Una manciata di pagine da Minimum Fax

Per Minimum Fax il fantastico è qualcosa di marginale. In catalogo c’è Asimov, ma con i suoi racconti gialli, Jonathan Lethem e poco altro. Segnalo qui alcuni estratti dalle opere pubblicate dalla piccola casa editrice.

Isaac Asimov, I racconti dei Vedovi Neri, 13,50 €.

La quarta di copertina:

Questo è il primo di una serie di quattro volumi in cui sono raccolti i racconti “gialli” di Asimov. I Vedovi Neri sono un gruppetto di rispettabili signori che una volta al mese si riuniscono a cena, senza le mogli, per risolvere un piccolo o grande mistero. Che cosa è stato rubato a un collezionista sicuro di aver subito un furto, ma incapace di individuare l’oggetto mancante? Quale segreto nasconde una collezione di bustine di fiammiferi? Come fa una ragazza a “vedere” un incendio mezz’ora prima che scoppi, a migliaia di chilometri di distanza? Come può servire l’ora legale a commettere qualcosa di molto illegale? In questi racconti uno dei più grandi scrittori di fantascienza di tutti i tempi si cimenta con il giallo creando dodici gioielli di logica, il cui deus ex machina, degno della miglior tradizione degli Sherlock Holmes e dei Poirot, è un impagabile maggiordomo che porge la sorprendente soluzione dei misteri con la stessa grazia discreta con cui versa vino d’annata.

Un estratto:

http://www.minimumfax.com/upload/files/sotterranei/assaggio_104_asimov.pdf

Isaac Asimov, Dodici casi per i Vedovi Neri, 14,00 €.

La quarta di copertina:

Dopo il grande successo del primo volume, minimum fax ripropone una nuova serie di misteri ideati dalla fantasia del grande Isaac Asimov. Come si può passare un oggetto di contrabbando a un complice senza entrare apparentemente in contatto con nessuno? In che modo un cratere sulla Luna può essere collegato al suicidio di una donna? Perché uno stravagante collezionista s’interessa tanto a un frammento di meteorite? In questa nuova raccolta i Vedovi Neri (un gruppetto di rispettabili professionisti appassionati di eventi bizzarri e paradossali, che si incontrano una volta al mese per cenare e conversare con un ospite sempre diverso) si cimentano nella soluzione di nuovi, intriganti enigmi, tra cui un omaggio a Sherlock Holmes, sempre assistiti dall’intuito dell’impeccabile cameriere Henry.

http://www.minimumfax.com/upload/files/sotterranei/assaggio_115_asimov2.pdf

Isaac Asimov, I banchetti dei Vedovi Neri, 14,00 €.

La quarta di copertina:

Dopo il successo di I racconti dei Vedovi Neri e Dodici casi per i Vedovi Neri ritornano in queste dodici storie i personaggi e gli enigmi a cui il pubblico dei lettori si è da subito appassionato. I Vedovi Neri sono un gruppetto di rispettabili professionisti che si incontrano a cena una volta al mese per dibattere e risolvere, con l’indispensabile aiuto del cameriere Henry, il caso misterioso che gli viene sottoposto dall’ospite di turno. Che si tratti di veri e propri crimini o di paradossi inspiegabili, di bizzarrie al limite del soprannaturale o di rompicapi enigmistici, i dialoghi conditi di umorismo ed erudizione accompagnano il lettore per mille false piste fino alla verità. Da uno dei maestri della letteratura «di genere» del Novecento, una serie di irresistibili giochi di deduzione e di logica in cui si viene provocati, divertiti, sbalorditi. Non senza qualche brivido, e molte risate.

Un estratto:

http://www.minimumfax.com/upload/files/sotterranei/assaggio_127_asimov3.pdf

Isaac Asimov, Gli enigmi dei Vedovi Neri, 15,00 €.

La quarta di copertina:

La vicenda di Asimov e dei Vedovi Neri è la storia di un amore lungamente coltivato tra un autore e la sua creazione letteraria. Dal loro concepimento negli anni Settanta fino alla morte, Asimov non smise mai di scrivere i suoi racconti dei Vedovi Neri. Come Maigret per Georges Simenon, Sherlock Holmes per Conan Doyle o Miss Marple per Agatha Christie, i Vedovi Neri – questi sei distinti signori che, assistiti dal cameriere Henry, si riuniscono a cena una volta al mese per dedicarsi con tutto il loro ingegno e la loro cultura alla risoluzione di un enigma – sono il personaggio (collettivo) che permette alla fantasia dello scrittore di confrontarsi con le sue piccole o grandi ossessioni. Spaziando tra la matematica e la musica, la storia e l’astronomia, la letteratura e la chimica, le tessere del puzzle si ricompongono inesorabilmente fino allo scioglimento del rebus, allo stesso tempo piegando la trama classica del giallo in un gioco continuo e imprevedibile di erudizione che rappresenta magistralmente l’essenza del divertissement letterario secondo Asimov.

Un estratto:

http://www.minimumfax.com/upload/files/sotterranei/assaggio_136_asimov.pdf

Lucio Del Corso e Paolo Pecere, L’anello che non tiene. Tolkien fra letteratura e mistificazione, 7,50 €.

La quarta di copertina:

Per la prima volta un libro affronta l’incredibile vicenda che in Italia è toccata in sorte a J.R.R. Tolkien, lo scrittore più importante e venerato della letteratura fantasy mondiale. A partire dagli anni Settanta l’autore del Signore degli anelli è stato oggetto nel nostro Paese di una bizzarra strumentalizzazione ad opera di alcuni gruppi politici di estrema destra, accompagnata da una produzione di saggi critici che hanno letteralmente cucito sulle avventure di Frodo, Gandalf e soci significati che il loro autore non si sarebbe mai sognato di suggerire. Il risultato è stato un travisamento sistematico dei fondamenti della sua opera, che ancora oggi resta sottinteso a un fenomeno di costume in rapida espansione. Con uno stile agile, ma anche preciso e pungente, che alterna la filologia al reportage, la ricerca di Pecere e Del Corso si propone di dimostrare la totale infondatezza di una scuola di pensiero che ha nei famigerati campi Hobbit solo la punta dell’iceberg. A questo scopo, l’analisi sociologica si accompagna a una ricostruzione dell’autentica poetica di Tolkien. Alla fine del percorso ci si rende conto di come, liberato dalla morsa ideologica, il genio di Tolkien torni a splendere per quello che è: un contributo di inestimabile valore alla letteratura di tutti i tempi.

Un estratto:

http://www.minimumfax.com/upload/files/filigrana/assaggio_33_anello.pdf

Jonathan Lethem, Amnesia Moon, 13,00 €.

La quarta di copertina:

Dopo la guerra e i bombardamenti, Hatfork, nel Wyoming, è devastata dalla fame e popolata di mutanti; Chaos vive nella cabina di proiezione del multisala abbandonato, cercando di dimenticare il presente e incapace di ricordare il passato, ossessionato dalla sua capacità di influenzare la realtà con i sogni. Quando il tiranno locale, Kellogg, gli rivela che le bombe non sono mai cadute, Chaos si imbarca in un rocambolesco viaggio – in compagnia di Melinda, una tredicenne stralunata e ricoperta di pelo – alla scoperta della verità; la troverà in molte diverse versioni, fra deserti, nebbie e misteriose fialette da iniettarsi in vena, nella West Coast più postapocalittica e visionaria che un romanzo americano ci abbia mai regalato. Immaginate Jack Kerouac, Lewis Carroll, Franz Kafka e Philip K. Dick magistralmente miscelati per raccontare una classica, commovente storia di ricerca delle origini e della propria identità (condita da un pizzico di paranoia).

Un estratto:

http://www.minimumfax.com/upload/files/sotterranei/assaggio_55_amnesiamoon.pdf

Jonathan Lethem, A ovest dell’inferno, 11,50 €.

La quarta di copertina:

Questa raccolta di racconti e di saggi autobiografici non esiste negli Stati Uniti: è stata creata da Jonathan Lethem appositamente per minimum fax. È concepita come un viaggio che ha per punto di partenza ideale la precedente raccolta, L’inferno comincia nel giardino, e si snoda fra i luoghi e i generi letterari più disparati: si viaggia insieme a due eroi picareschi dall’alto tasso alcolico all’interno del corpo di una creatura misteriosa, si viaggia nella realtà virtuale in una improbabile gara di resistenza messa su da un imbonitore da circo, si viaggia attraverso una barriera che separa l’orrore dal lusso in una città futuribile. E ancora si viaggia fra i monoliti della Monument Valley sulla scia dell’ossessione per un film western, si viaggia dal New England alla California in una tragicomica odissea autostoppistica, si viaggia in metropolitana da Brooklyn a Manhattan per poi perdersi nell’incanto di un Guerre Stellari non ancora disegnato al computer. Si viaggia nel tempo, fra un futuro immaginario più stralunato che cyberpunk e il passato di un giovane nerd con l’anima bohémien.

Un estratto:

http://www.minimumfax.com/upload/files/sotterranei/assaggio_45_lethem_a_ovest.pdf

Jonathan Lethem, Burned children of America, 13,00 €.

La quarta di copertina:

Questa antologia raccoglie diciotto racconti inediti (alcuni perfino inediti in America) scritti dai più promettenti giovani autori americani di oggi. Fra questi spiccano David Foster Wallace, Rick Moody, Jonathan Lethem, Dave Eggers, George Saunders, Jeffrey Eugenides, già noti anche al pubblico italiano; a loro si aggiungono nomi di scrittori di cui abbiamo molto sentito parlare di recente: su tutti A.M. Homes, Aimee Bender, Matthew Klam, Shelley Jackson, Julia Slavin, Sam Lipsyte tutti pubblicati dalla nostra casa editrice, e poi ancora Arthur Bradford, Judy Budnitz, Amanda Davis, Myla Goldberg, Ken Kalfus, Stacey Richter, autori che hanno ricevuto negli ultimi anni grande attenzione da parte del pubblico e della critica. La raccolta è stata curata direttamente dallo staff di minimum fax (non è la traduzione di un’antologia esistente), e il suo progetto è stato accolto con entusiasmo dagli scrittori selezionati. Il panorama della nuova generazione di narratori degli Stati Uniti, che sfugge a ogni possibile etichetta, definizione, gruppo o manifesto, è qui perfettamente rappresentato nella sua “programmatica eterogeneità”: storie fantastiche, minimaliste, postmoderne, fiabesche, iperrealiste, ironiche, assurde, inquietanti e commoventi trovano posto l’una accanto all’altra e formano una raccolta da leggere, conservare, rileggere…

Un estratto:

http://www.minimumfax.com/upload/files/sotterranei/assaggio_41_burned_children.pdf

Jonathan Lethem, Crazy Friend. Io e Philip K. Dick, 14,00 €.

La quarta di copertina:

In questa raccolta di racconti e saggi, Lethem rende omaggio a uno dei suoi ispiratori letterari, Philip K. Dick, il tormentato e geniale padre della fantascienza postmoderna. Tra gustosi racconti giovanili, curiosissimi ricordi personali, spunti critici seri e profondi, questo libro è un viaggio all’interno dell’ossessione letteraria di un grande scrittore nei confronti di un maestro. Testimonianza brillante del talento di Lethem come narratore e come critico, Crazy Friend è anche un ritratto penetrante e appassionato di Dick e della sua opera (da Ubik a Cronache del dopobomba, da Blade Runner alle decine di racconti): una delizia per i suoi numerosi estimatori e una perfetta introduzione per i lettori che devono ancora scoprirlo.

Un estratto:

http://www.minimumfax.com/upload/files/filigrana/47_lethem_dick.pdf

Jonathan Lethem, L’inferno comincia nel giardino, 13,50 €.

La quarta di copertina:

Un padre di famiglia che torna periodicamente dall’aldilà e aiuta suo figlio a progettare un videogame ispirato alle sue avventure ultraterrene; un inferno popolato di bellissime streghe a cavallo e cani robot; un felino alieno che segue a mo’ di angelo custode due spacciatori di crack dilettanti; un penitenziario le cui mura sono fatte di criminali incalliti… Queste e molte altre sono le creazioni della fantasia visionaria di Lethem, che in sette irresistibili racconti mescola in maniera geniale il noir, la fantascienza e la pura fiaba, giocando a nascondere gli orrori del quotidiano dietro il velo della surrealtà.

Un estratto:

http://www.minimumfax.com/upload/files/sotterranei/assaggio_37_linferno_comincia.pdf

Jonathan Lethem, Memorie di un artista della delusione, 14,00 €.

La quarta di copertina:

Al pari di David Foster Wallace con Considera l’aragosta, Nick Hornby con Una vita da lettore, Jonathan Franzen con Zona disagio, anche un altro scrittore di culto della nuova scena angloamericana, Jonathan Lethem, abbandona una tantum la narrativa per dedicarsi a un tipo particolare di saggistica, a metà fra l’autobiografia e la critica. Nei brani raccolti in questo volume commenta e celebra la musica, i film, i libri che lo hanno accompagnato nella sua crescita umana e intellettuale (da Philip K. Dick ai fumetti della Marvel, da John Cassavetes a James Brown, una serie di piccole e grandi ossessioni che spesso, sfumando, lo lasciavano tanto «deluso» quanto ansioso di nuovi stimoli) e al tempo stesso racconta la sua infanzia in una famiglia bohemién, l’adolescenza nella mitica e violenta New York degli anni Settanta, la sua formazione letteraria. Fra aneddoti gustosi, confessioni da nerd, illuminanti prospettive critiche, questa raccolta è l’autoritratto di uno degli scrittori più curiosi e geniali degli ultimi anni.

Un estratto:

http://www.minimumfax.com/upload/files/sotterranei/assaggio_111_lethem.pdf

Jonathan Lethem, Men and cartoons, 11,50 €.

La quarta di copertina:

Dopo il successo ottenuto con i suoi ultimi romanzi (Testadipazzo, La fortezza della solitudine) che lo hanno consacrato come una vera stella nel firmamento letterario americano, Jonathan Lethem torna alla forma del racconto, confermando ancora una volta le sue doti di inventiva, originalità e ritmo narrativo. Questi racconti, ambientati nella quotidianità dei college, delle famiglie e dei quartieri middle class degli Stati Uniti, nascondono sempre sviluppi inattesi, risvolti paradossali o dettagli grotteschi: che siano identità segrete da supereroe, magici spray che ricreano le immagini degli oggetti rubati, pecore con tendenze suicide, le creazioni della fantasia di Lethem non fanno che aggiungere un inconfondibile tratto surreale a storie vibranti di umanità che hanno come vero argomento la nostalgia, l’amicizia, la solitudine, la ricerca e la perdita dell’intimità con i nostri cari.

Un estratto:

http://www.minimumfax.com/upload/files/sotterranei/assaggio_86_men_and_cartoons.pdf

Jonathan Lethem, Non  vogliamo male a nessuno. I migliori racconti della rivista McSweeney’s volume secondo, 15,00 €.

La quarta di copertina:

Nel 1998 usciva negli Stati Uniti il primo numero di McSweeney’s: una rivista letteraria autoprodotta, ironica e irriverente che invece di consumare la propria storia nell’arco di pochi mesi, come tante altre fanzine, è diventata oggetto di culto e poi vero e proprio fenomeno editoriale, creando attorno a sé una sensibilità nuova e una vibrante comunità di scrittori e di lettori. Il segreto del suo successo? Un approccio alla letteratura divertito e innamorato al tempo stesso, un immaginario quanto mai libero e aperto alle commistioni, il gusto per l¹originalità, la cura formale, il rifiuto delle etichette e delle convenzioni. Questa antologia raccoglie sedici fra i racconti più significativi pubblicati in dieci anni su quelle pagine: una rassegna di giovani talenti e autori già affermati che ambientano le proprie storie fra Sarajevo e l’Uzbekistan e non hanno paura di fare satira sulla guerra in Iraq, di parodiare Kafka, di far cadere il cielo in testa ai propri personaggi, di paragonare le sentenze della Corte Suprema agli schemi delle partite di basket, di descrivere impiccagioni di elefanti: di pensare e scrivere fuori dagli schemi, ridandoci fiducia nella forza creativa e vitale della letteratura.

Un estratto:

http://www.minimumfax.com/upload/files/sotterranei/assaggio_123_mcsweeneys2.pdf

Francesca Piccolo, Scrivere è un tic. I segreti degli scrittori, 8,00 €.

La quarta di copertina:

Un viaggio virtuale sulle scrivanie, nelle case, nelle abitudini dei più famosi e amati scrittori contemporanei italiani e stranieri. Da Pasolini a Umberto Eco, da García Márquez a Isabel Allende, da Hemingway a DeLillo: in poco più di cento pagine Scrivere è un tic indaga, analizza e confronta i metodi di scrittura delle penne più celebri del Novecento. Il mestiere, la disciplina, la riscrittura, il luogo di lavoro, le piccole ritualità quotidiane, le fissazioni e le scaramanzie, le letture, i tempi morti, i guadagni, i consigli: una guida ragionata alla scrittura e agli scrittori, che appassiona, incuriosisce e diverte.

Un libro che negli anni è diventato un piccolo classico nel genere dell’indagine sulla scrittura creativa, uno dei primi titoli nella storia di minimum fax, oggi riproposto in una nuova edizione aggiornata e corretta.

Un estratto:

http://www.minimumfax.com/upload/files/filigrana/02_piccolo2011.pdf

Tommaso Pincio, Lo spazio sfinito, 13,50 €.

La quarta di copertina:

In un mondo alternativo terribilmente bello e malinconico, Jack Kerouac si prepara a passare nove settimane nello spazio per conto della Coca-Cola Enterprise. Marilyn Monroe fa la commessa in una libreria. Il tirannico Arthur Miller si è comprato una casa sulla cascata dove vive con sua moglie, la triste e bellissima Norma Jeane. Qualche conto sembra in effetti non tornare. Norma e Marilyn non dovrebbero ad esempio essere la stessa meravigliosa ragazza, colei che illuminò i desideri di milioni di persone accendendo una luce nelle stanze più buie degli animi maschili?

Ambientato durante gli anni Cinquanta – reinventati in modo da diventare tra i più veri e struggenti mai raccontati – Lo spazio sfinito è popolato dai personaggi del nostro immaginario collettivo (oltre a Kerouac, Marilyn e Miller c’è Neal Cassady, e il giovane Holden…), i quali però, attraverso le loro vicende di solitudine, desiderio, amicizie infrante, cuori spezzati e vite da ritrovare, si rivelano paurosamente simili a noi.

Questo di Pincio è uno dei romanzi più intensi e commoventi degli ultimi anni, nelle pagine del quale tutto ciò che credevamo di conoscere mostra il suo lato più intimo e nascosto e ci parla più vicino di quanto non sia mai accaduto: date una maschera a uno scrittore, a un’attrice di Hollywood, al mondo intero, e finalmente vi dirà la verità.

Un estratto:

http://www.minimumfax.com/upload/files/49_pincio.pdf

Marco Serrecchia, Capitan Salgari. In viaggio con l’immaginazione (libro + DVD), 22,00 €.

La quarta di copertina:

Dvd: Capitan Salgari (Regia di Marco Serrecchia • 55 minuti).

Capitano per ispirazione, sognatore per vocazione, a cento anni dalla sua morte Emilio Salgari continua a far volare la fantasia di intere generazioni di lettori. Un film documentario – arricchito dalla partecipazione straordinaria di Gino Paoli – ripercorre la vita tormentata del padre di Sandokan e del Corsaro Nero.

Libro: Emilio Salgari, Una tigre in redazione. Le pagine sconosciute di un giornalista d’eccezione, (A cura di Silvino Gonzato).

Curata dal maggiore biografo salgariano, questa preziosa raccolta di articoli di Salgari svela un aspetto sconosciuto dell’autore, che per un decennio alternò l’attività di romanziere a quella di giornalista. Un’occasione unica per ritrovare, dietro curiose e brillanti cronache di vita cittadina, la penna inconfondibile del re dell’avventura.

Un estratto:

http://www.minimumfax.com/upload/files/fuori_collana/salgari.pdf

Walter Tevis, L’uomo che cadde sulla Terra, 11,00 €.

La quarta di copertina:

«Non era un uomo, eppure era molto simile all’uomo». E allora cosa è l’individuo gentile e fragile che si fa passare per cittadino britannico, nascondendosi dietro il nome altisonante di Thomas Jerome Newton, che accumula in breve tempo una vera e propria fortuna grazie a invenzioni geniali e inaudite, che vive in solitudine quasi completa dedicandosi a un compito misterioso e immane?
Uno dei pochi romanzi di fantascienza che abbiano lasciato una traccia indelebile nella letteratura mondiale, L’uomo che cadde sulla Terra è un apologo amaro sul mondo di oggi e (probabilmente) di domani, la storia disperata di un “alieno” in ogni senso che sul grande schermo ha preso il volto inquietante e commovente di David Bowie.

Un estratto:

http://www.minimumfax.com/upload/files/minimum_classics/assaggio_16_tevis.pdf

Advertisements
Questa voce è stata pubblicata in anteprima e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...