Prime novità di marzo

Il bosco dei sogni

Alcune novità pubblicate nelle ultime due settimane:

Antonio R. Almodóvar, Il bosco dei sogni, Salani, 18,00 €.
La quarta di copertina:
Nel bosco di Almodóvar, popolato di principesse dai capelli d’oro, cavalli parlanti e soglie incerte da non oltrepassare, si aggira la misteriosa Aedem che si reca ogni giorno da un eminente psichiatra di Parigi, di nome Nacal. Gli racconta sogni inquietanti, un “vulcano di fuoco onirico”, e il suo rancore lascia pensare che abbia in mente una tremenda vendetta. In uno scenario arricchito dagli elementi più magici e fantastici delle fiabe di sempre, si muovono i protagonisti di cinque storie, finemente intrecciate fra loro sino a comporre un labirinto irresistibile, in cui è impossibile non volersi perdere. Il bosco della narrazione apparirà stranamente familiare al lettore, così come i protagonisti delle avventure, perché nell’intrico delle storie riconoscerà i miti e i segreti che hanno dato forma al nostro mondo, all’inizio dei tempi.

Il gioco del vampiro

Keri Arthur, Black Moon. Il gioco del vampiro, Newton Compton, 12,90 €.
La quarta di copertina:
I bassifondi di Melbourne pullulano di nightclub in grado di soddisfare ogni tipo di desiderio. Ma la Guardiana Riley Jenson non è qui per cercare il piacere: è sulle tracce di un killer che proprio in questi locali a luci rosse viene a cercare le sue prede. Riley, metà vampiro e metà lupo mannaro, è sempre stata una donna forte e coraggiosa. Stavolta però entrare in un covo così protetto non sarà per niente facile. C’è solo una persona che può aprirle le porte dell’inferno: Jin, un attraente barista dal corpo statuario. Lui, così giovane, sembra conoscere quegli ambienti meglio di chiunque altro ed è l’unico che può aiutarla a smascherare il killer. Ma Riley dovrà seguirlo nei meandri di quel mondo di lussuria e desiderio. Un mondo che le riserverà non poche sorprese e in cui lei sarà l’oggetto di una bruciante, pericolosissima passione…

S.A Bodeen, Il rifugio, Fanucci, 16,00 €.
La quarta di copertina:
Il mondo che Eli conosceva è andato distrutto in seguito a un attacco nucleare, quando lui aveva solo nove anni. Da allora la sua famiglia si è trasferita sotto terra, in un rifugio antiatomico progettato dal padre e dotato di ogni comfort e tecnologia, oltre a scorte e provviste di ogni genere. Sono già passati sei anni, e ormai sono tutti abituati alla loro nuova vita, così lontana da quella precedente. Abituati, ma non felici. L’enorme ricchezza della famiglia Yanakakis, infatti, non ha permesso loro di salvare anche Eddy, il fratello gemello di Eli, che è rimasto chiuso fuori insieme alla nonna la sera dell’attacco, e né consente di evadere da una routine quotidiana che sembra doversi trascinare all’infinito. Ma quando Eli comincia a investigare su quel luogo in cui sono rinchiusi e su quello che gli ha detto suo padre il giorno dell’attacco nucleare, finisce per far diventare la sua famiglia protagonista di un gioco mortale, contro un uomo che diventa sempre più irrazionale e perverso, potente e lucidamente folle. Sarà Eli a scoprire che la verità è tutta un’altra storia…

Angeli dell'Apocalisse

Jackie Morse Kessler, Angeli dell’Apocalisse. Tra il bene e il male, Newton Compton, 12,90 €.
La quarta di copertina:
Lisabeth ha diciassette anni e non è felice. I suoi genitori sono freddi e distanti e i compagni di classe la prendono in giro o la ignorano. Lo spettro dell’anoressia sta ormai invadendo la sua vita, il cibo è l´unico nemico su cui poter deviare le sue ansie e la sua sofferenza. Fino al giorno in cui accade qualcosa di straordinario: la Morte la nomina terzo cavaliere dell’Apocalisse, col nome di Carestia, e le affida un destriero nero e una bilancia. La sua missione sarà riportare l´equilibrio sulla Terra martoriata e agonizzante. E così, a cavallo del suo destriero, Lisabeth percorrerà territori devastati dalla fame e dalla miseria, e altri in cui l´opulenza è diventata una piaga spaventosa che deforma le popolazioni. Nel suo viaggio mitico e avventuroso Lisabeth comincerà a vedere il mondo con occhi nuovi e imparerà molte cose, anche a combattere i demoni della sua vita.

Stella della sera

Brandon Mull, Fablehaven. Stella della sera, Mondadori, 17,00 €.
Seguito di Il rifugio delle creature fantastiche.
La quarta di copertina:
Alla fine della scuola, Kendra e suo fratello Seth si precipitano a Fablehaven, il rifugio per creature mitiche e fantastiche. Nonno Sorenson, che ne è il custode, ha invitato tre specialisti – un maestro di pozioni, un collezionista di reliquie magiche e un cacciatore di creature mistiche perché lo aiutino a proteggere la proprietà dalla Compagnia della Stella della Sera, un’antica organizzazione determinata a impadronirsi di un potentissimo amuleto nascosto nella tenuta. Non c’è tempo da perdere. Se il misterioso manufatto dovesse cadere nelle mani sbagliate, non solo Fablehaven sarebbe in grave pericolo… Rischierebbero di scomparire tutte le altre riserve magiche e l’intero pianeta!

Spells

Aprilynne Pike, Spells, Sperling & Kupfer, 17,90 €.
Seguito di Wings.
La quarta di copertina.
È iniziata l’estate, ma la vita di Laurel non è più la stessa. Ora che sa di essere una fata, non può ignorare le sue responsabilità nei confronti del regno di Avalon. E così, quando viene convocata dall’Accademia delle fate per un corso intensivo di magia, decide subito di partire. Ad Avalon, Laurel potrà finalmente essere se stessa. Imparerà gli incantesimi che le permetteranno di difendere le porte segrete del regno dal temibile Jeremiah Barnes e realizzerà così il suo destino.
Ma tornare ad Avalon significa molto di più. Vuol dire rimettere in discussione tutto e ferire la persona che più ama al mondo, il suo dolcissimo fidanzato umano, David. Perché lì rivedrà Tamani. Sono passati molti mesi dal loro ultimo incontro, e Laurel crede di averlo dimenticato. Però, quando lui la stringe di nuovo tra le braccia, professandole amore eterno, dentro di lei si risvegliano emozioni inebrianti, emozioni che David non è mai riuscito a farle provare. Ancora una volta contesa tra due mondi, e tra due ragazzi tanto diversi quanto irresistibili, Laurel dovrà compiere una scelta dolorosissima, che forse le spezzerà il cuore per sempre.
Ma la salvezza di Avalon è appesa a un filo e per Laurel è giunto il momento di decidere: qual è davvero il suo posto, tra gli umani o tra le fate? Qual è il suo futuro, con il tenero David o con l’affascinante Tamani? il secondo, attesissimo capitolo della saga di Wings. Una lettura piena di magia, romanticismo e avventura, una travolgente storia d’amore.

La spada del destino

Andrzej Sapkowski, La spada del destino, Nord.
La quarta di copertina:
Geralt di Rivia è uno strigo, un assassino di mostri. Ed è il migliore: solo lui può sopraffare un basilisco, sopravvivere a un incontro con una sirena, sgominare un’orda di goblin o portare un messaggio alla regina delle driadi, fiere guerriere dei boschi che uccidono chiunque si avventuri nel loro territorio… Geralt però non è un mercenario senza scrupoli, disposto a compiere qualsiasi atrocità dietro adeguato compenso: al pari dei cavalieri, ha un codice da rispettare. Ecco perché re Niedamir è sorpreso di vederlo tra i cacciatori da lui radunati per eliminare un drago grigio, un essere intoccabile per gli strighi. E, in effetti, Geralt è lì per un motivo ben diverso: ha infatti scoperto che il re ha convocato pure la maga Yennefer, l’unica donna che lui abbia mai amato. Lo strigo sarà dunque obbligato a fare una dolorosa scelta: difendere il drago e perdere Yennefer per sempre, o infrangere il codice degli strighi pur di riconquistare il suo cuore…
Sul sito della casa editrice è possibile leggere alcune pagine: http://www.editricenord.it/scheda.asp?editore=Nord&idlibro=7148&titolo=La+spada+del+destino

Il giorno

Elie Wiesel, Il giorno, Guanda, 11,00 €.
Di Wiesel ho letto solo La notte, lo straordinario testo autobiografico che parla della sua terribile esperienza ad Auschwitz. Malgrado il tema trattato l’orrore è solo percepito e mai descritto chiaramente, in un volume angosciante ma dalla straordinaria forza poetica. E i dubbi che tormentano l’anima di Wiesel, l’urlo disperato che Dio è morto insieme a un bambino impiccato sono qualcosa che non può essere ignorato. Se l’umanità ha consentito che tutto ciò potesse accadere, ha il dovere di ricordare, e di vigilare su quanto potrà accadere in futuro.
La quarta di copertina:
A New York, in un’afosa domenica di luglio, un uomo viene investito da un taxi e resta gravemente ferito. Risvegliatosi dal coma in un letto d’ospedale, assiste, spettatore indifferente e quasi ostile, ai disperati tentativi di guarirlo da parte dei medici e della donna che lo ama. Se il presente — il mondo inconsapevole dei vivi, con la sua promessa di serenità, l’amore di Kathleen, la benevola curiosità di un giovane dottore, l’affetto degli amici — vuole imporgli le sue ragioni, un passato di distruzione e morte lo reclama a sé e pretende i suoi diritti. In un caleidoscopio di ricordi, in cui all’infanzia nel villaggio ebraico si mescolano le esperienze della guerra e del dopoguerra, sfilano dinanzi a lui i volti delle vittime, gli uomini e le donne annientati durante l’Olocausto. Le voci dei morti, eco di un mondo scomparso per sempre, risuonano ben più reali e forti di quelle dei vivi, imponendogli l’imperativo della memoria, il dovere della testimonianza.
Vivere è una colpa, perché vivere significa dimenticare, significa accettare che, anche dopo Auschwitz, siano possibili la felicità e l’amore. In questo breve romanzo, teso ed essenziale, Elie Wiesel ripropone la lotta tra le ragioni della memoria e le ragioni della vita, la tragedia di chi è sopravvissuto e non riesce a perdonarselo.
Alcune righe del romanzo:
“E’ inutile gridare quando si ha la bocca piena di sangue: i passanti vedono il sangue, ma non ne afferrano il grido. Per questo motivo rimanevo in silenzio. E anche perché sognavo una notte d’estate in cui avevo il corpo gelido. Il caldo era nauseante, le facce che si chinavano su di me grondavano di sudore, che cadeva a gocce regolarmente distanziate; ma ecco, sognavo che sarei morto di freddo. Come riuscire a gridare contro un sogno? Come urlare contro la luce che muore, contro la vita che si spegne, contro il sangue che se ne va?

Advertisements
Questa voce è stata pubblicata in anteprima, freschi di stampa e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...