

Sul sito www.marinalenti.com propone periodicamente curiosità e approfondimenti sulla saga.

Anche in questo caso si tratta di una persona che conosco, e di cui stimo il lavoro. Ho letto tanto il suo L’incantesimo Harry Potter quanto Harry Potter a test, di cui compare una recensione su questo stesso blog. E conoscendola non mi stupisce che abbia scelto di partecipare a un’antologia i cui proventi andranno a un’associazione animalista.

Aggiungo che ha negli anni trascorsi dalla pubblicazione di quest’articolo ha scritto diversi altri saggi, La metafisica di Harry Potter, Harry Potter: il cibo come strumento letterario e J.K. Rowling, l’incantatrice di 450 milioni di lettori, e curato altre due antologie saggistiche, a cui ha preso parte anche come autrice: Il Fantastico nella Letteratura per ragazzi, per cui ha scritto Io combatto per vincere e combatto con quello che ho, dedicato alla saga di L’ultimo elfo di Silvana De Mari, e Hobbitologia, per cui ha scritto La presenza del cibo nello Hobbit.

 

VALENTINA OPPEZZO

Nata a Casale Monferrato nel 1982, si è trasferita a Trieste per gli studi universitari, dove ha conseguito la laurea triennale in Scienze e Tecniche dell’Interculturalità e la laurea specialistica in Discipline dello Spettacolo, indirizzo Cinema.

E’ autrice del volume Harry Potter al Cinema, edito Le Mani, (liberamente) tratto dalla sua tesi di laurea. Vive attualmente a Boston, dove gestisce il proprio studio fotografico e si occupa di fotografia commerciale e di ritratti, ma anche di fotografia artistica.

Ha esposto le sue immagini in numerose mostre collettive; risale al 2008 la sua prima personale, organizzata dal comune di Trieste, a cui hanno fatto seguito una personale a Boston (2009) e l’ultima, recentissima, a New York.

Che bello che sia possibile realizzare una tesi di laurea su una delle proprie passioni e che la passione sia legata al fantasy. Significa che anche noi esistiamo al di fuori del ristretto gruppo di appassionati. E che bello che una tesi di laurea sia diventata un libro.

ALESSANDRA REPOSSI

Lavora nel settore editoriale da circa 25 anni come traduttrice di narrativa e saggistica, autrice, editor, giornalista e fotografa. È vicepresidente regionale dell’Associazione Italiana Traduttori e Interpreti e membro del Sindacato Nazionale Scrittori, e tiene seminari per traduttori editoriali. Ha lavorato in un’agenzia giornalistica come caporedattore attualità e ha pubblicato per anni su alcuni periodici dei gruppi Arnoldo Mondadori, Cairo Editore e altri. Da oltre dieci anni traduce anche articoli di diversa natura pubblicati su importanti testate.

Ha tradotto oltre 40 volumi e scritto 15 libri di saggistica (tra cui, nel 2008, Guida completa alla saga di Harry Potter, Vallardi).

Dirige con Francesca Cosi lo studio editoriale Cosi&Repossi (www.cosierepossi.com), a cui fa capo anche il blog paroleaperte.blogspot.com e il sito www.cercogiornalistascrittore.com.

RITA ‘TATTERSAIL’ RICCI

Nata nel 1966, è una psicologa e psicoterapeuta che vive e lavora a Roma. Amante da sempre della letteratura fantasy e del fantastico, nella vita babbana si occupa di lifelong learning presso l’Università Popolare.

In collaborazione, è autrice di alcuni saggi tra cui Immagini della famiglia (Primerano, 1992), Piccolo dizionario della comunicazione interpersonale (EdUP, 1999) e I giovaniadulti (Edizioni MAGI, 1999).

Ha pubblicato nel 2002 Harry Potter, l’avventura di crescere, la cui seconda edizione aggiornata nel 2005 è stata adottata come testo d’esame per la cattedra di letteratura per l’infanzia nel corso di laurea in Scienze dell’educazione presso l’Università per gli Studi di Salerno.

Ha collaborato recentemente al secondo numero della rivista Effemme (Delos Books) con un approfondimento su ‘La collina dei conigli e l’utopia concreta della decrescita felice’.

E quello su Effemme è l’unico articolo suo che ho letto, ed è molto interessante. In più Rita mi ha lasciata parlare a ruota libera su Robert Jordan e George R.R. Martin quando ci siamo conosciute agli scorsi DelosDays, e una persona così è fuor di dubbio dotata di intelligenza superiore e sensibilità senza pari. Peccato che avesse un treno da prendere per tornare a casa, altrimenti la starei ancora assillando con tutti gli intrighi nascosti fra le pagine di quei libri.

CHIARA VALENTINA SEGRE’

Nata a Milano, dove vive attualmente, nel 1982.

Fin da bambina ha sempre avuto due passioni: la natura e le belle storie. La prima passione l’ha portata a una laurea in biologia e un dottorato di ricerca in oncologia molecolare; la seconda l’ha trasformata anzitutto in divoratrice di libri e, successivamente, in scrittrice.

Nel tempo libero si interessa di comunicazione della scienza, in particolare rivolta a bambini e ragazzi.

In qualità di autrice ha esordito col racconto Reska non sa leggere pubblicato nell’antologia Tutti i colori dei bambini (Edizioni Montag, 2007), il cui ricavato è devoluto alla Lega del Filo d’Oro. Da allora ha vinto diversi premi letterari e pubblicato i racconti in antologie.

Nel 2007 ha vinto il premio assoluto del Science Writing Prize di divulgazione scientifica promosso dall’organizzazione europea di biologia molecolare (EMBO) con il racconto Mandarin orange juice.

Il suo primo libro, Gedeone, albo illustrato per bambini, è stato pubblicato in settembre 2010 per Il Gioco di Leggere Edizioni.

A novembre di quest’anno ha pubblicato il racconto Socrate, filosofo di città nell’antologia Code di Stampa (Edizioni La Gru), i cui proventi saranno devoluti all’associazione animalista Save The Dogs and The Other Animals (www.savethedogs.eu).

Il suo amore per Harry Potter è nato nel lontano 2000, quando ancora Corvonero si chiamava Pecoranera, grazie a due compagne di liceo che le hanno regalato una copia de Il prigioniero di Azkaban per passare il tempo durante una lunga degenza in ospedale. Da allora il mondo di Harry Potter non l’ha mai più abbandonata.

Anche Chiara è presente nelle due antologie saggistiche del 2016, in Il Fantastico nella Letteratura per ragazzi con Possa la buona sorte essere sempre dalla vostra parte, dedicato alla trilogia di Hunger Games di Cassandra Clare, e Hobbitologia con Lo Hobbit fra di noi: quando letteratura e realtà si compenetrano.

LUISA VASSALLO

Curatrice di alcune antologie poetiche dedicate alla poesia italiana del novecento e autrice di alcuni libri appartenenti al filone definito ‘gastronomia fantasy’, tra i quali A tavola con gli hobbit, La cucina di Narnia, La cucina dell’Osteria Volante e A tavola con Harry Potter, ha ottenuto diversi premi e riconoscimenti internazionali.

Appassionata di teatro ha seguito alcuni corsi, scritto testi e riduzioni teatrali.

Si dedica da tempo alla clown-terapia negli ospedali infantili e ha frequentato anche alcuni seminari tenuti dal medico clown Patch Adams, ideatore del rivoluzionario ‘trattamento’ dei piccoli malati.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in anteprima, freschi di stampa e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Potterologia. Dieci as-saggi dell’universo di Harry Potter

  1. Marina Lenti ha detto:

    Grazie mille per la segnalazione 😉 x

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...